Strategia SEO aziendale: Come iniziare?

Published by Melany on

enterprise seo strategy : How to get started ?
15 minutes
5/5 - (211 votes)

Ti stai chiedendo come creare una strategia SEO aziendale?

Il SEO per “Search Engine Optimization” consiste nell’ottimizzare la referenziazione del proprio sito web su determinate parole chiave ricercate dagli internauti, al fine di rispondere alle loro domande ed evidenziare i suoi contenuti e/o servizi.

Vediamo insieme come iniziare la tua strategia SEO organica. 😊

Argomento di tendenza come molti ne parlano, è ampiamente sottovalutato e sottoutilizzato o addirittura mistificato dalla maggior parte delle aziende. 👻

Blogging Spongebob Squarepants GIF by Giflytics

E per una buona ragione, alcune agenzie si stanno riempiendo bene le tasche facendo apparire questa strategia di marketing complessa e vendendo servizi troppo costosi che mirano a farti apparire nei risultati di Google. 😅

È vero che posizionarsi domani su una parola chiave come “assicurazione auto” o “comprare jeans” richiederà molto impegno e tempo, soprattutto se il tuo sito è agli inizi. E forse non ci arriverai mai.

Ma ci sono altre strategie in cui il principio di Pareto si applica particolarmente bene, e che permettono, con il 20% di sforzo, di ottenere l’80% dei risultati.

A Waalaxy, circa il 30% delle nostre acquisizioni è generato dalla nostra strategia seo e oggi, con un team di circa 20 persone, abbiamo superato i 100 000 visitatori mensili.

Ecco perché, durante un recente live, la nostra Head Of Acquisition, Amandine Bart, ha condiviso con noi tutti i suoi segreti per raggiungere un tale risultato. Potete contattarla su LinkedIn se avete delle domande. P.S.: Lei comunica principalmente con le Gif. Sentitevi liberi di mandargliene tante. 😎

Abbiamo trascritto tutto per voi qui. E non rimarrai deluso 😉

NB: per non perdere altri contenuti come questo e condividere best practice per trovare clienti, iscriviti alla nostra community!

Strategia SEO aziendale e strategia dei contenuti: perché combinare le due cose?

Prima di iniziare, devo chiarire una cosa. In questo articolo, parleremo di SEO come strategia di contenuto. Ma essenzialmente: come impostare la tua strategia seo.

Torneremo più volte su questo argomento, ma è necessario sapere una cosa. Per farsi elencare su Google (e altri motori di ricerca), dovete cercare di rispondere alle domande d’uso.

Il problema è che non puoi rispondere a domande rilevanti con un sito “vetrina”. In altre parole, il tuo sito principale che serve come pagina di vendita non può bastare in una strategia SEO. Ecco perché parleremo di contenuti, nel senso di articoli di blog o pagine più ricche di testo, per cui l’obiettivo è quello di posizionarsi in risposta alle parole chiave su Google. (Con meno di 300 parole, i robot di Google non passano nemmeno sulla tua pagina).

Ecco perché è quasi indispensabile avere un blog, o direttamente nell’architettura del tuo sito (nel formato waalaxy.com/blog), o su un blog separato, come un sottodominio, come blog.waalaxy.com. È ormai molto facile lanciare un blog con WordPress e esistono migliaia di tutorial sul web per aiutarti a farlo.

Tutto questo per dire che oggi, parleremo molto di articoli, contenuti testuali con l’obiettivo di posizionarsi su Google e perché no, poi, di convertire al vostro sito principale (e quindi ad un acquisto).

Perché puntare su una strategia SEO aziendale?

1. Risultati esponenziali

Una delle cose fondamentali da sapere sul SEO è l’aspetto a lungo termine. Il SEO è un compito minuzioso, i cui risultati si sentono solo diversi mesi dopo. Ogni iterazione richiede tempo per avere un impatto, ed è un po’ questo che la rende una cosa “mistica”. 👻

Nessuno oltre a Google sa davvero come funziona il loro algoritmo e molti speculano, cercando il miglior trucco per classificarsi al primo posto nei risultati. La verità è semplice ed è la stessa per tutti i tipi di contenuto: coerenza e persistenza sono le chiavi di una strategia che funziona.

Gli hack possono aggiungere valore, ma una strategia seo non può essere basata su di essi. Non sto cercando di scoraggiarvi. Perché è l’aspetto a lungo termine che è interessante nel SEO. Infatti, la curva di progressione nel SEO è una curva esponenziale. Ci vuole un po’ di tempo per decollare. Ma quando decolla… decolla. 😍

Space Science Fire GIF by European Space Agency - ESA

I risultati sono semplicemente enormi. Si potrebbe dire che questo è un canale di acquisizione che scala. Personalmente, penso che sia fantastico. Un articolo che scriviamo oggi e che otterrà 100 visualizzazioni nel primo mese avrà forse 10k visualizzazioni al mese in un anno.

Questo è il contrario di altri tipi di contenuti, soprattutto quelli sui social network, la cui durata di vita si conta in giorni o addirittura ore. 🕦 Per illustrare, ecco la nostra curva di traffico organico (quindi solo attraverso i motori di ricerca) negli ultimi 2 anni:

2. I vantaggi del SEO

In due parole: Capitalizzazione a vita e vantaggio competitivo. In linea con i risultati esponenziali, uno degli enormi vantaggi del SEO è la “capitalizzazione a vita”. Questo si materializza attraverso due cose:

  • Il tempo passa, i contenuti restano. Uno degli articoli più letti da noi ha più di 18 mesi, mentre da allora abbiamo pubblicato centinaia di altri contenuti.
  • Sloggiare un sito dalla sua posizione 1 è molto difficile. Infatti, Google tende a considerare che più il tuo sito è visitato su una parola chiave, meglio risponde. E quindi più possibilità hai di risalire. Quando sei 1° su questa parola chiave, ti rende quasi indistruttibile.

Contrariamente alla prospezione o alla pubblicità, che, quando i budget vengono tagliati, smettono di produrre risultati, il SEO continua a fornire risultati a lungo termine, anche quando non ci si lavora più.

3. SEO e intenzione di conversione

A differenza della prospezione o della pubblicità, che sono strategie “outbound”, la SEO è una strategia “inbound” , quando facciamo prospezione o pubblicità, andiamo a cercare utenti cercando di prevedere chi potrebbe essere interessato al nostro servizio, prodotto o contenuto.

Sì, lanciamo la canna da pesca. E speriamo che abbocchi. 🐟 Il SEO è l’opposto. È pescare con una rete. Prepariamo una rete e lasciamo che il pesce ci rimanga impigliato. (Scusa se ti paragono al pesce se sei arrivato su questo articolo con una delle tecniche 😂).

In pratica, risponderemo alle domande che i nostri potenziali clienti hanno e ci posizioneremo su argomenti che li interessano. Un esempio di uno dei nostri articoli ultra-ottimizzati proprio qui. Se prendo il nostro esempio, lavoriamo la nostra strategia SEO su tutto ciò che riguarda le strategie di prospezione, LinkedIn e l’emailing.

E ora che abbiamo coperto questi argomenti, ci espandiamo parlando del Growth Hacking e di qualsiasi tipo di strategia di acquisizione. Come questo articolo 😊 Quindi quello che è interessante è offrire una risposta a qualcuno che segna un interesse in un argomento.

Se sto cercando “migliore lavastoviglie 2021”, probabilmente sto cercando di comprare una lavastoviglie. Quindi se vendi lavastoviglie, ti conviene posizionarti su questo tipo di parola chiave. Perché la possibilità di convertire dietro di essa è molto alta. ⭐️

E questo è un enorme vantaggio competitivo. Perché se tu sei visibile su quella parola chiave e i tuoi concorrenti no, in un mondo in cui l’80% degli acquirenti fa una ricerca su Google prima di comprare un prodotto, non stai dando loro una possibilità.

Anna Kendrick Movie GIF by Pitch Perfect

4. SEO e visibilità

Il SEO gioca su diverse leve di marketing. La prima di cui abbiamo parlato sopra è l’obiettivo di conversione. L’utente sta cercando un prodotto o è almeno in un comportamento di acquisto. Cercheremo di spingere il nostro prodotto o servizio.

E poi c’è il contenuto “awareness”. Come uno spot televisivo, l’obiettivo non è che il visitatore vada a comprare il nostro prodotto immediatamente dopo aver letto il nostro articolo o visitato il nostro sito. Cercheremo di rispondere in modo qualitativo alle domande che si pone su un argomento legato al problema che risolviamo.

La SEO è quindi un modo per renderci visibili a grandi volumi di persone. 👩🚀 (Torniamo un po’ più avanti su questo aspetto e sui diversi tipi di contenuto).

5. SEO e distribuzione dei contenuti

Infine, la SEO è un ottimo modo per distribuire i tuoi contenuti e creare una “fabbrica di contenuti” (per saperne di più su questo argomento, leggi il nostro articolo sulle strategie di inbound marketing).

Quando dico “distribuire i tuoi contenuti”, intendo:

  • Condividi le tue conoscenze sul tuo argomento di competenza, per portare valore al tuo futuro o attuale cliente, per evidenziare il tuo status di esperto.
  • “Repurpose” un altro pezzo di contenuto. Mi piace anche chiamare questo “recycling” ed è un aspetto fondamentale della tua “fabbrica di contenuti”. Per esempio questo articolo è un riassunto di un contenuto video, fatto dal vivo davanti a 300 persone. Noi lo riprendiamo e lo riformattiamo in testo, per rivolgersi ad altri canali e ad altri tipi di persone, ma senza dover ripartire da zero sul contenuto. 😜
  • Espanderti in altri paesi. Non entreremo in questa parte oggi, ma sappi che una volta che la tua strategia SEO è ben avanzata, usare la traduzione dei contenuti per espandersi facilmente a livello internazionale è una grande leva di crescita.

Working From Home GIF

Come iniziare la vostra strategia SEO aziendale? I 3 pilastri

Come puoi immaginare (e come probabilmente hai già capito), questo articolo non ha lo scopo di farti diventare un professionista del SEO. Se lo sei, ti starai già cagando addosso leggendo questo articolo. 😅

No, l’obiettivo, come la maggior parte dei contenuti che creiamo, è quello di darti le chiavi per iniziare la tua strategia seo, a costi inferiori e con risorse umane ridotte.

Il tutto con consigli attivabili ed esempi concreti. Ma devi comunque iniziare dalle basi. Il SEO si basa su 3 pilastri fondamentali: tecnica, contenuto e link.

1. La tecnica: Ottimizzare il tuo sito per il SEO

La prima cosa da fare quando si vuole essere correttamente referenziati su un motore di ricerca è ottimizzare il proprio sito per soddisfare i criteri di Google.

(Sì, parliamo di Google che rappresenta il 96% delle ricerche nel mondo e i cui criteri sono poi copiati dai suoi concorrenti).

Quando parliamo di un sito ottimizzato, parliamo di un sito che offre una buona esperienza all’utente, ma non solo.

Un sito veloce e leggero

Si stima che un utente abbandona un sito se impiega più di 3 secondi per caricarsi.

Essendo il business diGoogle quello di referenziare i siti per i suoi utenti, cercherà di offrire la migliore esperienza possibile all’internauta. 😊 Quindi il sito deve essere ottimizzato per caricarsi velocemente. Per questo, alcune tecniche:

  • Riduci al minimo il javascript del sito,
  • Comprimere le immagini,
  • Evitare animazioni pesanti.

Puoi fare un audit del tuo sito su Page Speed Insight, uno strumento fornito da Google stesso per sapere cosa ottimizzare sul tuo sito. Un po’ più tecnico, Pingdom Website Speed Test. Questi due strumenti sono gratuiti.

Un sito strutturato

Tanto per l’utente quanto per i robot di Google che navigano il tuo sito, deve essere ben strutturato. Intendiamo:

  • Categorie ben scelte che abbiano senso per trovare ciò che si sta cercando,
  • Titoli dei contenuti pertinenti ed evocativi,
  • Una sitemap e un robot.txt ben organizzati. Questi sono file alla radice del tuo sito che danno indicatori ai robot su come è costruito e li aiuta a capire cosa fai. Ci sono molti tutorial su questo argomento e strumenti che ti aiutano a costruirli correttamente.
  • Una struttura di tag HN rispettata!

Esempio della struttura del nostro sito:

Puoi visualizzare la tua struttura con l’estensione Chrome “Document Outline”. 😄

Un sito piacevole da visitare

Il tuo sito dovrebbe offrire una buona esperienza utente complessiva. Intendiamo:

  • Un bel sito.
  • Un sito reattivo (cioè che si adatta a tutti gli schermi). Indispensabile oggi.
  • Evitare i popup, gli annunci invasivi e tutto ciò che altera l’esperienza di navigazione.

Google Search Console ora offre uno strumento per analizzare il tuo sito in mobile e darti consigli per migliorare. In breve, qualsiasi cosa ti trovi noioso quando controlli un altro sito = non farlo. 😋

Elisha Cuthbert Reaction GIF

Ottimizzare il tuo sito su WordPress

Per chi non lo sapesse, WordPress è lo strumento più usato al mondo per creare siti e blog senza codificare una sola riga.

Uno dei grandi vantaggi è l’enorme comunità e i plugin disponibili. Se hai appena iniziato, non guardare oltre WordPress.

Ecco gli strumenti che usiamo per ottimizzare la tecnica del nostro blog su WordPress:

  • WP Rocket (a pagamento ma il più efficiente). Prende tutto quello che hai sul tuo sito e lo comprime per renderlo più veloce nel caricamento.
  • Huming Bird & Robin Image Optimizer: ottimizza e comprime automaticamente tutte le tue immagini.
  • Web P converter: prende le tue immagini JPG & PNG e le converte in .webp, un formato preferito da Google.

2. SEO e Contenuto: rispondere agli utenti

Perché creare contenuti?

Ne abbiamo parlato rapidamente sopra. Lo scopo di creare un contenuto è quello di posizionarsi su alcune parole chiave specifiche. Cerchiamo :

  • Diventare un esperto su un argomento. Più ne parliamo, più Google vedrà che portiamo valore su questo argomento, più ci farà riferimento su questi argomenti.
  • Per dare risposte. Google è un motore di risposte e non un motore di ricerca. Dobbiamo quindi cercare di rispondere alle domande con risposte chiare, concise e precise.
  • Alimentare il motore di ricerca. Google è come una macchina. Il contenuto è il carburante. Google ha bisogno di nutrirsi di contenuti per capire cosa facciamo, chi siamo e quindi aumentare la sua fiducia in noi. 🚗

Quale contenuto creare?

Ora che sappiamo perché creare contenuti, dobbiamo trovare quali contenuti creare. Perché scrivere risposte a domande che nessuno pone non è molto interessante. Per questo, due strumenti gratuiti ed efficienti:

  • Rispondi Il pubblico. Gli dai un argomento e ti restituisce le domande più poste su quell’argomento e come fanno le loro domande.
  • Strumento per le parole chiave. Simile al precedente.

E infine 1.fr (strumento a pagamento), che vi fornirà domande più precise, spesso su argomenti più di nicchia (e quindi meno competitivi).

Ti dà anche le parole da inserire nel tuo articolo per posizionarti sulla domanda.

Ps: questo articolo è stato ottimizzato con TextOptimizer. 😜

A quali parole chiave mirare?

Per trovare le migliori parole chiave su cui puntare, devi cercare il miglior rapporto volume/competizione. In altre parole, non ha senso puntare direttamente alla parola “assicurazione” che è ULTRA competitiva e sulla quale non hai alcuna possibilità di posizionarti. Perché l’importante è ottenere traffico.

Più traffico fai, più fiducia ha Google, meglio ti posizioni e più traffico fai. ❤️ Quando sai che più di 2/3 del traffico è sui primi 3 risultati, è meglio essere 1° su una parola chiave con 10 ricerche al mese, che 100° su una parola chiave con 100.000. Cercheremo quindi piccoli volumi di ricerca (e poca concorrenza).

Spesso si tratta di parole chiave che chiameremo “long tail”, cioè domande precise. Per esempio “come automatizzare la mia prospezione su LinkedIn ?” piuttosto che “prospezione su LinkedIn “. Un buon modo per controllare la concorrenza su una parola chiave è quello di cercare la parola chiave tra virgolette.

Il numero di risultati corrisponde al numero di siti che sono posizionati su questa parola chiave.

Sotto 1.000 cominciamo ad essere su un livello di concorrenza raggiungibile. Sotto 100 è molto poco competitivo.

Sopra i 10.000, all’inizio, è molto complicato.

Sopra i 100.000 è impossibile (all’inizio).

SEOwl GIF

I 3 tipi di contenuto nel SEO

A Waalaxy, distinguiamo 3 tipi di contenuto sul nostro blog:

  • Il contenuto ad alto valore aggiunto: si tratta di articoli che saranno ovviamente referenziati su Google ma che sono prima costruiti con la preoccupazione di rispondere a un problema del cliente. Questi articoli sono spesso distribuiti attraverso altri canali rispetto al SEO e non corrispondono necessariamente alle ricerche su Google.
  • Contenuti di supporto: si tratta di tutorial e casi di studio che vengono condivisi con i nostri utenti per fornire risposte alle loro domande relative al prodotto. E dato che non siamo ancora molto conosciuti, poche persone li cercano direttamente tramite Google.
  • I contenuti SEO: questi contenuti sono finalizzati al posizionamento nelle ricerche su Google.

Tra questi contenuti SEO, distinguiamo 3 sottotipi:

  • I contenuti di conversione. Questi contenuti hanno per obiettivo di rispondere a una domanda precisa dell’utente e se possibile di proporre il nostro strumento. Potrebbe essere un articolo su “come fare prospezione su LinkedIn” o “i migliori messaggi di prospezione” 🤝
  • Contenuto di traffico. Questo è un contenuto più “generalista”, che si allontana un po’ dal nostro argomento principale. Possiamo citare“LinkedIn emoji” o “LinkedIn carousel”. Molto traffico ma meno qualificato. L’obiettivo qui è quello di lavorare sull’immagine del marchio senza cercare di convertire immediatamente e di ottenere traffico importante per migliorare la nostra immagine con Google.
  • Le “guide”. Si tratta di contenuti molto lunghi (>5k parole) con obiettivi spesso multipli: posizionarsi su una query principale molto competitiva (Google ama gli articoli lunghi), posizionarsi su decine di piccole ricerche con poco volume ma poca concorrenza e portare molto valore all’utente (cercando quindi di convertirlo comunque). Possiamo citare come esempio “LinkedIn lead generation strategy” che mira a presentare le principali strategie per trovare clienti su LinkedIn. 😎

3. Link: Ottenere la fiducia di Google

Il terzo pilastro del SEO è “link”. Chiamato anche“backlink “, si tratta di determinare quante persone parlano di te sul web e se queste persone sono affidabili.

Sì, Google non vuole inviare i suoi utenti a siti dubbi o disdicevoli.

Al contrario, vuole che i siti importanti/esperti siano ben posizionati. Quindi possiamo dire che ci sono 3 indicatori principali strettamente correlati quando si parla di link strategy:

  • Il livello di fiducia: chi parla di te? Piuttosto siti di cui Google si fida poco o piuttosto siti affidabili come media importanti, directory o altri siti di riferimento? Senza dubbio l’indicatore più importante.
  • Volume di citazioni: quante persone parlano di te? Questo indicatore deve andare con il livello di fiducia. Se ci sono pochi siti affidabili che parlano di te e molti siti inaffidabili che parlano di te, non va bene.
  • La categoria del tuo sito: a seconda del tuo contenuto e dei tipi di siti che parlano di te, Google ti assegnerà una categoria di maggioranza e sottocategorie. Sarai considerato come un “esperto” su questo o questi argomenti e quindi più probabile essere referenziato sulle parole chiave di questi argomenti.

Come ottenere link?

Una strategia di link è anche costruita sul lungo termine. Tuttavia, ci sono alcuni consigli per ottenere link importanti che puntano al tuo sito:

  • Directory gratuite: Oueb, Netgo,
  • Scrivere articoli su Medium, fare una pagina pubblica di Notion o creare una voce su Wikipedia,
  • Scambiare link tramite “guest blogs“: tu scrivi un articolo sul sito di un partner che è nello stesso tema, lui fa lo stesso e ognuno di voi invia un link all’altro.
  • Fare affidamento sugli ambasciatori. Nel nostro caso abbiamo un programma di affiliazione e incoraggiamo i nostri ambasciatori a scrivere contenuti su di noi per ottenere link.
  • Comprare link su piattaforme: ereferer, getfluence, semjuice…

Una strategia di link dovrebbe essere vista in termini di regolarità e non di quantità.

È meglio avere un link al mese per un anno che 12 il primo mese e poi niente. 🛑

5 consigli per iniziare una strategia SEO aziendale

Per finire questo articolo, ecco 5 consigli generali da ricordare per una strategia SEO di successo.

Suggerimento #1: Pensa all’utente

È passato molto tempo da quando mettevi 100 volte una parola chiave nel tuo testo per essere posizionato. 😂 Oggi, la chiave del SEO è l’utente.

Perché Google vuole offrire il meglio ai suoi visitatori. Quindi non si cerca più di scrivere per i robot ma per gli umani (perché questi robot cercano di avvicinarsi il più possibile).

Passa attraverso il sito stesso che deve essere veloce, bello e piacevole come detto, ma un contenuto che porti valore all’utente e che sia facile da leggere. 👨🍳

Consiglio del capo: il tuo contenuto deve essere piacevole da leggere ad alta voce.

Frasi prolisse e formule pompose dovrebbero essere bandite. GIF, meme, illustrazioni, emoji sono i benvenuti!

Suggerimento #2: fornire una risposta

L’abbiamo già detto, ma meglio troppo che troppo poco. Ci sono solo 10 posti nella prima pagina e i primi 3 risultati catturano quasi tutto il traffico.

La concorrenza è dura quindi devi essere il migliore a fornire la risposta. Chi offre la migliore risposta il prima possibile nell’articolo vince. ❤️ 👨🍳Consiglio: per battere i tuoi concorrenti, digita la tua parola chiave su Google. Leggi i primi 3 articoli.

Poi scrivi: cosa avresti voluto leggere di più, cosa hai trovato irrilevante per rispondere alla domanda, quali informazioni non hai trovato.

Rifai il tuo articolo tenendo conto dei punti e aggiungi dal 10 al 20% di contenuto in più.

Suggerimento #3: Semplificare le ricerche

Usa l’estensione “Keyword Surfer” che ti dà informazioni sul volume di ricerca direttamente nella tua pagina di Google quando cerchi una parola chiave. 😍

Suggerimento #4: Prendi ispirazione dai concorrenti

Non ha senso reinventare la ruota. I tuoi concorrenti hanno probabilmente già risposto a domande simili.

Prendi ispirazione dai loro contenuti e fai meglio (risposte migliori e più contenuti). Puoi anche, con lo strumento Semrush (non gratuito), guardare cosa porta più traffico al tuo concorrente e posizionarti sulle stesse ricerche, cercando di fare meglio e più a lungo.

Suggerimento #5 : Regolarità > Quantità

Che sia per i link o per i contenuti, è la regolarità che ha la precedenza sulla quantità. Il SEO, come il contenuto in generale, è più una maratona che uno sprint. La coerenza è una delle chiavi del successo. ⭐️ Quindi preferisci 1 articolo a settimana che 50 articoli in una volta sola.

In generale, Google non ama gli “eventi estremi”. Tutto ciò che esce dal comportamento normale e continuo tende ad allertarlo e si possono ottenere gli effetti opposti a quelli previsti. 👨🍳

Consiglio del capo: se sei tutto solo ad attuare una strategia SEO, organizzati in “sprint” durante i quali ti isoli e scrivi diversi articoli.

Poi pianifica questi articoli in modo da essere sempre avanti nel gioco e non farti mai cogliere impreparato.

Conclusione per la tua strategia SEO aziendale

Dovresti iniziare una strategia SEO aziendale? Penso che dopo aver letto questo articolo, la domanda abbia una risposta rapida. 😎 Può sembrare molto, ma ne vale la pena.

Sentiti libero di unirti a noi sulla nostra community per discutere di questo argomento e ricevere consigli dagli altri membri! 👽

Articolo FAQ sulla strategia SEO aziendale

Come tradurre i tuoi articoli SEO?

Per tradurre i tuoi contenuti in diverse lingue, puoi scegliere di utilizzare freelance madrelingua. È abbastanza costoso ma il tuo contenuto sarà molto qualitativo.

A Waalaxy, traduciamo i nostri contenuti nativamente dal francese all’inglese e allo spagnolo.

Per il resto, tutti i nostri articoli sono automaticamente tradotti (e riottimizzati) grazie a DeepL e un plugin per WordPress (DeepL for wordpress).

Posso iniziare una strategia SEO da solo, senza alcuna conoscenza preliminare?

Certo che puoi. Ed è proprio questa l’idea di questo articolo.

Questo è quello che ha fatto Amandine, portando il nostro traffico da 0 a 10k visitatori mensili da sola, anche se non era il 100% del suo lavoro.

Tuttavia, bisogna essere motivati e pronti a imparare da soli dai contenuti web! 😎

Categories: GuidaWaalaxy

Tweet
Share
Share