Cos’è un pod di LinkedIn?

Published by Margot on

Qu'est-ce qu'un pod LinkedIn ?
4 minutes
Rate this post

Essere presenti sulle reti sociali è diventata una necessità. Per promuovere il tuo marchio, evidenziare la tua competenza, condividere le tue notizie, generare lead… Ma sapete cosa sono i pod di LinkedIn?

Negli ultimi anni, le varie piattaforme hanno ridotto la “portata organica” delle pubblicazioni, cioè la portata che una pubblicazione ha senza sponsorizzazione. E questo per incoraggiarvi a sponsorizzarlo, ovviamente.

Ma la creazione di una strategia di marketing di distribuzione dei contenuti può essere estremamente dispendiosa in termini di tempo. Per una portata ridicola. È qui che entrano in gioco i pod, o gruppi di impegno.

Ma prima di arrivare a questo, dobbiamo capire come funziona l’algoritmo di un social network, in questo caso nel B2b. Quello di LinkedIn, che è uno dei più basilari.

utiliser les pods linkedin avec Podawaa

Ottenere più visualizzazioni sui post sponsorizzati con i pod di LinkedIn

Il modello di business delle reti sociali è molto semplice: vendi la tua attenzione sotto forma di spazio pubblicitario. Perché una volta che trovano clienti per sponsorizzare i post, devono trovare lo spazio per quei post. Quindi le loro entrate sono direttamente correlate alla quantità di tempo che gli utenti passano sul loro news feed.

Milioni di persone pubblicano ogni giorno sul social network LinkedIn. Come si fa a determinare quale content marketing catturerà la vostra attenzione e vi farà vedere un altro post (sponsorizzato), portando un po’ più soldi a LinkedIn.

No, non ci sono umani che leggono tutti i post per determinare quali sono i più interessanti, come ci si potrebbe aspettare. Quindi è un algoritmo che definirà quale contenuto ha più probabilità di mantenere la vostra attenzione, al fine di visualizzarlo su una scala più ampia.

les algorithmes dans les pods LinkedIn

Poiché un algoritmo non può catturare nozioni soggettive (almeno non ancora), misurerà indicatori oggettivi. E quale modo migliore per determinare la qualità di un post che vedere quante persone apprezzano o commentano il contenuto? Questo è chiamato il tasso di coinvolgimento.

Come funziona l’algoritmo di LinkedIn

Ecco come funziona la vita di un post su LinkedIn:

  • Quando pubblichi il tuo contenuto, viene visualizzato ad una piccola parte della tua rete, che funge da campione. La dimensione del campione varia a seconda dell’ ottimizzazione del tuo post (hashtag ma non troppi, nessun link esterno, cioè link che portano a un sito diverso da LinkedIn), le visualizzazioni delle tue ultime pubblicazioni e la dimensione della tua rete, anche se l’influenza di questi diversi parametri è abbastanza difficile da misurare.
  • L’algoritmo osserva qual è il tasso di impegno su questo campione, cioè il tasso di persone che amano e commentano. I commenti hanno un peso molto più elevato : direi tra 5 e 10 o anche 20 volte un like. Questo tasso iniziale è cruciale perché influenza ampiamente la portata finale del post. Si dice che si misura tra la prima e le prime tre ore di vita del contenuto.
  • Sulla base di questo tasso di coinvolgimento iniziale, l’algoritmo espande il pubblico dando la priorità alle persone nella tua rete, ma soprattutto alle persone nella rete di coloro che si sono impegnati sul tuo post, considerati come “profili simili”, che potrebbero anche essere interessati al tuo contenuto.
  • Se il tasso di coinvolgimento continua ad essere simile, il post continua a crescere in visualizzazioni. Questo è ciò che permette ai contenuti con un alto tasso di coinvolgimento di diventare virali.

Ma allora, cos’è un “engagement pod” o “engagement group” e cosa fa?

Pod manuale di impegno su LinkedIn

I gruppi di impegno sono nati originariamente come “manuale”. Si tratta di unirsi a un gruppo di persone (via WhatsApp o Slack per esempio) su cui ogni membro condivide i link ai propri post e si impegna a mettere like e commentare i contenuti degli altri membri. Impegnandosi in questo modo nella prima vita del contenuto, l’algoritmo di LinkedIn viene “ingannato” e considera questo contenuto come “interessante”. Di conseguenza, aumenterà significativamente la sua portata.

Vantaggi delle cialde manuali

  • Alta qualità dei commenti.
  • Impegno “credibile” agli occhi dell’algoritmo.

Svantaggi delle cialde manuali

  • Richiede molto tempo commentare le pubblicazioni di 50-100 persone al giorno
  • Il volume dei commenti è spesso insufficiente.

Pod di impegno automatizzato

A causa del successo delle cialde manuali e dei loro inconvenienti, sono apparse le cialde automatizzate. Oggi, ci sono principalmente due strumenti sul mercato: Alcapod (in beta gratuita, prodotto da CaptainData) e Lempod (sviluppato da Lemlist).

Questi strumenti sono estensioni di Chrome che funzionano sullo stesso principio dei pod manuali: mi unisco a un gruppo di persone che si impegneranno sui miei post e viceversa.

Ladifferenza è che l’impegno è automatico: aggiungo il link al mio post, scelgo i commenti che voglio ricevere. Gli account degli altri membri automaticamente “mi piace” e commentano.

Vantaggi delle cialde automatizzate

  • Notevole risparmio di tempo.
  • Possibilità di unirsi a molti pod e quindi ottenere decine di commenti, quindi decine di migliaia di visualizzazioni.
  • Aumenta automaticamente la tua presenza.
  • Coinvolgere la comunità più facilmente grazie al maggior numero di visualizzazioni

Svantaggi delle cialde automatizzate

  • Offrire commenti di bassa qualità.
  • Quindi richiede tempo per creare i propri commenti reali.
  • La qualità dei profili che si impegnano è piuttosto casuale quindi il pubblico non è molto qualificato.
  • Sono sempre le stesse persone che si impegnano, quindi l’algoritmo di LinkedIn se ne rende conto e svaluta il “peso” del loro impegno nel tempo.

Un’alternativa a Lempod e Alcapod

I vantaggi dei pod manuali e automatici di LinkedIn, senza gli svantaggi

A ProspectIn, non ci piacciono le truffe. Non lo sappiamo davvero. Così ci siamo chiesti: “Come possiamo creare uno strumento che incorpori i vantaggi dei pod manuali e automatici?”.

E naturalmente nacque Podawaa. Podawaa è uno strumento automatico per i pod che:

  • Offre commenti pertinenti grazie a un algoritmo intelligente che impara dai precedenti post simili, nella tua lingua.
  • Ti permette di indirizzare un pubblico specifico scegliendo profili specifici che si impegneranno sui tuoi post. Posso chiedere per esempio “CEO a Parigi nell’industria del software”.
  • Variate l’ordine e le persone che si impegnano sul vostro contenuto, il tutto simulando il comportamento umano, al fine di ingannare l’algoritmo di LinkedIn.
  • Fornisce le migliori pratiche per ottenere visualizzazioni dei tuoi contenuti
  • Offre un’opzione “baccello manuale”, che ti permette di risparmiare tempo nella scrittura dei commenti mantenendo il controllo del loro contenuto
  • Fornisce un cruscotto statistico per aiutarti a gestire le prestazioni della tua strategia di contenuti digitali.

Ti dà un impegno di qualità e migliaia di visualizzazioni sui tuoi post, il tutto in modo credibile e veloce.

Ora sai cosa sono i pod di LinkedIn e come usarli?

Categories: Tutorial su Podawaa

Tweet
Share
Share