it
frenesptdeplnlruid

Marchio personale : 7 passi per creare il vostro + definizione

show table of contents

Nell’era digitale, la costruzione del vostro marchio personale è una risorsa estremamente potente. Sia che si tratti di facilitare la ricerca di clienti, di far crescere la propria rete o di aumentare la propria occupabilità, è un vantaggio per tutti. 🙌

Cosa vedremo in questo articolo:

  • I 7 passi per sviluppare il vostro marchio personale.
  • I 3 errori da non commettere quando si crea il proprio marchio personale.
  • 3 esempi di marchio personale di grande successo.

Una volta letto attentamente questo articolo e applicati i vari principi in esso spiegati, avrete una strategia di marchio personale attiva e funzionante e inizierete a raccogliere i primi frutti delle vostre azioni (che vedremo più avanti in questo articolo 😉 ).

Siete pronti a uscire dall’ombra e a diventare un punto di riferimento nel vostro settore? Facciamo un giro completo sul marchio personale e su tutte le tecniche utilizzate dai migliori per poterle applicare a vostra volta. 3, 2, 1…

Marchio personale: la definizione

Il marchio personale è una pratica di marketing che consiste nel comunicare le proprie competenze, idee e valori. L’obiettivo è diventare un punto di riferimento nell’argomento trattato. La persona si mette in evidenza ed è al centro della strategia.

Per farlo, l’individuo utilizza la propria immagine personale e comunica attraverso diversi canali, come un blog o i social network.

Si tratta di un processo che mira a creare una e-reputation su uno o più temi, con il risultato di attrarre clienti e aumentare il valore percepito. La persona viene quindi considerata un esperto nel suo campo, per il semplice fatto di pubblicare contenuti sull’argomento. 👍

Perché è così importante creare il proprio marchio personale ?

La creazione di un marchio personale offre una serie di vantaggi che fanno gola a molti. Che siate CEO, liberi professionisti, studenti o persone in cerca di lavoro, avere un marchio personale rende il vostro lavoro molto più facile.

Invece di essere quello che chiede, diventate quello a cui viene chiesto. Oltre a essere una notevole comodità, è soprattutto un vantaggio molto potente rispetto ai vostri concorrenti che non ne hanno uno 😇

I vantaggi di un buon marchio personale sono:

  • Attirare i potenziali clienti attraverso i contenuti.
  • Aumentare il valore percepito.
  • Facilitare la ricerca di lavoro.
  • Acquisire competenze.
  • Sviluppare la propria rete.

A tutti noi piace essere rassicurati. Grazie al vostro marchio personale, le persone avranno la sensazione di conoscervi, anche se non vi hanno mai visto, il che rassicura sulla qualità del servizio fornito o del prodotto venduto.

Un marchio personale aumenta la fiducia delle persone nei vostri confronti. Così, se un giorno avranno bisogno di un servizio o di un prodotto nel vostro settore, penseranno automaticamente a voi piuttosto che a qualcun altro. 😛

Ma in termini pratici, come si fa? Lo vedremo subito con i 7 passi chiave per sviluppare il vostro marchio personale. 🙌

Come si sviluppa il marchio personale? I 7 passi chiave

Con l’avvento dei social network, la costruzione di un marchio personale forte e riconoscibile è diventata molto più accessibile. Oggi chiunque abbia un telefono e una connessione a Internet può creare un marchio personale.

Tuttavia, la costruzione di un buon marchio personale richiede tempo. Inoltre, è necessario adottare una strategia ponderata perché sia efficace e duratura nel tempo. ⌛

Come si fa a sapere quali sono i passi da compiere quando si inizia a costruire il proprio marchio personale? Siamo qui per spiegarvi tutto quello che c’è da sapere.

Ecco i 7 passaggi chiave per creare il vostro marchio personale :

  1. Definire il proprio marchio.
  2. Determinare la vostra competenza.
  3. Trovare il proprio posizionamento.
  4. Promuovere il proprio marchio su Internet.
  5. Scambiate con altre personalità.
  6. Impegnarsi con la propria comunità.
  7. Assicurare la regolarità.

Definire il proprio marchio

Il primo passo è definire il vostro marchio. Come dice il nome, deve essere personale, cioè deve rappresentarvi in modo onesto e rappresentativo.

A tal fine, potete elencare le parole chiave che vi corrispondono, siano esse positive o negative. Se elencate solo le qualità, rischiate di apparire poco autentici. Non abbiate paura di essere voi stessi 😊

Questo vale anche per il tono che utilizzate nella vostra comunicazione. Se siete il tipo che dà del tu a tutti o usa un linguaggio colloquiale, fatelo. Ricordate che l’obiettivo è essere se stessi il più possibile.

Creando un’identità che vi rappresenti veramente, diventate unici. Nessuno può più competere con voi, semplicemente perché nessuno può essere voi.

Determinate la vostra competenza

Il vostro personal branding dovrebbe essere incentrato su una competenza che vi caratterizza. Di solito si tratta del campo in cui vendete o praticate le vostre abilità.

Potrebbe trattarsi, ad esempio, di gestione per un imprenditore, di reclutamento per un HR o di copywriting per un libero professionista.

In ogni caso, l’obiettivo è quello di presentarsi come un esperto in quel settore. A tal fine, condividete il più possibile tecniche, metodi e feedback.

Più valore condividete con la vostra community, più loro vi vedranno come un esperto nel vostro campo. In poche parole, più si dà, più si riceve. 😋

Trova il tuo posizionamento

Non abbiate paura di prendere posizione su alcune questioni che vi stanno a cuore. Le persone amano chi ha il coraggio di dire la propria opinione, anche se questo significa scontentare qualcuno.

Se avete un’opinione forte su un argomento, non esitate a parlare e a discutere con chi non è d’accordo. Ad esempio, se siete un professionista delle risorse umane e pensate che il CV sia obsoleto.

Esprimete la vostra opinione e la vostra community interagirà con voi, sia per sostenervi che per spiegarvi perché non sono d’accordo. In entrambi i casi, avrete vinto 😉

Inoltre, trovate il vostro posizionamento in relazione alle vostre competenze. Ad esempio, potete parlare di argomenti molto tecnici se vi rivolgete a un target che conosce già il vostro campo.

Ad esempio, un freelance che si occupa di strategie SEO può cercare di divulgare il più possibile le sue conoscenze se si rivolge a un target piuttosto ampio. Ma può anche scegliere di spiegare metodi avanzati con un vocabolario tecnico se il suo target è più istruito sull’argomento.

In questo caso, il posizionamento dipende dal target a cui ci si rivolge.

Promuovere il proprio marchio su Internet

La promozione del vostro marchio è la complessità del marchio personale. La domanda da porsi è: come posso massimizzare la mia presenza digitale?

A tal fine, abbiamo a disposizione diversi strumenti. Il primo da implementare, come si può immaginare, sono i social network. A seconda del tipo di marchio personale che si vuole creare, alcune reti sono più rilevanti di altre.

Se il vostro marchio personale ha finalità commerciali, cioè se state vendendo un servizio o un prodotto, il network che non può essere ignorato è ovviamente LinkedIn.

È il posto migliore per fare rete e generare opportunità di business. Se siete interessati, Elodie ha scritto un ottimo articolo a riguardo, ve lo consiglio qui! 😊

Vi consiglio anche di creare un piccolo blog con WordPress per condividere i contenuti su Google. In questo modo, potrete affermare il vostro status di esperti nel vostro settore e potrete generare richieste di clienti, ad esempio se siete freelance.

Altrimenti, partecipate a eventi come webinar, conferenze, podcast… Più persone vi vedono, più cresce il vostro marchio personale !

Scambiate con altre personalità

Paradossalmente, la costruzione di un marchio personale non si fa da soli. Per accelerare lo sviluppo della vostra comunità, dovete scambiare con altre personalità che hanno già un certo personal branding.

Per iniziare, selezionate una dozzina di persone del vostro settore o vicine ad esso. Soprattutto, non vedeteli come concorrenti! Al contrario, sono alleati che vi aiuteranno a costruire il vostro pubblico. 🙌

Una volta selezionate queste 10 persone, iniziate una conversazione con loro! A tal fine, potete fare loro una domanda sulle loro competenze o chiedere un feedback, ad esempio! In generale, a tutti piace dare la propria opinione e condividere le proprie esperienze.

In questo modo saranno più propensi a interagire con i vostri contenuti sui social network, a invitarvi a eventi o addirittura a citarvi nei loro contenuti! 😃

In breve, avete tutto da guadagnare nel considerarli alleati piuttosto che concorrenti, anche se offrono il vostro stesso servizio.

Impegnatevi con la vostra comunità

Impegnarsi con altri designer è positivo. Ma con la vostra comunità è ancora meglio. Purché non siate una star impegnata influencerrispondete ai vostri commenti e ai vostri messaggi.

Si può essere tentati di non rispondere per dare l’impressione di essere una persona impegnata, ma in realtà si fa un cattivo servizio. Ricordate, l’autenticità prima di tutto! 😇

Vi incoraggio anche a coinvolgere il vostro pubblico in una conversazione per ottenere il loro feedback sui vostri contenuti. Il feedback è fondamentale per aiutarvi a capire la vostra community e cosa cercano seguendovi.

Garantire la coerenza

Questa parte è probabilmente la più difficile di tutte. Ma è anche quella che vi porterà al successo se riuscirete a domarla: la coerenza.

Molti creatori di contenuti si arrendono dopo pochi mesi o settimane perché non ottengono i risultati desiderati. La causa può essere anche una scarsa organizzazione nella creazione dei contenuti.

Il mio consiglio: iniziate con poco. Un contenuto, massimo due a settimana. Mantenete questo ritmo per almeno due mesi e padroneggiatelo prima di aumentarlo. Un errore comune è pensare troppo in grande e iniziare a pubblicare ogni giorno, per poi smettere dopo tre settimane.

Una buona tecnica è quella di preparare i post in anticipo. In questo modo avrete sempre dei contenuti in uscita, anche se dovesse succedere un imprevisto che vi impedisce di crearli. Personalmente, cerco di creare i miei contenuti con circa un mese di anticipo. Inoltre, ricordate di rispettare le best practice di LinkedIn 💡

Attenzione però a non creare contenuti per il gusto di crearli. Se condividete post o articoli di basso valore solo per mantenere la vostra cadenza, rischiate di deteriorare il vostro valore percepito e di perdere abbonati. In questo caso, è meglio abbassare il ritmo di pubblicazione 😉

Chi può costruire il proprio marchio personale ?

Chiunque può costruire il proprio marchio personale. Ma sarà particolarmente interessante se siete :

  • Libero professionista.
  • Reclutatore.
  • Proprietario di un’azienda.
  • Manager di comunità.
  • Venditore / marketer.

I vantaggi di un buon marchio personale come freelance

  • Ottenere maggiore visibilità.
  • Sviluppare la propria rete.
  • Aumentare il valore percepito.
  • Trovare facilmente clienti.
  • Giustificare gli aumenti di prezzo.

 

Innanzitutto, vi porta visibilità. E chi dice visibilità, dice potenziali clienti. Si crea una sorta di macchina da lead che lavora ininterrottamente. Possiamo addirittura paragonare il marchio personale a un venditore che lavora 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Vale a dire…

Aumenta anche il vostro valore percepito in modo esponenziale. Il valore percepito è l’immagine che le persone hanno di voi. E più vi vedono condividere le vostre competenze, più vi vedranno come un esperto del vostro argomento. 👍

E in quanto esperti, siete più legittimati ad alzare i prezzi. È così che alcuni freelance guadagnano 5 cifre alla fine del mese. 💲

Se sei un freelance, ecco un articolo su come ottenere clienti.

Infine, vi aiuta ad attirare clienti che sono come voi. In questo modo, si tengono lontani i clienti che non sono adatti a voi e si evitano brutte esperienze. Cosa si può chiedere di più? 😍

I vantaggi di un selezionatore

  • Selezionare i candidati.
  • Generare più candidature.
  • Distinguersi dalle altre aziende.
  • Facilitare le trattative sulle condizioni di assunzione.

Per quanto si possa messaggiare un famoso recruiter, trovare il candidato giusto non è facile. La concorrenza è agguerrita e ogni azienda fa la corte per assumere. È un processo stressante e che richiede tempo.

Ma con un personal branding ben studiato, tutto cambia. Invece di cercare i candidati, sono loro a cercare voi. Basta un semplice post su LinkedIn per ricevere decine di curriculum.

Questo vi pone in una posizione di forza rispetto al candidato, che sarà meno propenso a negoziare i termini del suo contratto. In poche parole, avete tutto da guadagnare. 😊

Perché creare il vostro marchio personale quando siete un CEO?

  • Guadagnare credibilità.
  • Sviluppare la propria rete.
  • Raccogliere fondi.
  • Migliorare il marchio del datore di lavoro.
  • Ottenere più facilmente partnership.
  • Dare un volto al vostro marchio o alla vostra azienda.

Se siete un leader d’azienda, è nel vostro interesse creare il vostro marchio personale per diversi motivi.

In primo luogo, conferisce credibilità alla vostra azienda. Essendo un attore riconosciuto nel vostro settore, siete automaticamente più legittimati di chiunque altro a offrire i vostri servizi.

Inoltre, migliorerà il vostro marchio di datore di lavoro e faciliterà il reclutamento. Comunicando la vostra azienda e i suoi valori, attirerete le persone che li condividono e allontanerete quelle che non sono adatte. 🙅

Se avete intenzione di raccogliere fondi, avere un pubblico vi renderà più facile trovare investitori. Ciò significa che avrete maggiori probabilità di raccogliere somme maggiori. Lo stesso vale per le partnership.

Perché creare il vostro marchio personale come community manager?

  • Sviluppare le vostre competenze.
  • Raggiungere gli obiettivi aziendali.
  • Ottenere contratti da freelance.
  • Fornire una prova delle proprie competenze.
  • Dare un volto al marchio da promuovere.

Se siete un manager della comunità, dovete avere una perfetta padronanza dei social network. I codici e le tecniche per sviluppare una community non dovrebbero avere segreti per voi. Questo è ciò che un’azienda vi chiederà se vuole assumervi.

Il modo migliore per dimostrare le vostre capacità è quello di essere riusciti a sviluppare una vostra comunità sui social network. Che siate alla ricerca di un lavoro o di un’attività da freelance, il personal branding può solo aiutarvi. 😎

Inoltre, vi tiene al corrente delle migliori pratiche e delle nuove tendenze da seguire. In questo modo, continuerete a sviluppare le vostre competenze nel tempo.

I vantaggi di lavorare sul proprio marchio personale come venditore

  • Espandere la propria rete.
  • Migliorare la visibilità online.
  • Aumentare il tasso di conversione.
  • Generare maggiori opportunità di business.
  • Convincere i potenziali clienti della vostra competenza.

In qualità di venditore, sviluppare una rete di qualità è importante per generare opportunità di business.

Più persone conoscete, più legittimità otterrete con i vostri contatti. Questo vi permetterà di concludere più affari e in modo più semplice.

Migliorando la vostra visibilità attraverso il personal branding, attirerete anche potenziali clienti. Di conseguenza, aumenterete le vendite e incasserete più commissioni. 🤑

In sintesi, tutti traggono vantaggio dallo sviluppo del proprio marchio personale.

I 3 errori da non commettere quando si sviluppa il proprio marchio personale

Ci sono alcune insidie che possono essere tentate quando si vuole sviluppare il proprio personal branding. Ecco come evitarli per creare con successo il vostro marchio personale.

1. Non avere una strategia ben definita

Se volete creare un marchio personale degno di questo nome, non sottovalutate l’importanza di una buona strategia. Come una stella polare, essa garantirà la vostra direzione nel lungo periodo. 🌟

Molti si sono persi lungo la strada a causa della mancanza di una strategia ben affinata e hanno rinunciato, sostenendo che fosse “troppo difficile”

Se seguite le 7 fasi di creazione del personal branding spiegate in precedenza, avrete una vera e propria bussola che punta verso un personal branding potente e riconoscibile. Questo è un investimento iniziale essenziale per il vostro viaggio. 🧭

2. Parlare di tutto e di più

Questo errore deriva da una strategia poco definita, ma è meglio parlarne comunque. Quando si creano contenuti, si può essere tentati di parlare di tutto ciò che ci viene in mente.

All’inizio può sembrare una buona idea. Dopotutto, si tratta di contenuti, giusto? Ebbene sì… ma no. In realtà, perderete il vostro pubblico, che non saprà esattamente a quale area di competenza associarvi. Le uniche persone in grado di farlo sono gli influencer di lifestyle di Instagram. Ma questo è un altro argomento…

Il mio consiglio è di sforzarsi di attenersi alla propria area di competenza e ad alcune aree secondarie. Per sapere come organizzarvi, potete utilizzare la famosa tecnica TOFU MOFU BOFU. Ve ne parliamo qui! 😊

3. Copiare lo stile di qualcun altro

Quando si inizia a impostare il proprio marchio personale, è naturale guardare agli altri per trovare ispirazione su come farlo praticamente.

Il rischio è quello di iniziare a imitarli troppo palesemente. Questo può avvenire consapevolmente, perché si ammira lo stile di qualcuno, ma anche inconsapevolmente, perché ci si ispira troppo a lui.

Alla fine non siete più voi stessi e perdete la parte più importante della vostra strategia: l’autenticità (ancora e ancora). A volte vi sembrerà di non essere interessanti, ma non è vero. Abbiate fiducia in voi stessi, avete cose interessanti da dire. 🤗

Trova il miglior esempio di marchio personale

#1 Elon Musk

La sua piccola storia

Come parlare di marchio personale senza citare il re di questa disciplina: Elon Musk. Se non lo presentiamo più, non è solo per le sue numerose aziende quotate in borsa.

Se l’uomo più ricco del pianeta è conosciuto da (quasi) tutti, è perché si assicura di mantenere un personal branding straordinario.

Le sue tecniche

Quando si parla di Elon Musk, si pensa direttamente al settore tecnologico. È normale, perché tutta la sua comunicazione e quella delle sue aziende ruota intorno a questo settore. Questo segue la seconda fase del personal branding: il posizionamento di nicchia.

Un’altra delle sue tecniche consiste nell’utilizzare la sua storia personale e i suoi valori per promuovere le sue aziende. Spiega di voler combattere il riscaldamento globale con veicoli elettrici per salvare il pianeta (vero benefattore o interesse commerciale, la risposta è probabilmente una via di mezzo…) 😏

In questo modo, la sua storia personale giustifica le sue azioni e dà un senso alle sue imprese. Ciò contribuisce fortemente al suo personal branding.

Infine, il nostro uomo è estremamente attivo sui social network, soprattutto su Twitter dove è seguito da oltre 110 milioni di persone. Esercita quindi un’ influenza estremamente potente, in grado di influenzare il prezzo del mercato azionario o quello di una criptovaluta.

Per ottenere questo risultato, non c’è un segreto: pubblica regolarmente, a volte più volte al giorno. Il contenuto è chiaramente la linfa vitale del personal branding. 😊

#2 Gary Vaynerchuck

La sua breve storia

Gary Vaynerchuck è un vero e proprio monumento al marchio personale. Questo imprenditore seriale ha tutte le caratteristiche di una storia di successo americana.

Originario dell’Unione Sovietica, emigrò con la famiglia negli Stati Uniti alla fine degli anni Settanta. Oggi è a capo di diverse grandi aziende da lui create, come VaynerX, VaynerMedia e Veefriends.

È anche autore di 5 libri best-seller che hanno venduto diversi milioni di copie. 🙌

Le sue tecniche

Per creare e mantenere il suo personal branding, Garyvee ha attuato una strategia di comunicazione globale e intensiva. È semplice: è presente su tutti i social network.

Ha più di 10 milioni di follower su Instagram e 15 milioni su TikTok, per esempio. Anche su LinkedIn pubblica più volte al giorno, dove accumula più di 5 milioni di follower.

Ha scelto di incentrare i suoi contenuti sulla ricerca della felicità e sull’imprenditorialità. Per questo, pubblica molti contenuti video in cui dà consigli su questi argomenti.

Anche in questo caso, vediamo che le chiavi per un buon personal branding sono sempre le stesse: scegliere una o due nicchie che si adattano a noi e pubblicare quanti più contenuti possibili al riguardo. 😛

#3 Toinon Georget

La sua storia breve

Giovane imprenditore dell’industria tecnologica di Montpellier, Toinon è a capo di Waalaxy, il miglior strumento di automazione della prospezione su LinkedIn e via e-mail sul mercato.

A soli 26 anni, ha una comunità di oltre 30.000 persone su LinkedIn, dove pubblica molti contenuti relativi all’imprenditoria e al mondo delle start-up in generale.

Le sue tecniche

Potreste dire che mi sto ripetendo, ma è perché tutti coloro che sono riusciti a creare un buon personal branding hanno utilizzato le stesse tecniche.

Per impostare il suo personal branding, Toinon ha iniziato a postare su un solo social network, quello che conosceva meglio.

Ha iniziato con pochi post a settimana, per poi aumentare gradualmente fino a postare oggi più volte al giorno.

Ma il suo segreto è che non ha mai smesso di postare da quando ha iniziato a creare contenuti. Con questa perseveranza, si è assicurato il successo nella costruzione del suo marchio personale. 😎

Esempio di marchio personale – Scarica il PDF

Se trovate questi esempi interessanti, potete scaricarli cliccando sul pulsante qui sotto!

Scarica il PDF

Conclusioni: Come costruire un marchio personale di successo?

Costruire un marchio personale è probabilmente la migliore decisione che possiate prendere per far crescere la vostra attività o per raggiungere più facilmente i vostri obiettivi. Se avete letto attentamente questo articolo, avete tutte le chiavi in vostro possesso per diventare la prossima star del vostro settore.

Tuttavia, sapere come farlo è bene, ma farlo davvero è meglio. Dove farete la differenza con gli altri è nella vostra capacità di mettere in pratica i concetti che abbiamo discusso in questo articolo.

Spero che questo articolo vi sia piaciuto, è stato un piacere condividere queste tecniche con voi! Spero di vedervi presto creare contenuti, vi invito a fare un giro sul nostro blog se vi piace questo tipo di contenuti! 😊

Domande frequenti sull’articolo “Creare il proprio marchio personale

Sono obbligato a postare sui social media per sviluppare il mio marchio personale?

Sì. Per creare un personal branding su Internet, i social network sono strumenti essenziali e il loro potere è troppo grande per farne a meno. Se avete difficoltà, iniziate con un social network che conoscete già un po’ prima di affrontare gli altri. Prima di tutto, ci arriverete 😛

Ci sono svantaggi nello sviluppare il vostro marchio personale?

Il più grande svantaggio della creazione di un personal branding è sicuramente il tempo che vi dedicherete, soprattutto per creare contenuti. Ma considerando i vantaggi che può portare, è un investimento più che valido.

Un altro svantaggio della creazione di un personal branding se siete il fondatore di un’azienda e il suo sviluppo si basa sul vostro marchio personale è che diventate essenziali per la vostra azienda. Quindi, se un giorno pensate di venderla, dovrete gradualmente staccarvi dalla vostra azienda.

Quanto tempo occorre per sviluppare il mio personal branding?

La creazione di un personal branding è una maratona, non uno sprint. È meglio postare una volta a settimana per un anno che una volta al giorno per un mese. Siate pazienti e abbiate fiducia nel processo, i risultati seguiranno! 😁

Bene, per oggi è tutto! Spero che questo piccolo corso di marchio personale vi sia piaciuto, ci vediamo presto per un nuovo articolo! 😇

5/5 (500 votes)
Vi consigliamo 👇

Convert more leads into clients with these 7 secret B2B prospecting messages 🚀

Enter your first name and email address  to receive the 11 page digital book now:

Where do we have to send it now?