it
frenesptdeplnlruidja

Che cos’è il valore aggiunto? Significato + 2 metodi di calcolo

show table of contents

Come imprenditore o amministratore delegato di un’azienda, diversi indicatori finanziari sono essenziali per il vostro sviluppo, tra cui uno: il valore aggiunto. In questo articolo, vi :

  • Avete finalmente compreso il concetto di valore aggiunto?
  • Come si calcola?
  • A cosa serve?

Siete pronti a diventare un asso in questo KPI? Fatevi avanti! 🚀

Valore aggiunto: Definizione

Quando si cerca la definizione pulita di valore aggiunto online, ci si imbatte sempre nel calcolo iperpragmatico della buona vecchia contabilità nazionale. anche se arriveremo a questa definizione tra poco, credo che ci sia una vera e propria mancanza di prospettiva in ciò che si trova online. Permettetemi quindi di essere un po’ più chiaro. Il valore aggiunto non è solo un numero quantificabile, ma è..:

La capacità di un’azienda (o di una persona) di generare ricchezza

. Vale a dire, essere in grado di apportare un valore aggiunto, sia esso finanziario, umano o corrispondente a un prodotto o a un servizio offerto. Esempio: Ho comprato un telefono impermeabile. La sua ricchezza è l’impermeabilità. Il principale valore aggiunto su cui si concentrerà il marketing è la sua capacità di essere immerso nell’acqua. 📱

Viene anche utilizzato come base per il calcolo del TVA e per il calcolo del PIL in volume (prodotto interno lordo) di un Paese, importante vero? 😎

Valore aggiunto: esempio?

Il mio esempio del telefono non è stato abbastanza chiaro? Non preoccupatevi, ve ne faremo uno più concreto. Prendiamo l’esempio di un indumento:

  • Questo KPI nel processo di produzione di un capo di abbigliamento rappresenta la differenza tra il prezzo del capo venduto e la somma dei valori del tessuto, della materia prima, delle macchine da cucire, dei bottoni, dell’elettricità, delle importazioni e di tutti gli altri fattori consumati per produrre questo capo.

Come calcolare il valore aggiunto?

Molti articoli hanno diversi calcoli del valore aggiunto. Qui vi spieghiamo tutto, in modo semplice!

Come si calcola il valore aggiunto di un’azienda?

Il calcolo del valore aggiunto delle aziende è molto semplice:

VA =

Margine commerciale + Produzione di mercato dell’anno – Consumo dell’anno da terzi.

vediamo un po’ come si calcola il valore aggiunto di un’azienda, per capire meglio:

  • 🍎 Margine commerciale: Se acquistate mele da un produttore per 0,20 centesimi all’unità e le vendete nel vostro negozio per 1€ all’unità, il vostro margine è di 80 centesimi.
  • produzione dell’anno: il totale dei beni e servizi prodotti in un anno. Quindi, tutte le mele vendute nel periodo che si vuole analizzare.
  • 🚛 Consumi intermedi dell’anno da terzi: Sono tutti i beni e servizi esterni che l’azienda ha consumato e pagato a terzi. (Nel nostro esempio: costi accessori per l’acquisto di mele, costi del personale pagati…).

Vediamo ora le due diverse formule di calcolo! ⬇️

Calcolo del VA: dal reddito netto dell’azienda

Per riuscire in questo calcolo, è necessario innanzitutto misurare l’utile netto:

Una volta calcolato il reddito netto, passiamo al lavoro:

Siete ancora vivi dopo questo calcolo? Ben fatto! 🎊 Passiamo al secondo metodo! ⬇️

Calcolo del valore aggiunto: dal margine di vendita

Per riuscire in questo calcolo, è necessario prima misurare il margine di vendita, che permette poi di misurare il VA :

Non appena si dispone del margine di vendita, è possibile eseguire questo calcolo:

Ecco fatto, ora avete i due metodi per calcolare il VA, sta a voi scegliere il vostro preferito. ❤️

Analizzare il risultato del valore aggiunto per l’azienda

Una volta calcolato l’indicatore di performance, è necessario analizzarlo per capire il perché di questo risultato. Ci sono due scenari possibili:

  • Basso valore aggiunto:
    • Il costo delle materie prime o il costo di produzione dei beni è troppo alto.
    • Il prezzo di vendita di base non è sufficientemente alto.
  • Alto valore aggiunto: il ciclo di produzione realizzato è ricco, l’azienda è in grado di coprire senza difficoltà gli stipendi, pagare le tasse ed effettuare eventuali rimborsi ai partner finanziari.

Qual è lo scopo del valore aggiunto della vostra azienda?

Misurare il valore aggiunto di un’azienda, da un punto di vista globale, è ciò che si porta di diverso sul mercato. Qual è il vostro valore aggiunto? Esistono diversi modi per definire l’identità del marchio di un’azienda, il più noto dei quali è il prisma di identità di Kapferer. Sembra molto accademico tirare fuori un prisma da scuola di marketing, ma in realtà lo trovo molto pertinente.

Se non identificate il valore che volete apportare al mercato, ciò che lo compone e come volete che i consumatori vi percepiscano, la vostra offerta sarà confusa e, se è confusa, non venderà. 💨

Definire il proprio valore sul mercato attraverso il prisma di Kapferer

Potete prendere questa immagine per creare il vostro prisma. Si tratta di identificare chi siete sul mercato e cosa portate in tavola per differenziarvi.

Esempio di Prisma di Kepferer

Ecco un esempio di come impostare il Prisma su Waalaxy. 👽 In rete si possono trovare diversi esempi, come il prisma d’identità della Perrier o della Coca-cola, molto noti. In realtà, questo l’ho creato solo per autopromozione, ma vi sarà comunque utile 😉

Qui si capisce subito cosa offre Waalaxy e cosa non offrono i suoi concorrenti.

Non conosci Waalaxy? Clicca sul pulsante qui sotto per scoprire il nostro strumento di automazione! ⬇️

Discover Waalaxy 🪐

Come si genera valore aggiunto?

Per generare valore aggiunto nella contabilità, è necessario aver riflettuto sul proprio mercato. Bisogna assicurarsi che il margine corrisponda alle tendenze del mercato e non sia troppo piccolo. In parole povere, ci sono due tendenze:

    • Basso margine = grande volume di produzione, concentrato sulla quantità prodotta. Dovrete produrre e vendere molto perché il valore dell’azienda fiorisca. Esempio: calzini bianchi. 🧦
  • Alto margine = piccolo volume di produzione, ma incentrato sulla qualità del prodotto. Dovrete concentrarvi sul valore aggiunto del prodotto e sul content marketing per far capire al consumatore i vantaggi. Esempio: un orologio di fascia alta. ⌚

Ovviamente ci sono delle sfumature, che vi aiuterò a capire un po’ più avanti. 👇

Perché il valore aggiunto è una misura migliore della produzione?

Semplicemente perché è il più completo. Se si calcola solo il margine, non si tiene conto delle spese esterne.

Se si calcola solo il fatturato (prezzo di vendita x quantità vendute), non si ha idea né del margine né delle spese. Non consiglio di abbandonare tutto e di affidarsi al VA, ma non si può nemmeno ignorarlo.

Cosa sono i prodotti a valore aggiunto?

Un prodotto ad alto valore aggiunto è un prodotto che apporta una ricchezza significativa alla persona che lo utilizza. Quando parlo di ricchezza, la intendo in senso lato e non solo economico: risparmio di tempo, miglioramento della qualità della vita, benefici per la salute. Esistono due tipi di prodotti. (anche in questo caso si tratta di una caricatura).

  • Il prodotto essenziale.
  • Il prodotto gadget. (non essenziale).

L’era Covid ha fatto sì che molte aziende si ricordassero di quanto il loro prodotto non fosse essenziale. i prodotti essenziali per la salute dell’azienda, come il CRM gestionale, la connessione a Internet… sono i fornitori per i quali si desidera la migliore qualità. Senza di loro, non potete lavorare.

I prodotti non essenziali sono quelli che migliorano un po’ le vostre condizioni di lavoro, sono strumenti di comfort. Miglioreranno certamente le vostre prestazioni, ma non saranno la ragione principale del successo o del fallimento della vostra attività. Un prodotto essenziale, per definizione, apporta un forte valore aggiunto alla vostra attività.

Determinare, dimostrare e comunicare

Il fatto che abbiate uno strumento non essenziale non significa che non abbia un valore aggiunto, dovete solo imparare a determinarlo, dimostrarlo e comunicarlo.

  • ❓ Qual è il valore che il mio prodotto apporta ai miei clienti? > Identificare tutti i vantaggi del mio prodotto o servizio.
  • 🔍 Come faccio a dimostrare che questo valore è reale? > Conducete studi, test, feedback, dimostrazioni del prodotto…
  • 📳 Come trasmettere queste informazioni al mio target, ai miei prospect, ai miei clienti? Completare il Prisma di Kapferer > identificare l’identità del marchio e concentrarsi sulla sua differenziazione > comunicare tramite social network, pubblicità, annunci digitali.

Valore aggiunto dell’audit interno: cos’è?

Passiamo ora al terzo e ultimo modo di parlare di valore aggiunto. Il valore umano. Vale a dire, ciò che voi come individui apporterete a un’organizzazione. Per questo, vedremo che esistono i valori aggiunti ricercati da un selezionatore per assumere una persona o da un manager per creare un team.

Come si identificano i profili a valore aggiunto?

Si dice spesso che le persone migliori se ne vanno per prime, e questo vale anche per il mondo del reclutamento. Naturalmente ci sono delle eccezioni, ma anche queste non rimangono disponibili a lungo. È un po’ come un appartamento al di sotto del prezzo di mercato. 🤩

Allora, questi appartamenti, come si trovano?

Su LinkedIn.

Su LinkedIn,

E su LinkedIn.

No, più seriamente. Ci sono molti modi per trovare candidati: sulle bacheche degli annunci di lavoro o partecipando a eventi come le fiere del lavoro, ma LinkedIn rimane la fonte più completa ed efficace per trovare lavoro.

Leggete la guida su come condurre una buona ricerca su LinkedIn. 👀

Come assumere profili ad alto valore aggiunto?

Il valore aggiunto dell’azienda inizia con i dipendenti. Inizia addirittura dai dipendenti, perché sono i primi della catena di produzione.

Senza uno sviluppatore, non c’è applicazione.

Tra l’elenco, diversi consigli per migliorare la creazione di valore percepito:

  • Compensazione dei dipendenti.
  • Quota di ricchezza ridistribuita,
  • Considerazione.
  • Benessere in azienda.

Cosa significa apportare valore a un’azienda?

Se siete dipendenti o in cerca di lavoro, probabilmente vi state chiedendo come potete essere utili all’azienda. In ogni caso, il solo fatto di porsi questa domanda significa che avete l’atteggiamento giusto. Per farlo dovrete:

  • 🌟 Conoscere i propri valori: fare un elenco delle proprie conoscenze e competenze, imparare a identificarle e saperle difendere. (Fatto + esempio concreto + cosa vi permette di misurare i risultati).
    • Per esempio: Sono uno scrittore esperto, ho scritto più di 200 articoli per Waalaxy, mentre parlo ci sono più di 100 mila visitatori al mese sul blog.
  • 🏨 Conoscere le esigenze aziendali: quali competenze creeranno profitti per l’azienda? Non concentratevi su ciò che sapete fare, ma pensate in modo più ampio.
  • ✅ Identificate le aree di miglioramento a cui potete contribuire: la creazione di ricchezza è uno sforzo di collaborazione tra l’azienda e i dipendenti. Se vedete dove potete contribuire a un’attività a valore aggiunto, presentatela!
  • 👨🏫 Formatevi. È importantissimo identificare le competenze che volete sviluppare e quelle di cui l’azienda avrà bisogno domani. Utilizzate il supporto delle risorse umane per colmare il divario tra ciò di cui avete bisogno e ciò che potete apportare.

Come dimostrare il proprio valore aggiunto?

Qui ci avviciniamo al social selling.

Quale valore aggiunto pensate di poter apportare?

Mi ripeterò, ma il metodo migliore per convincere le persone risale ad Aristotele ed è ancora attuale.

  • Ethnos: è la vostra capacità di essere assertivi.
  • Logos: è saper argomentare.
  • Pathos: saper dimostrare il proprio valore.

Aggiungo un punto importante:

  • Sapersi differenziare.

Se avete bisogno di una piccola iniezione di fiducia, qui c’è un video che mi piace molto e che funziona per sviluppare tecniche semplici. 👀

Conclusione dell’articolo: Valore aggiunto Def

Un rapido promemoria di quanto trattato in questo articolo:

  • Definizione di valore aggiunto.
  • Come calcolarlo?
    • Dal risultato netto dell’azienda.
    • Dal margine commerciale.
    • Analisi del risultato del VA.
    • Capire il valore aggiunto?

Passiamo alle domande e risposte! 💭

FAQ dell’articolo : Valore aggiunto

Qual è la differenza tra valore aggiunto e ricavi?

È semplice. Il VA è la differenza tra le vendite e i consumi intermedi. in parole povere, è la ricchezza creata dall’azienda durante un anno fiscale.

Il valore aggiunto è un buon indicatore della performance di un’azienda?

La risposta è sì. Questo KPI ci permette di conoscere la capacità dell’azienda di generare profitti significativi, ovvero il denaro che guadagna in relazione ai costi dei fattori di produzione.

Perché il valore aggiunto è importante per un’azienda?

Con quali mezzi si può misurare il valore aggiunto? Esistono diversi indici, a seconda del valore che si vuole misurare: umano o finanziario.

Rapporti finanziari valore aggiunto (responsabilità)

Esistono altri indici per capire la buona salute dell’azienda.

  • Calcolo in relazione al reddito netto: Reddito netto/Vendite. (È redditizio?).
  • Calcolo in relazione all’EBITDA: eccedenza operativa del valore lordo (GOE) / vendite.
  • Il capitale circolante netto globale (GNWC) si calcola come segue: Capitale permanente (parte superiore del passivo) – capitale fisso.
  • Il fabbisogno di capitale circolante (WCR) è calcolato come segue Attività correnti – Passività correnti.

Scoprite di più su questi indici. 👀 Come promemoria, il calcolo dell’AV è:

Rapporti umani di valore aggiunto

Ora, per calcolare il valore aggiunto apportato dai dipendenti, dobbiamo cercare di capire la salute dell’azienda sotto l’aspetto umano.

  • Tasso di turnover: Le persone restano in azienda? È più difficile creare valore se le competenze non vengono sviluppate nel medio-lungo periodo.
  • Tasso di assenteismo: Più i dipendenti sono assenti, più sono demotivati dal loro lavoro. (tranne che per gravi motivi personali, ovviamente). Come promemoria, la motivazione è uno dei pilastri del contributo umano all’AV: senza motivazione, non ci possono essere sviluppo professionale e creatività.
  • Tasso di supervisione: Abbiamo bisogno di supervisionare spesso i nostri team? Se la risposta è no, questo può essere un ottimo indicatore di autonomia.
  • Evoluzione del salario in relazione al fatturato.
  • Tasso esterno: Mancano le competenze interne per sviluppare determinate attività?
  • Suddivisione dei tipi di contratto: Il passaggio di uno stagista a un contratto a tempo indeterminato è un buon indicatore anche del valore interno.

Il punto fondamentale è che sapete tutto sul valore aggiunto, ecco la guida completa per sfruttare al meglio LinkedIn (azienda, selezionatore o candidato).

Come determinare il valore aggiunto?

Mettiamoci ora nei panni di quel piccolo umano che vuole essere assunto in un’azienda e che vorrebbe sapere come “vendersi”. 👽

Per capire il vostro KPI, dobbiamo innanzitutto determinare cosa avete imparato a fare nella vostra vita, poi le competenze che ne avete tratto e infine, cosa vi definisce come persona?

  • La vostra esperienza.
  • Le vostre hard skills (know-how).
  • Le vostre soft skills (competenze di vita).

Non preoccupatevi, spesso tendiamo a svalutare noi stessi. Sì, questa è già la fine del nostro articolo, ma ora sapete cos’è il valore aggiunto e come calcolarlo! A presto! 🥰

5/5 (234 votes)
Vi consigliamo 👇

Convert more leads into clients with these 7 secret B2B prospecting messages 🚀

Enter your first name and email address  to receive the 11 page digital book now:

Where do we have to send it now?