it
frenesptdeplnlruid

Come creare un’automazione del marketing funnel ?

show table of contents

Averne uno nella propria attività è sicuramente il bene più prezioso. Dite addio agli sforzi di vendita per ottenere clienti, sviluppate un marketing funnel automatizzato. 🚀 Oggi parleremo di questo. Come forse sapete, con il limite di 100 richieste di connessione a settimana su LinkedIn, generare lead è diventato più complesso. Ma ora, con Waalaxy, potete sfruttare la potenza di LinkedIn e dell’email marketing per generare più visitatori nel vostro marketing funnel. Ora scopriamo insieme cosa si può fare con un funnel automatizzato 😉 Con un sistema automatizzato potete:

  • Risparmiare tempo nella prospezione b2b.
  • Generare più prospettive (o lead).
  • Ottenere nuovi clienti per i vostri prodotti/servizi.
  • Raccogliere pagamenti 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
  • Educare un pubblico target su un argomento correlato al vostro tema.

In questo articolo vedremo come creare un tunnel di vendita efficace che funzioni con il pilota automatico e aumenti le vostre vendite. Pronti a partire? Iniziamo con una prima domanda…

Marketing funnel :  Breve definizione

Un marketing funnel automatizzato (chiamato anche ” tunnel di conversione”, “funnel di conversione”, “funnel di vendita“) è un processo aziendale che consente di portare un semplice visitatore a diventare un cliente fedele, passando attraverso diverse fasi di marketing. Questa è una definizione piuttosto semplice, ma la approfondiremo nella prossima sezione.

Come funziona un marketing funnel automatizzato?

Un marketing funnel vi permette di accompagnare l’utente di Internet in un processo di acquisto. Vi permette di coltivare il prospect (lead nurturing), cioè di aiutarlo a trovare informazioni e a rispondere alle sue domande in modo che finisca per acquistare il prodotto. Questo funnel ha diverse fasi. 🔥 Eccole:

  • Consapevolezza.
  • Considerazione.
  • Decisione.

Fonte: affde.com.

Consapevolezza

Nella fase di consapevolezza, il vostro ruolo è quello di creare un’impronta del vostro marchio nella mente del potenziale cliente. Può trattarsi del vostro marchio personale per i vostri servizi o del vostro marchio professionale per i vostri prodotti. Il potenziale cliente deve essere consapevole dell’esistenza della vostra soluzione. Una volta fatto questo, potrà proseguire nel processo.

Considerazione (o “valutazione”)

Nella fase di “considerazione”, l’obiettivo è far sì che il potenziale cliente voglia saperne di più. Essere interessato. Per farlo, dovete incoraggiare due cose.

  1. L’interesse per il vostro prodotto (questo prodotto fa per me e può soddisfare le mie esigenze?).
  2. Il desiderio di acquistarlo (è una soluzione di qualità? Quali risultati posso aspettarmi di ottenere?).

Questa fase è molto emotiva. Bisogna trasformare i problemi in interesse. E trasformare i benefici in desiderio.

La decisione (o “modalità d’acquisto”)

Nella fase di “decisione”, dovete trasformare un prospect tiepido/caldo in un cliente. Egli conosce la vostra soluzione, è interessato e deve solo agire. Per farlo, dovete giocare su 3 aspetti.

  1. Esclusività. 💥
  2. Rarità. 💥
  3. Urgenza. 💥

Se non lo fate, le persone avranno difficoltà ad agire per acquistare. Non si tratta di essere aggressivi a tutti i costi. È possibile vendere senza sembrare un venditore di tappeti. Ecco come fare.

Offrite l’esclusività

Create un’ offerta convincente. Potete aggiungere l’esclusività. Per farlo, ponetevi questa domanda:

In che modo il mio prodotto è diverso dalla concorrenza?

Quanto più sarete unici nella mente dei potenziali clienti, tanto più vi sceglieranno come riferimento. Dovete creare un legame con la memoria. Ecco un esempio di marchi che si sono differenziati, Se te lo dico:

  • Treno. A quale compagnia sta pensando? SNCF.
  • Telefono? Apple.
  • Video? YouTube.
  • Film? Netflix.

Se siete all’avanguardia su un argomento specifico, le persone compreranno perché siete diventati il punto di riferimento nella loro mente.

Scarsità e disponibilità

Questo fattore può incrementare le vendite. Quando l’accesso al vostro prodotto/servizio è scarso, si crea un effetto irresistibile nella mente dei vostri potenziali clienti.

Esempio di marketing funnel che converte

Per convertire al meglio i potenziali clienti in clienti, è necessario seguire il più possibile questa struttura: A.I.D.A. per :

  • Aggancio.
  • Interesse.
  • Desiderio.
  • Azione.

Tutte le vostre pagine e le vostre azioni di marketing devono copiare questo schema AIDA. Perché? Perché si è già dimostrato per anni come il più persuasivo nel tunnel della conversione. Ad esempio, la landing page della vostra offerta di prodotti/servizi può iniziare con un teaser con la promessa. Poi si punta ai problemi dei potenziali clienti per suscitare il loro interesse. Poi, si desidera che i vantaggi, le caratteristiche e la prova siano soddisfatti. Infine, con l’invito all’azione per trasformare il visitatore in un cliente. ✅

Perché creare un marketing funnel ?

Un marketing funnel è un po’ come uno scivolo. Vale a dire, porterà una persona completamente fredda in modo fluido e naturale alla vostra offerta a pagamento. Tuttavia, la lunghezza e il tipo di marketing funnel dipendono da un criterio principale:

  • Temperatura della prospettiva. 🔥

La metrica che determina il punto in cui si trova il vostro prospect nel processo in 3 fasi visto in precedenza (consapevolezza, considerazione, decisione). Vediamo alcune situazioni in cui un tunnel di vendita automatizzato può essere di grande aiuto…

Per convertire più lead e trasformare più clienti

Come già detto, un tunnel permette di cambiare la fase di una persona. Vale a dire, il suo stato.

  • Visitatore. 👇
  • Prospect.👇
  • Cliente. ✅

Ad esempio, per convertire più prospect, potete offrire una risorsa gratuita in cambio dell’indirizzo e-mail. Poi reindirizzateli alla vostra offerta a pagamento dopo la registrazione per passare dalla fase “lead” a quella di “cliente”.

Per vendere le vostre offerte di formazione

La creazione di un marketing funnel automatizzato è molto utilizzata nel mondo degli info prodotti. Ovvero, nella vendita di prodotti digitali come la formazione online. Ad esempio, alcuni strumenti possono aiutarvi a creare un funnel in modo molto semplice. I più utilizzati sono Systeme.io e Clickfunnels. Clickfunnels parte da 49€/mese. 😁 Ecco un esempio di come creare un marketing funnel da utilizzare per le vostre offerte di formazione:

  • Pagina di cattura per raccogliere nome ed e-mail in cambio di una risorsa donata.
  • Pagina di ringraziamento con un modulo di registrazione al webinar nel vostro argomento.
  • Pagina di vendita che l’utente riceve dopo il webinar.

Poi inviate una serie di e-mail automatiche per promuovere il vostro webinar. E vendete la vostra formazione alla fine del webinar. 🚀

Per vendere prodotti e servizi

Se vendete prodotti e servizi, potete anche sfruttare la potenza di un tunnel di vendita automatizzato. Ad esempio, se siete consulenti/freelance come graphic designer, può aiutarvi a trovare facilmente i clienti. Ecco come può funzionare con un esempio:

  1. Offrite un libro digitale su “Come scegliere la giusta identità del logo”.
  2. Raccogliete l’indirizzo e-mail in cambio del libro digitale.
  3. Inviate e-mail automatiche con i vostri progetti, le recensioni dei clienti, ecc.
  4. Alla fine dell’email fate un invito all’azione verso la vostra pagina Calendly.
  5. Offrite i vostri servizi tramite video/telefonata.

Lo stesso vale per i siti di e-commerce… Questo è solo un esempio per i grafici. Nella prossima parte vedremo come creare il vostro imbuto di marketing automatizzato indipendentemente dal tema.

Come creare un Marketing funnel esperto?

Seguite questi semplici passaggi per creare la vostra macchina di vendita, che converte senza che dobbiate spendere troppo tempo per convincere i vostri potenziali clienti ad acquistare.

Passo 1: Creare un lead magnet

Il primo passo è trovare qualcosa da scambiare con le informazioni di contatto del visitatore. Fondamentalmente, si deve raccogliere il suo indirizzo e-mail. Ma si può andare oltre per personalizzare il rapporto con il potenziale cliente durante il suo ciclo di vita:

  • Nome.
  • Numero di telefono.
  • Nome della società.
  • Sito web.
  • Indirizzo.
  • Ecc.

Ci sono molti lead magnet che potete offrire ai vostri visitatori, ricordate di lavorare sempre sul copywriting e di avere un titolo accattivante. Ecco alcune idee:

  • Consultazione gratuita.
  • Buono sconto.
  • Lista di controllo.
  • Quiz.
  • Video.
  • Serie di video.
  • Cassetta degli attrezzi.
  • Calendario.
  • Podcast.
  • Interviste.
  • Demo dal vivo.
  • Biglietto d’ingresso.
  • Formazione via e-mail.
  • Prodotto fisico.
  • File da sfogliare.
  • Grafica al computer.
  • Telefonata.
  • Revisione contabile.
  • Preventivo.
  • Carta bianca.
  • Libro digitale.
  • Maglietta.
  • Dati statistici.
  • Casi di studio.
  • Guida esplicativa.
  • PDF scaricabile.
  • Webinar.
  • Formazione online.

Trovate il dolore numero 1 del vostro potenziale cliente e rispondete parzialmente con il vostro lead magnet. Ad esempio, se avete un sito di e-commerce, offrite un buono sconto perché il dolore principale è spendere troppo. Ad esempio, se siete un’agenzia di web marketing, offrite al vostro cliente un audit sulla sua strategia di marketing digitale. Ad esempio, se siete un consulente SEO, offrite una consulenza gratuita di 20 minuti per fare domande sui problemi che il vostro cliente sta affrontando. L’obiettivo di un lead magnet è creare un primo passo di conversione tra un visitatore e una persona con un bisogno. Le fasi seguenti vi permetteranno di soddisfare questo bisogno.

Passo 2: Creare un’offerta di richiamo

Un’offerta call-to-action è qualcosa che il vostro cliente difficilmente rifiuterà perché è così irresistibile per lui.

  • È un’offerta con una proposta di valore reale.
  • È un’offerta non costosa (sotto i 50€).

Può essere ad esempio:

  • Un prodotto fisico economico (nel caso dell’e-commerce).
  • Un video di formazione (nel caso dell’infopreneurship).
  • Un software.
  • Un libro digitale a pagamento.
  • Un contenuto premium.

L’obiettivo è trasformare il prospect in un cliente il più rapidamente possibile per portarlo allo stato di “cliente”. A quel punto, sarete in grado di far salire il vostro cliente nella scala gerarchica. Ecco cosa vedremo subito…

Fase 3: Creare un’offerta di punta

L’offerta di punta è il vostro prodotto/servizio principale. Molto spesso, si noterà che vendendo un prodotto di punta alle persone, queste vorranno andare oltre. Ecco perché potete offrire un servizio classico per soddisfare le loro esigenze. Questo può essere :

  • Un servizio manuale.
  • Una lunga formazione video.
  • Un software.
  • Un coaching.

L’obiettivo della vostra offerta di punta è qualificare con successo i vostri precedenti acquirenti per individuare quelli più iperattivi. In questo modo offrirete loro ancora più valore. Ma scoprirete che, applicando questo principio al vostro imbuto di marketing automatizzato, alcune persone vorranno andare ancora più lontano…

Passo 4: Creare un’offerta premium

È qui che entra in gioco l’offerta di fascia alta. Vale a dire, un’offerta personalizzata che molto spesso viene addebitata in base alle prestazioni, anziché in base al tempo o all’unità. Ad esempio, questa può essere :

  • Un accompagnamento di 6 mesi con un coaching a settimana e un report al mese.
  • Un coaching privato fino al raggiungimento del vostro obiettivo.

Il vantaggio di questa offerta è che sarete in grado di aiutare la persona a cambiare la sua vita, poiché sarete pagati “classicamente” e con un bonus se raggiungerete il risultato stabilito dal cliente. Ecco un esempio con un consulente di lead generation che vuole aiutare un’azienda di web marketing a trovare più clienti. L’obiettivo e il KPI potrebbero essere: acquisire 30 clienti nel prossimo trimestre. Il prezzo del supporto potrebbe essere di 1 500 € al mese + 5 000 € di bonus se l’obiettivo viene superato. Ovviamente, è difficile automatizzare il processo decisionale di acquisto per un’offerta di fascia alta. È necessario comprendere le esigenze della persona, proporre soluzioni e stabilire i risultati della propria offerta. Ma se volete risparmiare tempo, potete comunque automatizzare parte del processo di vendita…

Fase 5: Marketing funnel e automazione

  1. Il vostro lead magnet.
  2. La vostra offerta di richiamo.
  3. La vostra offerta di punta.
  4. La vostra offerta premium.
  5. La vostra pagina di vendita.

In questo funnel di vendita potrete automatizzare la discesa dei clienti. Per farlo, potete utilizzare strumenti come Systeme.io, Clickfunnels, OptimizePress, Podia e molti altri. Molto facili da usare, sono in genere coltellini svizzeri nella creazione di un marketing funnel automatizzato. Alcuni sono a pagamento, altri sono gratuiti. Vediamo come potete lanciare il vostro funnel oggi stesso, anche con pochi soldi per iniziare…

Come creare un marketing funnel gratuito?

Avete seguito le fasi precedenti, quelle del vostro processo di vendita. Ora dovete occuparvi della parte relativa alla strategia di marketing. L’obiettivo: creare il desiderio di acquistare i vostri prodotti e servizi e guadagnarvi da vivere in modo confortevole.

Creare un account su Systeme.io

Systeme.io è un software di creazione di imbuti di marketing, che propone una versione freemium. Con la versione gratuita, è possibile ad esempio :

  • Raccogliete fino a 2000 contatti.
  • Inviate un numero illimitato di e-mail.
  • Creare 3 imbuti di vendita online di 10 pagine al massimo.
  • Creare 1 blog con il vostro nome di dominio.
  • Pubblicare articoli sul blog e lavorare sul SEO (per apparire nei primi risultati del motore di ricerca utilizzato dagli utenti di Internet)
  • Avere uno spazio per i membri protetto da password.
  • Avere tutti i membri che si desidera all’interno.
  • Archiviare file illimitati.
  • Automatizzare un minimo di azioni di marketing.
  • Creare 1 scenario automatizzato.
  • Raccogliere pagamenti tramite Stripe e PayPal.
  • Creare il proprio programma di affiliazione.
  • Eseguire test A/B.
  • Creare coupon.
  • Utilizzate i social media per promuovere le vostre offerte irresistibili
  • Creare upsell, downsell e order bumps.

In breve, avete visto le enormi possibilità che avete con la versione gratuita di questo software. Questo è tutto ciò di cui avete bisogno per avviare il vostro funnel di marketing. Potete anche scegliere di incrementare le vostre vendite online con pubblicità a pagamento come Google Adwords o LinkedIn Ads. Ecco come passare all’azione… 🚀

Creare il percorso del cliente passo dopo passo

Una volta creato il vostro account gratuito, potete iniziare a creare il vostro funnel di marketing. Il primo passo è costruire la vostra pagina di cattura. Vale a dire, la pagina di destinazione che vi permetterà di raccogliere le informazioni essenziali dai vostri potenziali clienti (almeno l’indirizzo e-mail). Il secondo passo è creare la pagina di vendita. Si tratta della pagina di destinazione principale del vostro business online. Vi permette di vendere i vostri prodotti e servizi a pagamento.

Come creare un’eccellente pagina di cattura per convertire un massimo di visitatori in contatti?

Ecco alcuni passaggi per creare un’ottima pagina di cattura… 👇

Capire i dolori del potenziale cliente

Il primo passo è capire i punti dolenti dei vostri potenziali clienti.

  • Quali sono le loro maggiori frustrazioni consapevoli?
  • Quali sono i dolori profondi delle loro frustrazioni consapevoli?

È importante andare in profondità per trovare il bisogno. Ad esempio, se vi occupate di formazione online nel settore immobiliare. La più grande frustrazione consapevole è quella di non riuscire a guadagnare più soldi per fare più cose. Cercate la frustrazione che c’è dietro. Spesso è la mancanza di libertà. Per esempio, nella perdita di peso, la frustrazione consapevole del potenziale cliente è il sovrappeso. Chiedetevi:

Perché? Qual è la radice di questo problema?

In questo caso, spesso è lo sguardo degli altri a costituire il dolore profondo. Comprendete il dolore dei vostri potenziali clienti e proponetelo nella pagina di acquisizione.

Creare la struttura della pagina di cattura

Utilizzate la struttura A.I.D.A appresa in precedenza in questo articolo. Iniziate con un potente hook che evidenzi la frustrazione consapevole e il dolore profondo. E scrivete un sottotitolo con il desiderio della persona. Poi fate un po’ di testo per far sentire alla persona che si tratta di lei. Questo può consistere nell’insistere sui problemi o nel raccontare una piccola storia. Poi, sostenete i vantaggi della vostra offerta. Per fare questo, iniziate con l’enunciare i vantaggi e collegateli alle caratteristiche, per poi aggiungere il significato (che tocca i desideri profondi). Un esempio: “Impara a creare un blog redditizio che fa soldi anche quando non lavori, usando il metodo Blogueo, che ti permetterà di essere libero di fare tutti i soldi che vuoi, da dove vuoi, senza lavorare più di 2 ore a settimana”

Come si fa a creare una pagina di vendita che venda massicciamente i vostri prodotti e servizi?

Per la pagina di cattura non è molto diverso, solo che ci si spinge un po’ più in là. Cioè, il vostro messaggio si concentrerà sui risultati dei vostri clienti e sulle loro testimonianze. Potete utilizzare i 6 principi di influenza di Robert Cialdini per ottimizzare il potere persuasivo della vostra pagina di vendita:

  • Il principio della reciprocità (più si offre, più si riceve).
  • Il principio della coerenza (un piccolo impegno crea inerzia nell’impegno).
  • Il principio della riprova sociale (altre persone hanno agito).
  • Il principio dell’autorità (le figure autorevoli si sono fidate di me, i risultati).
  • Il principio della simpatia (il lato umano della vostra offerta).
  • Il principio di rarità (edizione limitata ed esclusiva).

Lavorate e aggiungete questi elementi alla pagina di vendita del vostro prodotto o servizio.

Testare el marketing funnel automatizzato

Una volta creato il vostro marketing funnel, dovrete testarlo. Ricordate una cosa:

Il mercato ha sempre ragione.

È possibile che le vostre offerte non funzionino. Infatti, il primo errore che commettono gli imprenditori è cercare di creare qualcosa in base ai propri desideri, invece di progettare un’offerta che risponda a un’esigenza del mercato. 💰

Metriche per una pagina di cattura

Ottimo tasso di conversione: >45%. 💰💰💰 Tasso di conversione medio: 10-45%. 💰💰 Tasso di conversione basso: <10%. 💰 Il tasso di conversione della vostra pagina di acquisizione dipenderà quasi interamente dalla vostra offerta e dal vostro copywriting. Il web design influisce sulla conversione, soprattutto nell’ambiente B2B. Nel mercato B2C un po’ meno, ma il design grafico della vostra pagina di vendita dovrà comunque essere chiaro.

Metriche per una pagina di pagamento

Ottimo tasso di conversione: >65%. 💰💰💰 Tasso di conversione medio: 20-65%. 💰💰 Tasso di conversione basso: <10%. 💰 Inserite testimonial e tutti i tipi di elementi che possano rassicurare il prospect.

Come calcolare el marketing funnel ?

Ora vedremo come calcolare la redditività dei vostri marketing funnel. Questo vi consentirà di sapere se il vostro funnel di marketing automatizzato merita di essere ottimizzato o di essere riempito di pubblicità. Cominciamo con un termine molto importante da capire…

Calcolare il costo di acquisizione del cliente (CAC)

Il CAC è l’importo finanziario che vi costa in media in promozione per ottenere 1 cliente. Ad esempio, se spendete 17€ in Google Ads per ottenere una vendita, il vostro CAC è pari a 17. Avete capito: è molto importante per la vostra attività ridurre il più possibile il CAC per aumentare la redditività… E questo si completa con la prossima metrica molto importante… L’LTV (life time value) è l’importo finanziario che un cliente vi porta in media durante il suo ciclo di vita. Ad esempio, se un cliente realizza 400 euro di vendite nell’arco di diversi mesi/anni, l’LTV è pari a 400. Questo è l’importo totale che il vostro cliente ha apportato. A differenza del CAC, l’LTV deve essere il più alto possibile per garantire la redditività dell’azienda. Ma come si fa a sapere se si è redditizi? Lo vedremo subito… 👌

Calcolare il ROI e ottimizzarlo

Il ROI (ritorno sull’investimento) è una metrica che garantisce la redditività di un’azione. Se il ROI è maggiore di 1, l’azione è redditizia. Se è inferiore a 1, non è redditizia. E per calcolarlo non c’è niente di più semplice:

ROI = LTV/CAC.

Facciamo un esempio. Avete un CAC medio di 88€. E l’LTV medio è di 274 euro. Il vostro ROI è quindi: 274/88 = 3,11. Ciò significa che per 1€ investito nella vostra promozione, alla fine ne usciranno 3,11€. Avete realizzato 2,11€ di margine lordo per ogni euro investito. Nel vostro funnel di marketing automatizzato, cercate di prestare attenzione a quanto investite all’ingresso per far entrare le persone nell funnel e a quanto recuperate all’uscita. Fate in modo che il ROI sia il più alto possibile e ottimizzate ogni fase del tunnel per aumentare il vostro ROI. 🛠

Utilizzate Waalaxy per ottimizzare le prestazioni del vostro marketing funnel automatizzato

Waalaxy, il nostro strumento di automazione del prospecting B2B su LinkedIn e via e-mail, vi aiuterà a portare le persone all’ingresso del vostro tunnel, a un costo inferiore. Infatti, Waalaxy ha una versione gratuita che vi permetterà di utilizzare lo strumento in tutta tranquillità. Sarete in grado di:

  • Inviare inviti di massa automatizzati a persone mirate.
  • Inviate una serie di messaggi automatici per promuovere la vostra pagina di vendita e di acquisizione.
  • Rafforzare il vostro database di contatti.
  • Aumentare le vendite.

A differenza di altri strumenti, Waalaxy non vi limita nel numero di inviti che potete inviare ogni giorno. Ed è totalmente sicuro. Potete scegliere tra oltre 12 sequenze automatiche per iniziare a cercare persone e farle entrare nel vostro tunnel. 🔥 Ora sapete come creare e promuovere la vostra pagina di vendita e creare un marketing funnel automatizzato con Waalaxy. Non abbiamo altro da insegnarti, tutto quello che devi fare è iniziare.

4.8/5 (189 votes)
Vi consigliamo 👇

Convert more leads into clients with these 7 secret B2B prospecting messages 🚀

Enter your first name and email address  to receive the 11 page digital book now:

Where do we have to send it now?