it
frenesptdeplnlruidja

LinkedIn consigli : Trova i tuoi primi clienti gratuitamente

show table of contents

Siamo tornati in questo riepilogo completo di Live Waake Up con Maud che ci dà le chiavi per conoscere i LinkedIn consigli e tutti i segreti e i trucchi. Pronti a partire? Parleremo di prospezione ma anche di tutti i piccoli trucchi che potete usare su LinkedIn. Se non avete ancora visto il video, ecco dove trovarlo 👇.

Oggi parleremo di freelance, di solopreneurship e delle difficoltà che si incontrano quando si inizia. Ma anche di come utilizzare il social network professionale LinkedIn per trovare i primi clienti senza spendere un solo euro.

Premessa

Iniziamo subito con una piccola presentazione di Maud. Ha iniziato a 18 anni con la maturità classica. Ha lasciato tutto per frequentare una scuola d’arte. Alla fine ha fatto la modella e, dopo 3-4 anni, ha smesso tutto per dedicarsi alla comunicazione di marketing.

Poi ha frequentato l’università di economia 💰 management e dopo qualche stage, quando è arrivata in Svezia, non ha trovato le missioni all’altezza degli studi che ha fatto. Ha conseguito un master in imprenditorialità, ma non preoccupatevi, non è necessario avere un master per avviare un’attività imprenditoriale.

Se ve la sentite di intraprendere questa strada, potete farlo e se vi sentite più a vostro agio a partire da un master, potete farlo anche per rassicurarvi.

LinkedIn consigli : Difficoltà nell’avviare un’impresa

Quali sono i principali ostacoli incontrati? Per Maud, la prima difficoltà è stata quella di separarsi 💔 dal suo compagno e la seconda, che deriva direttamente dal fatto numero uno, è quella di essere sola.

Infine, Maud è riuscita a circondarsi di persone nelle stesse condizioni, a sviluppare una rete. Per non essere più sola, ha iniziato ad avvicinarsi a persone che erano in quel settore, grazie al master. È proprio passando del tempo su LinkedIn, la rete professionale, che si possono trovare contatti e avvicinarsi a tutti i creatori di contenuti.

Come usare LinkedIn per ottenere i primi clienti gratuitamente

Veniamo ora alla parte più interessante. Se volete trovare i vostri primi potenziali clienti, dovrete usare bene LinkedIn e distinguervi. Per farlo, Maud vi dà i suoi preziosi consigli 💎. Tra l’altro, LinkedIn è la rete professionale numero 1 per quanto riguarda la prospezione Btob.

Creazione di contenuti – Il processo

Per creare contenuti, dovete andare sui media, sulle piattaforme, seguire i contenuti di altre persone, interagire con loro e iniziare voi stessi a condividere su queste stesse reti.

In ogni caso, dovete circondarvi di persone che si trovano nella vostra stessa fase. Dovete iniziare a trovare i vostri primi clienti prima ancora di avere un’offerta di servizi. Il primo obiettivo 🥇 è quello di trovare persone al telefono.

Potete passare ore a creare landing page, a creare il prodotto o l’offerta che ritenete perfetti, ma poi vi rendete conto che, una volta che andate dai vostri primi clienti, questi non li vogliono affatto. Dovete cercare prima i vostri clienti, creare post, creare contenuti (tecnica di Inbound Marketing), inviare e-mail.

auto-entrepreneur-linkedin-inbound-marketing

Infatti, sulla rete LinkedIn, che conta milioni di utenti, dovete solo lavorare sul vostro profilo professionale e sui vostri contenuti in modo che le persone vi contattino perché hanno un problema con gli argomenti che preferite.

Una volta stabilito un primo contatto ☎️ con una persona, sarete in grado di capire le sue esigenze, le sue aspettative e i suoi problemi e quindi potrete definire la sua famosa persona. Man mano che si procede, si chiariscono le personas quando si hanno sempre più clienti.

Creare un pubblico per generare vendite

E sì, dovremo passare attraverso la creazione di un pubblico per poter iniziare a vendere. Quindi, come si crea il pubblico 🤔? Trovando un argomento che possa interessare i target.

Trovare l’argomento

Dovete avere un argomento importante su cui volete posizionarvi quando volete che i clienti vengano da voi.

Dovete sapere a quale parola (o parole chiave) volete essere associati. Se pronunciamo una parola particolare, pensiamo a un nome. Questo è esattamente ciò che dovete fare, dovete girare intorno a questa parola che costruirà il vostro prodotto.

Pensate anche a questo, se siete sul social network LinkedIn. Quando parliamo di SEO, a chi pensate? E all’imprenditoria? Se avete in mente dei nomi su argomenti particolari, degli influencer a cui pensate, è proprio questo che dovete fare: avere un argomento che appena viene sentito, le persone pensano a voi.

Dovete essere un referente dei media. E se pensate di non essere abbastanza bravi, di avere la “sindrome dell’impostore”, anche noi abbiamo una soluzione 😜.

Sindrome dell’impostore

Qual è la mia legittimazione a parlare? Per qualsiasi creatore di contenuti, indipendentemente dal suo livello, avere un pubblico così ampio è meritato in relazione al mio livello di competenza?

La risposta è sì: la tua esperienza di vita e la persona che sei ti permettono di avere sempre cose da condividere 🍰 che gli altri potrebbero non aver vissuto. Infine, il primo problema che affronteremo è “Come faccio a trovare i primi clienti quando inizio a fare il solista? ”

Bisogna fare il grande passo, bisogna passare all’azione, bisogna dire a se stessi: “Ok, ho la sindrome dell’impostore ma sto cercando di arrivarci”. E provare su diversi canali. Dovete ascoltare ogni nuova opportunità.

LinkedIn consigli : Come trovare il vostro canale?

Bisogna avere una strategia in più fasi. Bisogna assolutamente cercare l’acquisizione. E per Maud, ci sono due ⚒️ strumenti incredibili tra l’elenco dei social network:

  • LinkedIn.
  • TikTok.

Perché queste due piattaforme? Perché il loro algoritmo non tiene conto del numero di follower che avete e quindi potete benissimo fare 1 milione di visualizzazioni.

Stiamo parlando di acquisizione di pubblico e non di acquisizione di clienti. Per queste due piattaforme, dovreste concentrarvi 💡 su uno di questi canali per 3-6 mesi. Una volta che avrete sfondato, sposterete l’audience su un canale dove potrete avere una maggiore fidelizzazione:

  • Un podcast.
  • Webinar.
  • Newsletter.
  • Un blog.

Una volta che le persone vengono iscritte a un podcast o a una newsletter 💌 iniziamo a coinvolgere le persone. Da lì, potremo iniziare a vendere qualcosa.

Avete capito meglio cosa vogliono perché avete fatto dei test A/B sui vostri post di acquisizione. L’ultimo passo è cercare di giocare a lungo sui canali in cui è più difficile emergere, come Instagram o anche YouTube.

LinkedIn consigli : Creare contenuti che generino visibilità

Le domande che si pongono sull’uso di LinkedIn sono spesso le stesse. Che giorno devo postare? A che ora del giorno? Quale argomento? Ecco alcuni consigli su LinkedIn.

Che tipo di contenuti LinkedIn?

Maud risponde che dovreste postare il martedì, il mercoledì e il giovedì, di solito al mattino di quello che state dicendo.

Ora, invece, consiglia di farlo la sera perché tutti hanno sentito dire che bisogna farlo la mattina 😵. È necessario taggare? Va bene taggare qualcuno, ma attenzione, se non risponde entro un’ora o un like, la portata cala del 20%, quindi evitiamo.

Per quanto riguarda gli hashtag, non c’è alcuna differenza visibile per Maud, non aiutano molto.

Con quale frequenza devo postare? Più postate, più risultati otterrete. Ora si tratta di capire se siete in grado di mantenere il ritmo nel tempo.

È meglio essere regolari nel lungo periodo, bisogna essere presenti. Se volete davvero diventare un solopreneur e diventare un solomediatico, dovete chiedervi quanto durerete in questa attività. Se vi impegnate per tre anni, dovrete mantenere lo stesso ritmo per tre anni. Che tipo di formato?

Per Maud, il formato principe è il carosello perché migliora il Dwell time (che corrisponde al tempo trascorso sul post) e il video, ma deve essere nativo. Gli articoli sono da dimenticare e i sondaggi funzionano ma bisogna farli in modo intelligente 🧠. Dovete avere un valore aggiunto e rispondere a un problema. Attenzione a non screditarsi con un contenuto solo perché funziona.

Dovete creare contenuti che interessino il vostro pubblico e di cui il pubblico possa fidarsi. Evitiamo anche di condividere pubblicazioni fatte da altri creatori. È meglio ripubblicare la propria idea e citare l’autore.

LinkedIn consigli : Reposting su altri canali

Per Maud, che ha la tendenza ad annoiarsi rapidamente con un’idea, ne scrive una volta e non ci torna più sopra perché è un déjà vu.

Pubblica due volte a settimana contro le quattro di alcuni designer, ma questo perché la strategia non è la stessa. D’altro canto, può scrivere un lungo articolo e farne un mini curriculum sul primo social network professionale, LinkedIn.

Dovete ricordarvi di sperimentare cose diverse e di trovare il vostro modo di fare le cose, perché è così che vi differenzierete. È nel vostro marchio personale che vi distinguete. Dovete fare cose che vi somigliano, mantenendo una mentalità aperta e cercando di ottenere ciò che le persone vogliono, abbinandolo a ciò che volete voi.

LinkedIn consigli : Vendere un prodotto o un servizio

Come si fa a vendere un servizio a 500€ l’ora 🤯? Come si fa ad accettare un prezzo del genere quando si è un freelance o un solista?

Ci sono persone disposte a pagare quella cifra. Se sono disposte a farlo, significa che la mia offerta ha un valore. Quindi è a questi clienti che dovete rivolgervi. Dovete cambiare la vostra mentalità sul vostro valore.

Ci sono persone disponibili e pronte, bisogna saper rispondere alla loro domanda. La seconda mentalità consiste nel dimostrare di essere i migliori su un argomento. Ovviamente la concorrenza esiste, ma la differenza sta nel personal branding.

È grazie all’Inbound Marketing (una strategia di marketing) che ci sono clienti che vengono da voi. Inoltre, c’è un effetto di scarsità. Dovete anche darvi la possibilità di scegliere i vostri clienti.

I vantaggi? La persona sa già cosa faccio, quindi se ti conosce, conosce già le tue condizioni.

Scegliere il progetto

Per avere la possibilità di scegliere un cliente o un progetto, per Maud, bisogna dare la priorità al contenuto. Ok, ma cosa significa? Da dove cominciamo?

Ogni esperienza è diversa, quindi inevitabilmente i passi seguiti da Maud non sono necessariamente quelli che incontriamo noi o quelli che lei consiglia. Si può iniziare con un podcast, una newsletter o un webinar in cui si intervistano esperti e allo stesso tempo si comunica su TikTok o LinkedIn. In questo modo, possiamo anche beneficiare del pubblico della persona che abbiamo invitato. In ogni caso, dovrete individuare e trovare :

  • Di cosa hanno bisogno le persone.
  • Che cosa le fa emozionare?
  • Quali sono i loro veri problemi.

Per questo, dovrete dedicare almeno un mese a trovare le risposte e poi sarà un lavoro a lungo termine perché dovrete rispondere continuamente alle loro domande.

Ad esempio, se avete domande da parte dei vostri abbonati, non esitate a chiedere loro perché trovano interessante questo articolo piuttosto che un altro, perché questo argomento li interessa ecc…. Non esitate a fare domande per poi perfezionare il funzionamento. Dedicate il vostro tempo a fare domande, vi aiuterà.

Avrete molte informazioni, ma dopo un po’ di tempo, queste informazioni si confronteranno e comincerete a identificare gli argomenti specifici su cui c’è un vero punto dolente.

Raccogliere feedback

LinkedIn è davvero un ottimo canale di prospezione, ma anche di raccolta di feedback.

Contattarli direttamente con un messaggio privato (manualmente o automaticamente) per chiedere loro informazioni funziona davvero. Se state cercando di vendere loro qualcosa, non vi seguiranno, ma se chiedete aiuto, funziona molto bene. Questo tipo di campagna ha ottenuto ottimi risultati. Per farlo, potete fare :

  • Ricerca mirata 🎯.
  • Recuperare le persone che hanno commentato post simili al proprio ecosistema.

FAQ dell’articolo LinkedIn consigli : Trovare i primi clienti gratis

Al fine di fornire risposte pertinenti ad argomenti che si presentano spesso, li abbiamo raggruppati qui.

Domande e risposte

L’invio di un modulo Google ai gruppi LinkedIn e Facebook è un buon modo per ottenere risposte?

Le persone hanno già risposto ai moduli Google? Otteniamo risposte pertinenti tramite il modulo di Google? È molto difficile analizzare le risposte che ci sono dietro. Preferisco fare un’analisi qualitativa e, ad esempio, se ricevo un like

su un post, vado da quella persona e glielo chiedo direttamente.

Potete pubblicare con la vostra pagina aziendale?

Non è il caso di parlarne, è una pessima idea.

E il futuro del solopreneurship?

Non c’è ancora una visione a lungo termine. È molto nebuloso, fare piani a lungo termine è inutile. Ho imparato a convivere con il caos. Mi chiedo cosa farò tra 3-6 mesi. So già come sarà il futuro, ma ci sono molte possibilità e strade che si possono percorrere.

Come consiglierebbe a qualcuno di iniziare?

Dipende da cosa vi piace. Se vi piace essere uno stipendiato, vi piace lavorare in un team e siete bravi a farlo, potete rimanere in quello che vi fa stare bene. Dovete anche apprezzare il sovraccarico mentale che potete avere come solopreneur, accettare di lavorare da soli. Poi dipenderà dalla direzione che si vuole prendere (ad esempio, la gestione di un team).

Che consigli hai dopo gli studi? È meglio fare esperienza con un contratto a tempo indeterminato e investire nella propria attività o lanciarsi direttamente con una formazione sul lavoro?

È meglio lanciarsi direttamente. Non si è mai pronti per l’imprenditoria, bisogna superare le proprie paure e lanciarsi. Non avete nulla da perdere, dovete partire il prima possibile. Potete farlo parallelamente agli studi, parallelamente al vostro lavoro fisso, qualunque sia il vostro lavoro

.

Come trovate le idee per i contenuti, qualche consiglio su LinkedIn?

Si tratta di sapere cosa vogliono le persone. Quando vedo dei commenti, mi nutro di ciò che le persone dicono e questo mi aiuta ad acquisire nuovi clienti.

Perché non si dovrebbe pubblicare con la pagina aziendale?

In realtà non funziona sulla rete professionale di LinkedIn. Le ragioni sono oscure, ma me ne vengono in mente due. C’è un soffitto di vetro posto da LinkedIn perché il loro business prevede che ci siano aziende che acquistano post sponsorizzati per ottenere visibilità.

Di conseguenza, una pagina aziendale avrebbe meno visibilità organica di una pagina personale. Ma questa è solo un’idea. La seconda cosa che ne riduce il successo è che la nostra generazione è stata talmente bombardata da messaggi di marketing in tutte le direzioni che abbiamo questa selezione naturale per cui, non appena vediamo la testa di un logo, lo saltiamo. Le persone non sono sui social network

per vedere le pubblicità. Ora conoscete tutti i segreti dei LinkedIn consigli.

5/5 (250 votes)
Vi consigliamo 👇

Convert more leads into clients with these 7 secret B2B prospecting messages 🚀

Enter your first name and email address  to receive the 11 page digital book now:

Where do we have to send it now?