Come ottenere il massimo delle visualizzazioni sui tuoi post grazie al Dwell time?

Published by Margot on

4 minutes

Se pubblichi regolarmente su LinkedIn, non puoi non averne sentito parlare: LinkedIn ha aggiornato il suo algoritmo e ora include il “Dwell time“.

Dwell time, che cos’è?

Tutti ne parlano ma nessuno sa davvero cosa sia. Ho scritto recentemente un articolo sull’argomento che vi invito a leggere per capire i pro e i contro ?

Il tempo di permanenza può essere riassunto in 3 punti:

Il tempo trascorso

La quantità di tempo che un utente trascorre su un post di LinkedIn ora ha un peso nell’algoritmo. In altre parole, se rimani a lungo a leggere o visualizzare un post, aumenti la portata organica di esso. Proprio come un like o un commento.

“Vedere di più”

Ha cliccato su “Vedi altro”. In altre parole l’utente è passato dal tuo post e voleva saperne di più. Questa azione tende a mostrare all’algoritmo che il tuo contenuto è rilevante e quindi aumenta la sua portata.

Ha “saltato” il post

L’utente è rimasto meno di un certo tempo sul tuo post, chiamato “Tskip” dagli ingegneri di LinkedIn. Questo significa che il contenuto non era abbastanza interessante e l’utente è passato a quello successivo.

Più utenti “saltano” il tuo post, meno favorevole sarà l’algoritmo ad esso in termini di portata.

Ora che ne sappiamo di più, vediamo come sfruttare al meglio questo aggiornamento. ?

Il bello dei contenuti lunghi

Questo può non sembrare ovvio. Se più tempo un utente passa su un post e più visualizzazioni fa il post, è meglio scrivere un post piuttosto lungo.

Ma attenzione, lungo non significa grandi lastre illeggibili. La maggior parte degli utenti è su mobile, quindi è essenziale pensare il tuo contenuto “mobile first” e mantenere i paragrafi di testo al minimo. ?

Quindi scegliete di usare le emoji (non troppe però) per aggiungere colore. Favorisci frasi brevi e incisive e usa le interruzioni di riga.

Stiamo parlando del tempo trascorso sul post: l’utente deve rimanere fino alla fine!

exemple de post emojis linkedin

L’ascesa dei nuovi formati

Quando si dice cambiamento di algoritmo, si dice aumento di nuovi formati.

La tendenza principale? La “presentazione”.

Un file PDF che puoi creare con un semplice Powerpoint che catturerà il tuo pubblico per un lungo periodo di tempo.

exemple de post carousel LinkedIn

Ancora una volta: mantenete il contenuto visivo e senza fronzoli. “Meno è più”, come si dice. Vuoi che il lettore legga il tuo contenuto fino alla fine, non che scappi dal sovraccarico di informazioni!

Questo formato è ancora una volta interessante su mobile. Chiederà all’utente di “scorrere” sul lato, il che è abbastanza piacevole e intuitivo.

Il video potrebbe anche essere un grande vincitore nel tempo di permanenza. A condizione che catturi l’attenzione! Ma per il momento, non c’è molto senno di poi sull’argomento.

Forse i dati statistici di Podawaa parleranno presto da soli e faranno emergere cose incredibili… Rimanete informati. ?

exemple de présentation linkedIn

L’importanza del gancio

Vuoi fare in modo che il tuo pubblico rimanga a lungo sul tuo contenuto ed evitare il post “salta”? ?

La tagline diventa ancora più fondamentale. Sono i primi 200 caratteri che definiranno se il nostro cervello si ferma o meno sul contenuto.

La guerra per rompere lo schema, per “fermare la pergamena” è iniziata!

war shockwave GIF

Quindi lasciatevi andare, testate e iterate. I ganci umoristici e anticonformisti sono i vincitori. Il “putaclic” funziona sempre, a spese forse della soddisfazione del tuo pubblico…

Dipende da te, ma per me c’è una nuova disciplina che entra in gioco: fermare l’utente sul tuo contenuto.

exemple d'accroche pour linkedin

L’importanza del visivo

Altrettanto importante è catturare l’attenzione del tuo pubblico. Il visivo! Che si tratti di una presentazione, di un video o semplicemente di un’immagine, bisogna prendersi cura del proprio visual.

exemple de visuels de post linkedin

Alcune nozioni di base:

  • Il giallo, il colore dell’urgenza, è il più efficace,
  • Evitare immagini troppo lisce, troppo “libere”. Non funziona più molto bene.
  • Gioca sull’autenticità: un contenuto che sembra fatto da te e non da un professionista avvicina le persone al tuo marchio personale.
  • Crea la tua carta grafica. Fondamentale ma efficace: il tuo pubblico deve riconoscerti.

Il che ci porta al prossimo punto.

Regolarità

Quando crei contenuti di qualità su base regolare, il tuo pubblico rimarrà con i tuoi contenuti più a lungo e più spesso.

Per vedere la nuova pepita che hai rilasciato, il nuovo argomento che stai trattando.

Pubblicando regolarmente, costruisci un pubblico fedele che smetterà di scorrere all’infinito i tuoi contenuti. Quale modo migliore per aumentare l’algoritmo di LinkedIn?

Ma soprattutto, cosa c’è di più bello? La gente segue i tuoi contenuti e si ferma ai tuoi post perché sei TU.

Coerenza e qualità sono le chiavi per la creazione di contenuti. Il resto è solo ottimizzazione: Dwell time, pods…. Quindi dimentica l’autopromozione una volta al mese e porta valore al tuo pubblico.

L’impegno è ancora il nome del gioco

Scusa! L’integrazione del Dwell time nell’algoritmo di prioritizzazione dei post di LinkedIn non rivoluziona tutto. Le azioni cosiddette “virali” di like e commenti sui post, soprattutto nella prima vita del post, rimangono le più potenti.

Ancora una volta, non dovremmo vedere la creazione di contenuti su LinkedIn come qualcosa di binario. È molto più complesso di così e per fortuna.

Un contenuto di scarsa qualità con molti commenti falsi non raggiungerà mai la cima.

I contenuti “ottimizzati” per il tempo di permanenza senza l’impegno organico non decolleranno.

Pubblicare i migliori contenuti su LinkedIn una volta all’anno vi darà pochissima visibilità.

Bisogna lavorare su tutti i fronti! ??

Categories: Tutorial su Podawaa

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tweet
Share
Share