Devo usare il messaggio di invito su LinkedIn o no?

Published by Margot on

message d'invitation sur LinkedIn
4 minutes
Rate this post

Inviare un messaggio di invito su LinkedIn è per alcuni inutile, per altri essenziale… 🤔

In questo articolo, facciamo il punto della situazione. Dovresti contattare i tuoi potenziali clienti con o senza una nota di invito su LinkedIn? Ecco qualcosa che dovrebbe piacerti se vuoi fare prospezioni in modo efficace e trovare clienti attraverso l’automazione del marketing.

Abbiamo confrontato diversi tassi di accettazione e vi offriamo uno studio esclusivo di Btob su più di 10.000 richieste di invito.

È una buona idea inviare messaggi non appena viene inviato l’invito? Questo è quello che vedremo ora 😉

le message d'invitation sur linkedin exemple

Il nostro caso di studio sul messaggio di invito su LinkedIn

I conti utilizzati

Per questo caso di studio, abbiamo usato 4 diversi account LinkedIn per fare le nostre richieste di invito :

  • Un conto con un alto grado di anzianità.
  • Due conti con un minor grado di anzianità ma con un titolo più prestigioso (CEO/COO).
  • Infine, un account con un minor grado di anzianità e un titolo classico (Business Developer).

Le personas mirate

Abbiamo preso di mira 4 tipi di profili, l’unico ordinamento fatto sui destinatari era sul titolo dei prospetti:

  • Il “CEO” (2500).
  • Sviluppatori di business” (2500).
  • Vendite” (2500).
  • Digital Marketer (2500).

Le prospettive provenivano da tutto il mondo, e le note erano inviate esclusivamente in inglese.

Metodo e obiettivi

In questo studio, abbiamo cercato di determinare l’importanza del tipo di nota inviata sul tasso di accettazione. Abbiamo supposto che il contenuto della nota avesse poco effetto sul tasso di accettazione. Abbiamo classificato le diverse note inviate in 5 categorie:

  • Nota vuota (nessuna nota viene inviata con l’invito).
  • Inviare una nota non personalizzata: Salve, vorrei unirmi alla vostra rete. “.
  • Una nota personalizzata: Ciao {{nome}}, vorrei unirmi alla vostra rete. “.
  • Inviare una nota completa senza un link: Ciao {{nome}}, mi sto chiedendo se stai generando Leads tramite LinkedIn. Se questo è il caso, sarei interessato a unirmi alla vostra rete e a fare una chiacchierata in merito. Buona giornata!”.
  • Inviare una nota completa con un link: Ciao {{nome}}, mi sto chiedendo se hai mai pensato di promuovere il tuo marchio o generare lead attraverso LinkedIn. Abbiamo creato uno strumento che automatizza questo processo senza rischi. Se siete curiosi, troverete maggiori informazioni sul nostro sito web: https://www.prospectin.link/gw/bt-1 Buona giornata!

Le persone così come l’invio delle richieste sono state distribuite equamente tra i diversi account e con le diverse note. Ogni nota è stata inviata 500 volte con i 4 account, nelle stesse proporzioni per ogni persona.

Risultati del nostro studio sull’uso o meno del messaggio d’invito su LinkedIn

Le cifre sul tasso di accettazione

Su 2000 invii per ogni nota, i risultati sono i seguenti:

  • Una nota in bianco: 38%.
  • Nota non personalizzata: 36%.
  • Personalizzato: 33%.
  • Nota completa senza link: 32%.
  • Completo di link: 26%.

Allora, biglietto di invito su LinkedIn o no?

La conclusione più ovvia è che se il tuo obiettivo è quello di massimizzare il tuo tasso di accettazione per far crescere la tua rete, hai fatto meglio a non inviare una nota con la tua richiesta di invito.

La seconda conclusione è che non sembra esserci una differenza significativa tra l’invio di una nota personalizzata con il nome o meno. Quindi invia un messaggio con la vicinanza che vuoi avere con la tua base di potenziali clienti.

La terza conclusione è che l’invio di un link al tuo sito web nella nota di aggiunta abbassa il tuo tasso di accettazione in modo significativo rispetto all’invio di un messaggio simile senza un link. È più considerato come spam e prospezione commerciale da parte del destinatario (un po’ come l’emailing B2B in generale con un tasso di clic sempre più basso).

Quarta e ultima conclusione: l’invio o meno di una nota e il suo contenuto influenzano notevolmente il tasso di accettazione della richiesta di connessione (46% di differenza tra il tasso di accettazione dell’invio di una richiesta di connessione senza una nota e l’invio di una nota completa con un link a un sito web).

Dovresti quindi prendere in considerazione questi criteri se vuoi attirare nuovi clienti, massimizzare il tuo ritorno sugli investimenti e mantenerli.

I limiti del nostro studio

È importante indicare i limiti di questo studio. Infatti, questo studio si occupa solo del tasso di accettazione e quindi ignora completamente il tasso di conversione. Nel caso in cui stiate cercando di fare prospezione su LinkedIn, questo non è trascurabile.

Avrai certamente un tasso di accettazione più basso usando una nota di presentazione del tuo prodotto o servizio rispetto a una richiesta di invito senza nota; ma le persone che ti hanno accettato saranno più inclini ad ascoltare la tua proposta.

Inoltre, queste cifre sono state osservate in condizioni specifiche grazie al nostro strumento ProspectIn (un vero aiuto per la prospezione B2B). È possibile che le stesse personas prese di mira con diversi account LinkedIn possano aver dato risultati diversi. Lo stesso vale per le personas. Se avessimo mirato a un diverso tipo di profilo con i nostri account, avremmo potuto avere risultati diversi.

Sentiti libero di farci sapere se ottieni risultati diversi dai nostri quando usi il messaggio di invito di LinkedIn! 😊

Categories: ProspectIn Comparison

Tweet
Share
Share