3 tecniche per personalizzare i tuoi messaggi automatici su LinkedIn

Published by Margot on

8 minutes

Per un potenziale cliente, ricevere un messaggio automatico su LinkedIn è un po’ spiacevole. A nessuno piace ricevere un messaggio standardizzato che non è indirizzato a lui personalmente. Sentirsi come uno dei tanti. Per definizione, automazione significa ridurre la personalizzazione per aumentare il volume. Ma non tutto è perduto! Ecco alcuni consigli per personalizzare i tuoi messaggi automatici su LinkedIn con ProspectIn. 😜

1. Rivolgiti alle persone che hanno commentato un post

Tutti conoscono la tecnica: offro di ricevere un articolo in cambio di un commento sul mio post su LinkedIn e invio automaticamente il contenuto in questione grazie a un trigger di ProspectIn. È per questo caso d’uso che abbiamo sviluppato questa funzione. Ma ce n’è un altro, altrettanto rilevante: prendere di mira i profili delle persone che hanno commentato il post di qualcun altro. 👌🏻 L’interesse è abbastanza semplice: rimbalzare sul fatto che hanno commentato un post su LinkedIn per rendere l’approccio più umano.

A. Trovare i posti giusti

Ovviamente, non si tratta di prendere di mira tutte le persone che commentano i post. Hai bisogno di trovare persone che commentano le pubblicazioni relative al tuo settore o al bisogno a cui ti rivolgi. 2 strategie per trovare questi contenuti:

  • Conosci gli influencer del settore, le persone che parlano del tuo argomento. L’idea è che queste persone generino almeno 20 commenti per post per renderlo interessante. In questo caso, preparate una lista di persone da seguire che vi permetterà di alimentare le vostre campagne.
  • Non conosci nessun influencer sul tuo argomento. Nessun problema! LinkedIn ti permette di cercare i post pubblicati su un hashtag. Elenca i pochi hastag che hanno senso per te e vedi chi ci posta sopra.

B. Crea le tue liste e prepara il tuo messaggio

Una volta che avete trovato i post di LinkedIn in questione, è necessario impostare la campagna che riceverà il vostro prospect qualificato. Potete ovviamente creare uno scenario o semplicemente inviare una richiesta di connessione. L’approccio può variare ma l’obiettivo è quello di ottenere qualcosa come : “Ciao {{nome}}, ho visto il tuo commento sul post di XXX su {{argomento del post}}. Sarei felice di parlarne con te” O per esempio se raccogliete persone che commentano un post per ottenere un articolo, potete condividere contenuti simili. 🔥 Nel mio caso, per esempio, potrei far avere alle persone che commentano un articolo di Benoit Dubos, un esperto in strategia di crescita, e avvicinarle in questo modo : “Ciao {{firstName}}, ho visto che eri interessato a ricevere un articolo di Benoit sulle migliori pratiche nella lead generation. “Abbiamo appena scritto un articolo sui tre consigli per personalizzare i messaggi automatici di LinkedIn. Ti interesserebbe?” Exemple message Prospection LinkedInMessaggi automatici per LinkedIn sì, ma non dimenticare la personalizzazione. L’obiettivo è quello di avviare una discussione su questo argomento per parlare con lui dei suoi problemi di lead generation e per scoprire quale strumento usa o addirittura che scopre ProspectIn attraverso l’articolo in questione.

Ci sono diverse regole da seguire

  • Se sai di cosa tratta il post, aggiungi informazioni su di esso per renderlo più personale e naturale.
  • Tenete separate le vostre campagne! Ti consiglio di creare almeno una campagna per influencer e cambiare i messaggi ogni volta. Non importa se ogni campagna contiene solo circa 50 profili. Vogliamo un targeting preciso per una migliore personalizzazione.

C. Recupera i profili che si impegnano

L’obiettivo ora è quello di recuperare i profili LinkedIn delle persone che si impegnano su questo contenuto per popolare le vostre campagne ProspectIn. ✏️ Ci sono diverse possibilità:

  • La pubblicazione è “giovane” (meno di 1 ora) e quindi ha ancora pochi commenti. È necessario creare un trigger su ProspectIn dall’url del post per recuperare automaticamente tutte le persone che commentano.
  • La pubblicazione è “vecchia”: la maggior parte dei commenti sono già stati inviati. Purtroppo ProspectIn non permette di recuperare le persone che hanno commentato in seguito. In questo caso, usa lo scrapper di commenti di Phantom Buster, con il quale otterrai una lista di url di LinkedIn da importare in ProspectIn (o contattali direttamente con Phantom Buster) o segui questo consiglio gratuito per recuperare i profili che commentano il tuo post.
  • Il post è “vecchio” e vuoi recuperare solo le persone a cui piace: questo è possibile con ProspectIn. Anche se è molto meno rilevante per la personalizzazione dell’approccio, otterrete volumi maggiori di prospettive e comunque altamente qualificati.

Per scoprire come recuperare i profili che si impegnano su un post, segui il tutorial qui sotto.

D. Lanciare le tue campagne e raccogliere lead

Tutto quello che devi fare è importare i tuoi potenziali clienti se hai recuperato una lista o inviarli automaticamente tramite un trigger nei tuoi scenari. Ovviamente questo è un po’ più noioso che esportare centinaia di profili da una ricerca. Ma non dimenticate: una buona lista di potenziali clienti è la base di qualsiasi strategia di prospezione. 🤝 Tuttavia, la qualificazione dei prospetti “comportamentali”, cioè basati sull’azione di una persona (come commentare un post), è spesso più rilevante della qualificazione dei prospetti “informativi”, cioè basati sulle informazioni fornite dall’utente stesso (come il titolo di una persona su LinkedIn). Siete pronti a lanciare la fase 1 dei vostri messaggi automatici su LinkedIn.

2. Rivolgiti a persone che parlano del tuo argomento

Anche se più utilizzati e promossi su Twitter o altri social network, gli hashtag esistono anche su LinkedIn. E questa è una manna dal cielo per noi! Infatti, è il trucco perfetto per mirare alle persone che parlano del tuo argomento e popolare automaticamente le tue campagne. Il trucco è molto semplice:

A. Trova i tuoi hashtag

Dipende dalla tua linea di business, naturalmente. L’idea è quella di trovare hashtag che corrispondono a soggetti specifici della tua attività. Una dozzina per iniziare è un buon numero. Per esempio, per noi sarebbe:

  • #crescita
  • #prospezione
  • #coldemailing
  • #growthhacking
  • #leadgeneration

Una volta trovati questi #hashtag, bisogna controllare se generano attività: non ha senso recuperare le persone che postano su di essi se ci sono due pubblicazioni all’anno. Tutto quello che devi fare è digitare l’hashtag in questione nella ricerca per parole chiave di LinkedIn. Otterrai tutti i post recenti su quell’hashtag. 😉 Ci sono due modi per scoprire se l’hashtag è attivo:

  • fare affidamento sul numero di iscritti all’hashtag (più sono meglio è, non ho un numero da proporre, dipende dalla tua nicchia).
  • filtrare per “Recenti” e guardare la frequenza. Con più di 10 post ogni 24 ore, è interessante.

Quindi, è necessario ottenere alcuni hashtag LinkedIn attivi che saranno la base per la prospezione in seguito.

B. Crea le tue campagne

L’obiettivo è ora quello di esportare automaticamente a ProspectIn tutte le persone che pubblicano su questo hashtag per fare delle ricerche su di loro. 😎 La buona pratica è quella di creare una campagna mirata agli hashtag, per mantenere distinte le liste di lead e gli approcci. Poi crea la tua richiesta di invito su ProspectIn. L’idea è quella di rimbalzare sulla pubblicazione, quindi si può provare un approccio come questo: “Ciao {{firstName}}, ho visto il tuo post con l’hashtag #hashtag. Mi è piaciuto molto il post, così ho pensato che sarebbe stato interessante mettersi in contatto con voi” Questo approccio ha due interessi principali:

  1. È abbastanza poco usato e ben personalizzato, quindi non sembra automatizzato.
  2. Si punta ai profili che pubblicano su LinkedIn, quindi spesso ai profili attivi, a differenza del targeting da una classica ricerca su LinkedIn.

I vostri tassi di accettazione dovrebbero quindi essere interessanti. Potete scegliere di creare uno script unico o una nota d’invito, come volete, e piazzare il vostro approccio di vendita quando volete. Ti consiglio di farlo al primo promemoria e di preparare le tue risposte registrate in Piwaa perché probabilmente avrai alti tassi di risposta (quindi i prospect saranno tolti dallo scenario). réponses enregistrées LinkedInPiwaa ti permette di rispondere ai tuoi messaggi automatici su LinkedIn, con funzioni aggiuntive. Scopriteli qui. Suggerimento bonus: usa uno scenario che include un “segui” prima della richiesta di accesso per rendere ancora più credibile il tuo interesse per il contenuto della persona. 😉

C. Lancia la tua campagna autopilotata

Tutto quello che dovete fare è creare il trigger associato Ricordati di usare le condizioni “Non connesso” e “non ancora nel CRM”. L’obiettivo è quello di stabilire nuovi contatti e non di riproporre persone già contattate.

D. Filtrare per lingua o paese (bonus)

Attenzione, gli hashtag non sono segmentati per paese e la maggior parte delle persone nel mondo usa gli hashtag in inglese. Hai un’alta probabilità di fare un sondaggio in un’altra lingua. 🇬🇧 Questo è un grande limite di questa tecnica. I trigger, nella loro versione attuale, non permettono di aggiungere una condizione “Regione”, il che può essere un po’ problematico. C’è una soluzione che comporta un’azione manuale:

  • Invece di inviare i prospect direttamente in uno scenario, aggiungi loro un tag “To contact”.
  • Regolarmente (diciamo ogni giorno se possibile), ti connetti a ProspectIn, vai alle tue campagne e filtra per il tag “Da contattare”.
  • Aggiungete un filtro “La regione contiene” “il vostro paese” per ottenere prospettive nel vostro paese.
  • Fai attenzione, alcuni profili hanno solo la regione locale e non il paese, in questo caso otterrai molti meno risultati filtrando. Il metodo migliore è una scansione manuale selezionando tutti i profili che non corrispondono ai tuoi criteri. Puoi poi inviarli in una campagna “Blacklist” per assicurarti di non riproporli, o cancellarli dal CRM.
  • Basta selezionare i profili rimanenti e inviarli nello scenario scelto.
  • Infine, de-tag i profili selezionati in modo da non doverli contattare di nuovo la prossima volta.

3. Rivolgiti a persone che sono già interessate al tuo profilo

Potrei anche dirvi subito che se non avete un account LinkedIn Premium o se nessuno è interessato al vostro profilo, questo consiglio non fa per voi. ❌ La premessa di questa tecnica è la seguente: alcune persone visitano il tuo profilo ma non ti contattano. Tuttavia, li hai interessati in un modo o nell’altro da quando hanno consultato il tuo profilo. È un peccato perderli! Qui siamo più interessati al “personal branding” che a una vera strategia di lead generation. Questa tecnica funziona benissimo se sei attivo su LinkedIn (pubblicazioni e commenti).

A. Crea la tua campagna

Come per l’uso dei trigger in generale, il primo passo è quello di creare la tua campagna. Raccomando una lista di prospetti dedicata. Poi scegli il tuo approccio: vuoi entrare in contatto e capire il motivo della sua visita o iniziare con la presentazione dei tuoi servizi. Personalmente, raccomanderei l’opzione 1, ma richiede più tempo, perché otterrai migliori tassi di risposta. 👆

B. Crea la tua automazione

Di nuovo, create il vostro trigger ProspectIn. Qui, la scelta di “è già connesso” e “è già nel CRM” è abbastanza importante: scegli sempre di escludere le persone che sono già connesse o presenti nel CRM. Volete referenziare persone con cui siete già in contatto? Il rischio è che un comportamento automatizzato rispetto ad un altro approccio possa portare a cose assurde. Personalmente, non ve lo consiglio. Non è mai un bene per la tua immagine. 😅

Conclusione

Approcci facili, 100% automatizzati e massima personalizzazione. Tutto ciò che amiamo di ProspectIn. Ora avete tutto il necessario per personalizzare i vostri messaggi automatici su LinkedIn. Se hai un altro consiglio da condividere, sentiti libero di contattarmi su LinkedIn , sarò felice di aggiornare l’articolo!

Per riassumere in 2 domande

Quali sono le possibilità di personalizzare il proprio approccio su LinkedIn?

Qui, abbiamo presentato 3 metodi: prendere di mira le persone che interagiscono sui contenuti intorno al tuo argomento di competenza, prendere di mira le persone che pubblicano sul tuo argomento di competenza, e prendere di mira le persone che visitano il tuo profilo senza entrare in contatto. Tutto questo è sufficiente per personalizzare i vostri messaggi automatici per LinkedIn.

Con quale strumento e quali funzionalità è possibile fare queste automazioni?

Ci sono diversi strumenti che possono essere utilizzati per implementare questo tipo di automazione. Qui abbiamo presentato ProspectIn con la funzionalità Triggers, accessibile nel piano ADVANCED.

Tweet
Share
Share