it
frenptplnlruid

Qual è il open rate email medio ?

show table of contents

Le riceviamo tutti i giorni, da diversi marchi, a volte le apriamo, a volte finiscono direttamente nel cestino (RIP), sto parlando ovviamente delle e-mail. Se inviate regolarmente email e non conoscete il vostro open rate email medio, questo articolo fa per voi! 😇 Oggi parleremo di quanto segue:

  • Open rate email : definizione.
  • Che cos’è un buon tasso di apertura delle e-mail?
  • Come raggiungere un buon tasso di apertura delle e-mail?
  • Come creare un database di emailing?

Siete pronti? Per fortuna lo siamo anche noi 😎

Open rate email: definizione

Una volta inviate le campagne di mailing, è necessario poterle analizzare. A tal fine, si utilizzano indicatori di performance (KPI), come il tasso di rimbalzo, il tasso di spam, il tasso di coinvolgimento o il tasso di clic. Non sapete cosa sono? 🤔 Ok, iniziamo dalle basi. Il tasso di apertura è semplicemente il rapporto tra le e-mail aperte dai vostri contatti e il numero di e-mail inviate. Ad esempio, se avete inviato 1.200 e-mail e 500 persone hanno aperto la vostra e-mail, il vostro tasso di apertura medio è del 42%. Non sapete come calcolare il vostro tasso di apertura delle e-mail? Nessun problema, ne parliamo qui di seguito. Prima di entrare nel vivo della questione, dovete sapere che esistono diversi tipi di email, e vedremo subito quali. ⬇️

I diversi tipi di e-mail

In realtà, nella comunicazione esistono 4 tipi di e-mail:

  • Commerciale.
  • Fedeltà.
  • Notifica.
  • Email a freddo.

Ognuno di essi ha una propria peculiarità e viene utilizzato per una comunicazione diversa. Diamo un’occhiata più da vicino a queste diverse tipologie di e-mail. 🔎

Email transazionale

Tra le email in comunicazione, c’è l’email transazionale, cioè che riguarda direttamente il conto del cliente, ma non è interessata dalla regolamentazione GPDR. Si tratta semplicemente di un’email inviata in tempo reale a seguito di un’azione compiuta da un visitatore sul vostro sito web o applicazione, come ad esempio:

  • Conferma d’acquisto,
  • Tracciamento della consegna,
  • Creazione diun account,
  • Ripristino della password,
  • Convalida della registrazione
  • Richiesta di verifica,
  • Notifica di un evento,
  • Aggiornamento dell’account. 📱

Questo tipo di e-mail rassicura il cliente sulla sua azione e gli dice che la sua azione è stata presa in considerazione.

Email di marketing

Focalizzata sull’incentivo all’acquisto e alla vendita, questa email di marketing mira a mettere in evidenza prodotti, offerte o servizi per convincere l’utente a consumare. In genere, le aziende realizzano campagne di massa durante alcuni periodi strategici dell’anno, come Natale, i saldi o addirittura i compleanni. 🎁

L’oggetto dell’e-mail deve essere incisivo ed esplicito sull’offerta, in modo che l’utente apra la vostra e-mail di marketing anziché cestinarla. 🚮

Email a freddo

Non lo sapete? L’e-mail a freddo è una strategia di prospezione comune nel marketing B2B. Si invia un’e-mail di prospezione a un potenziale cliente senza alcun contatto precedente. L’obiettivo è semplice: stabilire una relazione con il potenziale cliente e farlo avanzare nell’imbuto di vendita.

Volete saperne di più sulle e-mail a freddo e ricevere i consigli di un esperto? Lo trovi qui! 👈🏼

Email di notifica

Questo tipo di email è, a mio avviso, quello che dovete ricevere di più. Ha lo scopo di informare i vostri abbonati sulle novità, sui nuovi prodotti e sui servizi della vostra azienda. Conosciuta anche come newsletter, può essere utilizzata per reindirizzare i vostri potenziali clienti a un nuovo post sul blog, all’annuncio di un evento imminente, alla prenotazione di una vendita privata o al download di un e-book. 📚

Come avrete capito, l’obiettivo di una newsletter è quello di informare e fidelizzare tutti i vostri iscritti.

L’importanza del tasso di apertura

Come vi ho detto in precedenza, analizzare e misurare il ritorno di una campagna di emailing è la base. Il tasso di apertura delle email è uno degli indicatori di performance più importanti, perché se il suo tasso non è buono, purtroppo la campagna commerciale non avrà un grande successo. 📉

Il tasso di apertura può essere basso se:

  • 🥇 Il nome del mittente non fa venire voglia di fidarsi,
  • 🥈 Il database è sbagliato o non di alta qualità,
  • 🥉 L’oggetto dell’email non ispira fiducia e non è abbastanza d’impatto.

Più in basso, vi spiego come curare il vostro database e, soprattutto, come aumentare il vostro tasso di apertura! 🚀

Qual è un buon open rate email?

Si stima che un buon open rate email sia compreso tra il 14,5 e il 29,7%. Se siete al di sopra di questo valore, congratulazioni! 🎊 Se siete al di sotto, niente panico, vi daremo alcuni consigli per risolvere il problema! 🥰 Ancora una volta, questi numeri sono solo una media e variano a seconda del settore e della geografia. Analizziamoli più da vicino! ⬇️

Per le e-mail transazionali

Questa email è informativa ed è fatta per l’utente. Pertanto, ha tra il 60 e l’80% di possibilità di essere aperta. Si avvicina quindi al tasso di apertura del 29% nell’emailing.

Per l’email marketing

Questo tipo di email può talvolta infastidire l’utente che non vuole necessariamente acquistare il vostro prodotto o servizio. Stimiamo quindi il suo tasso di apertura al 21,33%.

Per le e-mail a freddo

L’uso delle e-mail a freddo è un rischio nel senso che l’utente non vi conosce, non ha fiducia in voi a prima vista. Tuttavia, può essere incuriosito dalla vostra e-mail se l’oggetto della stessa è pertinente. 😎

Quindi un buon tasso di apertura è stimato tra il 15-28%.

Per le notifiche via e-mail

Per quanto riguarda le newsletter, un buon tasso di apertura delle e-mail è del 22,75%.

Qual è il tasso di apertura medio nell’emailing?

Come ho detto, il tasso di apertura dipende dal settore di attività e dalla posizione dell’utente, ma si stima che il tasso di apertura medio nell’emailing sia compreso tra il 14,5 e il 22,22%.

Come calcolare il tasso di apertura di un’e-mail?

Volete calcolare rapidamente il tasso di apertura di un’e-mail? Niente di più facile:

  • (Numero di e-mail aperte ÷ numero di e-mail inviate) x 100. (800 ÷ 2 300) x 100.

Per fare un esempio, ho inviato 2 300 e-mail e 800 potenziali clienti le hanno aperte, quindi :

  • (800 ÷ 2 300) x 100 = 34,7.

Il mio tasso di apertura è quindi del 34,7%. 😇

Come ottenere un buon tasso di apertura delle e-mail?

Ci sono alcuni piccoli trucchi da conoscere per aumentare il tasso di apertura delle e-mail, eccoli. 👇🏼

#1. Scegliete il momento giusto per inviare le vostre e-mail

Innanzitutto, dovete porvi la seguente domanda: Quando e a che ora controllo più spesso le mie e-mail? Appena sveglio, in bagno, durante il trasporto, dopo pranzo, la sera prima di andare a dormire, ci sono molte possibilità!

Durante il giorno, le fasce orarie migliori sono quelle comprese tra le 7:30 e le 14:00, dopo una breve pausa pranzo. Per quanto riguarda il giorno, varia a seconda dell’utente e del suo settore di attività.

#2. Incoraggiare i destinatari ad aprire le e-mail di marketing

Potete incoraggiare i destinatari ad aprire le vostre e-mail prestando attenzione a questi 3 punti:

  • 🟥 Il nome del mittente.
  • 🟥 Il pre-header.
  • 🟥 Preparatevi a inviare l’e-mail.

Per ogni tipo di email, vi forniremo un esempio.

Per l’email transazionale

Sono un negozio di abbigliamento online chiamato “Be chic”. Avete appena ordinato un abito e avete appena ricevuto l’e-mail di conferma.

Per l’e-mail di marketing

Sono un’azienda che vende altoparlanti per privati.

Per le e-mail a freddo

Sono un giovane imprenditore alla ricerca di potenziali lead caldi.

Per l’email di notifica

Sono un’azienda di cosmetici biologici 100% francese.

Preparare l’invio dell’e-mail

Prima di inviare le vostre campagne di marketing, dovete prendere in considerazione la configurazione della vostra e-mail con questi 3 passaggi:

  • 🥇 L’SPF: comunica al server del tuo cliente che hai il permesso di inviare e-mail. In caso contrario, andate verso lo SPAMS.
  • 🥈 Il DKIM: comunica al dominio che siete autorizzati a inviare questa posta. Altrimenti, è SPAM garantito!
  • 🥉 Il DMARC: questa impostazione vi permette di rispettare gli standard digitali e di passare i filtri “Anti Spam” dei vostri potenziali clienti. Se non lo fate? Siete considerati spammer.

Volete saperne di più su questo argomento? Abbiamo un articolo dedicato, proprio qui! ⬅️

#3. Cura l’oggetto dell’e-mail

L’oggetto dell’e-mail è la prima cosa che il vostro contatto vede nella sua casella di posta elettronica. Deve essere breve, chiaro, conciso e accattivante. È quindi importante non trascurarla. Ecco i nostri consigli:

  • Optate per un oggetto breve, tra i 61 e i 70 caratteri,
  • Aggiungete emoji (ma non troppi),
  • Siate misteriosi per generare curiosità,
  • Personalizzate il più possibile il vostro oggetto.

Per capire di cosa sto parlando, torniamo agli esempi precedenti! 👇🏼

Per le email transazionali

Sono un servizio di consegna di cibo alle aziende.

Per l’email marketing

Sono un’azienda che vende bouquet di fiori.

Per le e-mail a freddo

Sono un reclutatore per una start-up parigina.

Per l’email di notifica

Sono un’agenzia di comunicazione digitale.

#4. Campagna email responsive/mobile first

Secondo uno studio condotto da Hootsuite e We Are Social, il 92,1% degli utenti accede a internet tramite il proprio telefono.

Sapevate che 3/4 delle email aperte sul telefono finiscono nel cestino se l’email non è responsive? Il cestino significa addio a un buon tasso di apertura delle e-mail e addio al miglior tasso di conversione. 👋🏼

Come potete vedere, inviare email responsive oggi è un must. Per farlo, è possibile utilizzare qualsiasi software di emailing, con un’ampia scelta di modelli pronti all’uso e adattabili a tutti gli schermi.

#5. Il test è la chiave

L’ultimo passo, e non il meno importante, è il test. Testare le vostre campagne e-mail vi permette di sapere e capire cosa funziona e cosa no. Cogliete l’occasione per testare l’oggetto, il pre-header, l’ora o il giorno.

Non dimenticate di utilizzare l’A/B testing senza moderazione! 🥂

Prendetevi cura del vostro database di emailing

Se non avete un buon database, la vostra campagna e-mail potrebbe finire direttamente nello spam, con conseguente calo del tasso di apertura! Per evitare questo dramma, vi diamo 3 consigli:

  • 🖼️ Non includere troppe immagini: più immagini contiene un’e-mail, più viene considerata spam. Basatevi sulla seguente media ➡️ 60% di testo e 40% di immagini.
  • 🤝🏼 Accettazione delle e-mail: i vostri contatti devono prima accettare di ricevere le vostre e-mail nella loro casella di posta. Fondamentalmente, migliore è la vostra lista di contatti, più aperture otterrete e più alti saranno i vostri tassi.
  • 💟 Email di benvenuto: in questa email, chiedete ai vostri abbonati di aggiungervi alla loro rubrica. Così facendo, eviterete di essere bloccati dai software e di comparire nello spam.

Un altro modo per prendersi cura del proprio database è utilizzare LinkedIn. Infatti, questo importante social network professionale con non meno di 850 milioni di utenti è un enorme database gratuito, approfittatene! 🤩

Avete l’indirizzo e-mail della persona che vi interessa direttamente sul suo profilo, quindi non esitate a esplorare le relazioni e a sviluppare la vostra rete di conoscenze! 🌐

Segmentate la vostra mailing list

Non avete tempo di occuparvi della parte LinkedIn? Grazie all’automazione e agli strumenti di business prospecting, non c’è più bisogno di chiederselo. E come possiamo parlare di prospezione senza parlarvi del nostro piccolo gioiello: Waalaxy. 👽

Ok, cosa posso fare con questo strumento di marketing automation? 🤔 La risposta è semplice:

  • Trovare facilmente clienti su LinkedIn senza competenze tecniche, 🔎
  • Inviate campagne efficaci su LinkedIn e di prospezione via e-mail, 📧
  • Gestite le vostre campagne automatizzate
  • Accrescere la propria rete per generare opportunità, 🪐
  • Inviate automaticamente inviti e messaggi su LinkedIn. 🚀

Ecco uno dei nostri video su YouTube che spiega come lanciare le vostre campagne di prospezione dalla A alla Z su Waalaxy! ⬇️

Ricordatevi di aggiornare regolarmente questo database, perché ogni anno perde valore tra il cambio di indirizzi email, chi ha cambiato posto, chi ha lasciato l’azienda… Grazie alle funzioni di analytics di Waalaxy, potete avere un feedback sulle performance della vostra campagna, approfittatene! 🥰

Conclusione dell’articolo: qual è il giusto open rate email?

Siamo giunti alla fine di questo articolo e speriamo che abbia risposto alle vostre domande su questo indicatore di performance. Un piccolo richiamo a ciò che abbiamo affrontato insieme:

  • Definizione di tasso di apertura,
  • I diversi tipi di emailing btob,
  • Qual è un buon tasso di apertura delle email?
  • Come raggiungere un buon tasso?
  • Come prendersi cura del proprio database?

Domande frequenti: open rate email medio

Qual è un buon tasso di conversione delle e-mail?

Il tasso di conversione vi permette di vedere il numero di utenti che hanno compiuto un’azione nella vostra email. Se avete aggiunto dei link, un pulsante “Call to Action”, il tasso di conversione misurerà il numero di persone che hanno cliccato su di esso. Lo studio condotto da MailChimp ci ha permesso di vedere che un buon tasso di conversione delle email è compreso tra il 2 e il 5%, per tutti i settori e gli obiettivi messi insieme.

Qual è il tasso medio di apertura di una newsletter?

Il tasso di apertura medio in Europa è del 21,09%. Rientra quindi nell’intervallo del tasso di apertura che è compreso tra il 15 e il 28%.

Qual è il open rate email massimo?

Non esiste, in senso stretto, un tasso di apertura “massimo” per un’e-mail. Come abbiamo detto prima, un buon tasso di apertura è compreso tra il 25 e il 28%. Anche in questo caso, dipende dal vostro settore o campo di attività! 😊

Come ridurre il churn delle e-mail?

Se notate che il vostro tasso di disiscrizione è troppo alto, controllate questo dato:

  • Numero di e-mail inviate: fate attenzione a non assillare i vostri contatti, con il rischio che si disiscrivano. Date priorità alle campagne qualitative piuttosto che a quelle quantitative.
  • Analizzate i contenuti: errori di ortografia, troppe immagini, testo ridondante, controllate la qualità dei contenuti prima di inviarli.
  • Segmentate la vostra mailing list: se inviate campagne alimentari che parlano di carne e nella vostra mailing list ci sono persone che non mangiano carne, non vi state rivolgendo alle persone giuste e il vostro tasso di abbandono aumenterà. Quindi fate attenzione alla segmentazione.

Ecco, ora sapete tutto sul open rate email medio ! 🔥

5/5 (500 votes)

Convert more leads into clients with these 7 secret B2B prospecting messages 🚀

Enter your first name and email address  to receive the 11 page digital book now:

Where do we have to send it now?