Esempi di test A B: 5 passi migliori per implementarli

Published by Melany on

12 minutes
5/5 - (211 votes)

Gli esempi di A B testing non ti dicono niente? O forse non sai come iniziare? Ok, resta con noi, ti daremo i nostri migliori consigli per ottimizzare le tue campagne 🔥

Prima di tutto, devi sapere che si usa il test A B confrontando due (o più) procedure per :

  • Una pagina,
  • Un articolo,
  • Una mail.

Questo è impostato per determinare ciò che funziona meglio. Nella prospezione, dobbiamo testare i migliori approcci in modo che, alla fine, possiamo convertire al meglio. Nel test A B, è tutta una questione di ottimizzazione. Ecco, ti spieghiamo tutto 🚀

Se raddoppi il numero di esperimenti che fai all’anno, raddoppierai la tua inventiva. – Jeff Bezos.

Cos’è il A B testing ?

Diamo un’occhiata più da vicino a questo termine 🤔. Devi sapere che il test A B è una tecnica di marketing che permette di testare diverse soluzioni (di solito una soluzione A e una B). Saremo in grado di confrontare due versioni (o più se ne hai voglia):

  • Da un’app,
  • Da una landing page,
  • Da un’email,
  • Da un pulsante…

Variazioni della tua proposta sono presentate in modo casuale ai tuoi segmenti di utenti. Avrai l’opportunità di scoprire se un colore particolare attrae il tuo pubblico, se un particolare oggetto email genera un tasso di apertura migliore, se la posizione della tua CTA (call to action) è nel posto giusto… In effetti, puoi testare davvero tutto🧪!

Una volta che hai trovato il messaggio che mostra il maggior rendimento, sarai in grado di usarlo sul resto della tua base di lead. Il test A B diventa quindi un passo indispensabile per sperimentare ⚗️ cosa funziona meglio tra i tuoi utenti.

I diversi test che eseguirai sono fatti su campioni del tuo database. Fai attenzione ☠️ a segmentarli bene. I pubblici devono essere simili in modo che abbiano la stessa intenzione finale (come comprare i tuoi prodotti per esempio).

Diciamo che esegui questi test su 100 persone, 50 di loro testeranno la versione A e altre 50 persone testeranno la versione B. Se una di queste versioni si comporta meglio, è considerata “vincente” 🏆 perché avrà dato risultati migliori dell’altra. Naturalmente, i vostri clienti o prospect non sono consapevoli che stanno “subendo” questo test, quindi si comportano come se la soluzione presentata fosse quella giusta ✔️.

Perché fare esempi di A B testing ?

Per cominciare, facciamo esempi di test A B perché è già dimostrato che funziona 💪 in vari campi.

Quando vai ad acquisire un mercato, nuovi clienti, stai fondamentalmente facendo delle ipotesi. Eppure, ciò che funziona per un’azienda, non funzionerà necessariamente per un’altra, e questo anche se entrambe operano nello stesso settore.

E anche quando sei ben stabilito🌱 acquisire traffico di qualità per un sito può essere estremamente difficile. Grazie a questo metodo di web marketing, si riesce ad ottenere nuovi clienti ma anche a mantenere quelli vecchi. L’interesse di fare questi diversi test è che si potranno raccogliere dati 📊.

E i dati sono molto preziosi, soprattutto quando vuoi che la tua soluzione funzioni. Tutto il tuo processo decisionale potrà essere ponderato perché basato sui risultati che otterrai

Piccolo bonus 🍀: avrai una visione migliore dei gusti del tuo pubblico. Li conoscerai, e quindi, sarai in grado di proporre meglio argomenti, prodotti o anche contenuti che interessano i tuoi visitatori. Questo lascerà poco spazio ai dubbi poiché avrai fatto dei test e saprai cosa converte meglio tra le diverse varianti che avrai impostato.

Ciliegina🍒 sulla torta, sarai in grado di aumentare il rendimento delle tue campagne, capitalizzando ciò che coinvolge di più. E non te lo insegniamo noi, guadagnare performance significa risparmiare tempo 🕛, denaro 💳 ed efficienza.

In quali casi dovremmo usare i A B testing ?

Probabilmente ti starai chiedendo in quali casi possiamo usare esempi di A B testing. La risposta è che possiamo usarlo in quasi tutte le situazioni, che sia per :

  • 🟢 Un prodotto fisico (scelta del colore),
  • 🟢 La dimensione o la posizione di un pulsante sul tuo sito,
  • 🟢 Il design della tua soluzione, l’oggetto delle tue mail,
  • 🟢 l’efficienza di una funzione…

Come potete vedere… Le possibilità sono infinite. Se volete massimizzare la conversione, dovrete condurre dei test.

Usalo per le tue landing page

Hai in mente diverse soluzioni da proporre ai tuoi utenti nel caso di una landing page… Ma ecco il punto: tutto è in contrasto con quello che vuoi offrire ai tuoi futuri clienti e diverse domande ti “irritano”:

  • Che visual metterò sulla mia pagina?
  • La mia call to action è abbastanza visibile o ben posizionata?
  • Quale colore è più adatto al mio sito?
  • Il mio modulo ha una risposta facile?
  • Il mio titolo è abbastanza accattivante?

Hai ragione a farti tutte queste domande 🤔 perché vuoi convertire. Il fatto che tu possa testare diversi visual, cambiare la posizione delle tue CTA (o cambiare la loro dimensione o colore), misurare la carta grafica del tuo sito sono elementi importanti da prendere in considerazione. Quando arriviamo su una landing page, deve essere sexy.

Sì, sì, sì, la prima impressione conta quando si arriva freschi su un sito! Quello che vogliamo è convertire 💰. Quindi è fondamentale convincere i tuoi utenti a rimanere sulla tua pagina fin dal primo sguardo 👀.

Grazie agli esempi di test A B potrai impostare diversi scenari per la tua landing page. Tutto quello che dovrai fare è scegliere quello che si comporta meglio. Con questi test, non dovrai ripensare tutta la tua pagina, potrai apportare sottili modifiche e, quindi, ridurre il rischio di compromettere il tuo attuale tasso di conversione 💸.

Usa esempi di A B testing per misurare l’efficacia di una funzione

Nel caso in cui non sai se una caratteristica piacerà o meno, puoi anche implementare il test A B. Che si tratti di una caratteristica su Desktop 💻 o anche su mobile

Più che una formalità, se vuoi ottimizzare le conversioni e i download delle app, devi condurre dei test. Impostare degli esempi di A B testing su una feature ti aiuterà a capire se il cambiamento che vuoi implementare conquisterà i cuori 💖 del tuo pubblico.

Forse vuoi implementare la funzione “condividi sui social network” con la tua app. Non sai se questa funzione avrà un click-through rate significativo 🖱️…

Semplice: fai dei test A B. Implementa la tua idea e fai testare ai tuoi utenti la versione con e senza la suddetta funzionalità. Tutto quello che devi fare è analizzare cosa funziona meglio e prendere la tua decisione dopo.

A B Testing nell’emailing

L’e-mail è ancora un’ottima soluzione quando si tratta di prospezione. Gli anni passano, eppure è una soluzione che viene ancora utilizzata più che mai

È molto semplice fare il test A B nelle email di marketing 📧. Invii una versione A a una parte dei tuoi iscritti, e la versione B all’altra parte. Di nuovo, puoi cambiare totalmente l’oggetto, il visual, i pulsanti incorporati nella tua email. Una volta che hai deciso, testalo.

Ancora una volta, la soluzione che ottiene il miglior risultato è quella di essere mantenuto e stabilito su tutta la tua lista di clienti e futuri clienti. È sempre una grande idea 💡 usare esempi di test A B per i tuoi prospect ma anche per quelli che sono già clienti con te. Quando si esegue una campagna web, si hanno un sacco di opzioni tra cui scegliere quando si tratta di ciò che guiderà il miglior tasso di apertura. Una volta che avete fatto i vostri test, avrete tutti i dati necessari per sapere cosa funziona meglio. Ma non smettere di sperimentare. Il mailing è un caso speciale perché spesso ci teniamo in contatto con questa modalità di comunicazione. È quindi necessario essere coerenti nel suo utilizzo.

Implementalo nei tuoi annunci sponsorizzati

A B test Facebook Ads

Sapevi che puoi condurre esempi di A B test con diversi social media 📱? Diciamo che sei un inserzionista e vuoi iniziare a fare A B test con Facebook (Facebook ads). È davvero facile!

🌟 Passo 1: Vai al tuo gestore di annunci. Poi clicca su “Crea”

🌠 Passo 2: Scegli l’obiettivo della tua campagna in base ai tuoi obiettivi ️.

🌟 Passo 3: Una volta scelto l’obiettivo della tua campagna, dai un nome alla tua campagna e attiva il pulsante “crea un test A B”.

🌠 Passo 4: Scegli la pagina che vuoi promuovere, imposta il tuo budget, la data di inizio e fine e definisci il tuo pubblico.

🌟 Passo 5: Imposta il tuo annuncio, scegli il suo posizionamento e clicca su “Pubblica”. Probabilmente starai pensando:“Sciocchezze, c’è solo una versione qui accidenti” 🤪. E ti diremo che hai ragione, ma non è ancora finita! Una volta che hai pubblicato il tuo annuncio, hai la versione A.

Ti verrà quindi chiesto di duplicare la campagna pubblicata e di apportare le modifiche necessarie per la versione B. La piattaforma ti permette infatti di testare le tue variabili come la selezione del pubblico, il posizionamento dei tuoi vari annunci o anche il contenuto di prova. Questo vi permette di avere un controllo totale sulle vostre diverse campagne. Tutto quello che devi fare è scommettere su ciò che è più rilevante.

Esempi di test A B su Google Ads

Puoi anche fare dei test A B con Google Adwords (purtroppo non ancora con i tuoi annunci video e di shopping). Puoi testare diversi elementi disponibili nei tuoi annunci:

  • Il titolo,
  • La pagina di destinazione,
  • Il testo dell’annuncio,
  • Le tue parole chiave,
  • La strategia di offerta.

È allora Google che sarà incaricato di visualizzare i tuoi annunci A e B. Alternerà i tuoi annunci nei risultati dei tuoi potenziali clienti. Una volta che hai analizzato quale annuncio funziona meglio, devi solo mettere l’altro in attesa.

Come si usa il test A B su LinkedIn?

Sì, hai letto bene 🤯, puoi assolutamente fare A B testing marketing su LinkedIn. Ma come si fa? Beh, puoi usare:

  • Scoprire se gli inviti su questo social network professionale funzionano meglio con o senza una nota,
  • Quale tipo di messaggio ottiene il più alto tasso di risposta,
  • Per sapere quale titolo funziona meglio sul tuo profilo…

A proposito, vi consigliamo di andare a leggere l’articolo su come aumentare il vostro titolo su LinkedIn. Nel caso tu non sappia come funziona su questo social network professionale. Ecco un piccolo tuto 😉 (no, è per noi, niente paura) per impostare un test A B.

Ok, diciamo che sei un“SEO specialist” e vuoi connetterti con altri professionisti 👓 del settore. Inizia digitando il lavoro che stai cercando, trova le persone e connettiti con loro.

Fai il test di connessione con valutazione e senza valutazione e vedi quali inviti sono stati più accettati.

Poi dovrai solo aspettare e vedere quali inviti si sono comportati meglio 💪.

Come usare il test A B su LinkedIn con Waalaxy?

Quando si fanno i test A B, la cosa più importante è continuare a testare. Il mercato cambia, così come i tuoi obiettivi. È importante fare diversi test sui migliori approcci e nel tempo ⌛. Questo perché sarai in grado di basarti su dati qualitativi e significativi.

Noi facciamo test A B, sì, ma non prendiamo decisioni affrettate. E parlando di test nel tempo, ti suggeriamo di associare LinkedIn al nostro strumento. Quindi, come si sperimenta l’A B testing su LinkedIn con Waalaxy? Beh, è una buona cosa che ti stiamo dando qualche consiglio 💡 proprio ora.

Inizia la tua prospezione: esporta i tuoi obiettivi

Affinché il tuo approccio abbia senso, dovrai mirare ai tuoi prospect. Infatti, per fare dei test A B, devi avere un campione di utenti abbastanza grande in modo da poter basare il tuo approccio su dati che ti serviranno. A rischio di ripeterci, dati quantitativi ma soprattutto qualitativi 👌.

Accedi a Waalaxy, vai su LinkedIn e inizia a targettizzare e poi esportare i tuoi vari prospect. Scegli un campione abbastanza grande 🧪. Qui abbiamo deciso di scegliere 100 prospetti per la campagna A e 100 per la campagna B. Che i festeggiamenti abbiano inizio.

Definire la tua sequenza di esempi di test A B

Forse non hai familiarità con il termine “sequenza”, quindi te lo presentiamo molto rapidamente. In Waalaxy, ciò che chiamiamo sequenza o template è la combinazione di azioni che attuerai e in cui i tuoi prospect avanzeranno. Questi sono i passi che i tuoi obiettivi 🎯 percorreranno per arrivare ad un’azione finale molto semplicemente.

Se hai bisogno di maggiori informazioni sulle sequenze in Waalaxy, e su come trovare la giusta sequenza ✔️, quella che fa per te, ti consigliamo di andare a leggere questo ottimo articolo. Definisci la tua sequenza in base ai tuoi obiettivi e alle tue esigenze.

A B test per gli inviti su LinkedIn

Una volta scelta la tua sequenza, non resta che definire il tuo messaggio ✉️. Per esempio, puoi decidere di inviare inviti di connessione con e senza un messaggio o due messaggi ben distinti. Dovrai solo vedere i diversi risultati a seconda dell’accettazione degli inviti.

A B test per l’invio di messaggi

Un’altra sequenza che puoi accoppiare con il test A B è ovviamente l’invio di messaggi. In particolare, l’invio di messaggi a persone che sono nel vostro stesso gruppo su LinkedIn. Una volta che hai importato i tuoi lead, puoi inviare due versioni di messaggi e vedere quale versione ottiene più risposte 👊.

Fare dei test A B in Waalaxy per l’invio

Ne abbiamo già parlato prima ⬆️ durante questo articolo. Gli esempi di test A B funzionano perfettamente con il mailing per raggiungere i tuoi obiettivi.

Sarebbe davvero stupido farlo senza Waalaxy. Hai la possibilità di scegliere una sequenza che ti permetterà di visitare un profilo e poi di inviare una e-mail a quella persona.

Anche in questo caso, puoi fare dei test su un campione, un messaggio, un titolo e vedere quale versione ti dà più risultati. Francamente, niente di fantascientifico 🧙 , l’interfaccia di Waalaxy è facile da usare ed estremamente intuitiva. Ma stiamo pensando a te (non ringraziarci), nel caso ti fossi dimenticato come impostare una campagna, ci vediamo qui.

Analizza i tuoi risultati

Una volta che hai finito di targettizzare 🎯, esportare, scegliere la tua sequenza e il tuo messaggio, dovrai aspettare. Aspetta un po’ per poter leggere i tuoi risultati.

Devi dare ai tuoi vari target il tempo di aprire le email, o semplicemente dar loro il tempo di accedere al loro account LinkedIn. Grazie al nostro strumento, hai accesso a una dashboard molto bella💎(rimaniamo molto obiettivi). Sul tuo schermo, a sinistra clicca su “Campagne”.

Avrai quindi una panoramica delle campagne che hai potuto impostare. Clicca su una di esse e confronta il tuo miglior tasso di apertura.

In questo modo puoi seguire in tempo reale i risultati delle versioni che hai impostato e continuare a ottimizzarle se necessario.

Cosa ricordare degli esempi di test A B?

Come puoi vedere, le possibilità sono infinite in termini di test A B. Ma la chiave🗝️, soprattutto, è la coerenza nei tuoi test. Non riposare sugli allori e cerca un miglioramento continuo. Ricorda che il tuo pubblico si comporta in modo diverso e ci vorrà del tempo per capirlo 🧠. Ed è una battaglia nel tempo; perché una volta che li hai capiti, dovrai sicuramente ricominciare da capo, perché anche il tuo pubblico si evolve.

Continua a condurre test A B prima, durante e dopo aver raccolto i tuoi dati basandoti ovviamente sul Kpi che hai impostato e misura il tuo ROI. Traccia le campagne e tieni d’occhio costantemente 👁️ la tua dashboard per aggiustare la tua strategia. Perché sì, è così che sarai un leader nel tuo settore. Ora sai come e perché dovresti fare i test A B, questa tecnica che ha e continuerà a dimostrarsi in futuro. Che sia per aumentare la tua consapevolezza, impostare una nuova newsletter, l’A B testing è una vera e propria leva 🎰 di marketing e dovrebbe essere usato per migliorare continuamente la propria strategia. E come bonus, ti abbiamo dato tutte le chiavi per usarlo con la nostra grande soluzione. Le possibilità sono numerose, vai così.

Discover Waalaxy 🪐

Faqs dell’articolo Esempi di test A B: 5 passi per implementarli

Gli esempi di test A B sono utilizzati principalmente per testare diverse soluzioni sui tuoi clienti e lead. Se sei un marketer, i test A B dovrebbero far parte dei tuoi diversi compiti. Più il tuo contenuto è rilevante e più piace ai tuoi utenti, più probabilità hai di convertire ma anche di fidelizzare 💑 . Tutte le tue azioni di marketing potranno basarsi sui risultati ottenuti.

Come funzionano gli esempi di A B Testing?

Questo metodo ti permetterà di stabilire un processo di sperimentazione in cui vengono presentate due versioni (nel caso dell’A B testing) o più (c’è l’A/B/C testing nel caso tu voglia presentare 3 soluzioni diverse). Queste soluzioni saranno poi presentate in modo casuale al tuo pubblico di riferimento 🎯. Questo ti permetterà di determinare quale versione porta al massimo impatto 💥 e genera il miglior ROI.

Esempi di A B Testing: cosa puoi ottimizzare per campagne incredibili?

Puoi ottimizzare qualsiasi cosa con l’A B testing. Per te, marketer o no, ti permette di migliorare continuamente l’esperienza dei tuoi utenti minimizzando i costi 💲. Mettiamo insieme una breve lista 📃 di ciò che puoi ottimizzare:

  • Forme,
  • E-mail,
  • Landing pages,
  • Annunci,
  • Schede prodotto,
  • Caratteristiche.

Perché facciamo i test A B?

Sempre più aziende si chiedono 🤔 quale direzione devono prendere per avere contenuti ottimizzati per i visitatori del loro sito web. Per fare questo, hanno bisogno di basare le loro decisioni su A/B testing. Queste diverse varianti di soluzioni permetteranno:

  • Ottenere risultati statisticamente significativi,
  • Ridurre la frequenza di rimbalzo,
  • Risolvere i punti dolenti dei tuoi potenziali clienti,
  • Beneficiare di un migliore ritorno sull’investimento,
  • Tenere sotto controllo i costi.

Esempi di test A/B su LinkedIn?

Su LinkedIn, è possibile fare LinkedIn marketing A B testing su :

  • Invio di messaggi,
  • Richieste di connessione con o senza nota,
  • Sapere quale titolo funziona meglio…

Naturalmente puoi farlo dall’applicazione LinkedIn, ma ti incoraggiamo comunque ad usare Waalaxy per la sua convenienza e facilità d’uso.

Ora sai tutto 😀 sui tuoi marchi, preparati, spara, prova!

Categories: Waalaxy

Tweet
Share
Share