Brand ambassador : Definizione, offerte di lavoro e migliori consigli

Volete scoprire il lavoro di un brand ambassador ?

In questo articolo ti spiego tutto quello che devi sapere: i migliori consigli per scegliere il marchio che fa per te, le truffe da non seguire, esempi di contratti e ambasciatori che hanno avuto successo, in modo che tu possa lanciarti come un re 👑 nel business del marketing di affiliazione 😉

Cos’è un brand ambassador?

Se non vi dispiace, entriamo subito nel merito. 🤓 Ci sono due termini da conoscere:

Marketing di affiliazione.

Brand ambassador.
Lasciate che vi spieghi.

marketing di affiliazione. È l’atto di promuovere un’azienda o i suoi prodotti/servizi a un pubblico target. Siete considerati un venditore indipendente del marchio. Cioè, siete un libero professionista o un marketer autonomo e avete la possibilità di vendere i prodotti/servizi dell’azienda, guadagnando commissioni su ogni vendita effettuata. La commissione è una percentuale della vendita totale che entra direttamente nelle vostre tasche.

Esempio: avete un contratto di affiliazione con il marchio Booking. Creerete una campagna di marketing.

Se vendete un viaggio di 500 dollari e il vostro tasso di commissione è del 25%, guadagnate 125 dollari per quella vendita. Direttamente in tasca (ma bisogna contare anche le tasse, ne parleremo più avanti).

Brand ambassador. Anche un ambasciatore è una persona che promuove un marchio a scopo di lucro. Ma può essere affiliato o meno. Esistono due tipi di ambasciatori:

  • Affiliati: In generale, non hanno una grande comunità e non vengono pagati attraverso le pubblicazioni digitali, ma piuttosto attraverso le vendite.
  • Influencer: Si occupano di social media marketing. Hanno grandi comunità sui social network (di alto profilo). Queste piccole celebrità sono spesso pagate grazie alla loro pubblicazione sui network.

💡 Esempio: Jonathan Chan è un influencer nel mondo degli affari. Ha più di 51 mila follower su Twitter e può chiedere fino a 1000€ per semplici menzioni

su un post di Facebook. Per diventare un influencer, bisogna innanzitutto costruire una comunità; quando si inizia, sicuramente si fa prima marketing di affiliazione. E anche questo non è male. 😎

Ambasciatori del marketing digitale

Quando si parla di ambasciatore digitale, spesso si ha l’immagine dell’ambiente di lavoro idilliaco, del nomade digitale che può scrivere contenuti social da qualsiasi parte del mondo.

Ebbene, questo è abbastanza vero. È possibile rafforzare l’immagine del proprio marchio dalla Costa Rica. 🌴 E guadagnare con i piedi nell’acqua cristallina della Thailandia. 🌊

At Home GIF by tripredictor

Ora gli ambasciatori del marchio non hanno bisogno di viaggiare o di effettuare vendite fisiche. È possibile diventare affiliati di un marchio al 100% da remoto, senza perdere credibilità. Vi spieghiamo tutto in dettaglio in questo articolo:

  • Stipendi,
  • Partner,
  • Aziende,
  • Contratti,
  • Suggerimenti. 👇

Quale stipendio aspettarsi come brand ambassador ?

Questa è un’ottima domanda, alla quale non è possibile rispondere con precisione, ma cercherò di fornirvi alcuni esempi per illustrare il mio punto di vista e farvi un’idea del vostro futuro ROI.

Come abbiamo appena visto, quando si diventa ambasciatori si inizia direttamente con un programma di affiliazione. Le commissioni variano a seconda delle aziende a cui si decide di aderire (così come i prodotti che si vendono e la strategia di marketing che si utilizza). Ho messo insieme un piccolo esempio delle 6 migliori tariffe di affiliazione che ho trovato sul mercato.

Ma attenzione 🅰, non dovete basarvi solo sulla percentuale di commissione che guadagnerete. Dovete pensare soprattutto a:

  • Ho esperienza nel prodotto/servizio da vendere?
  • È un prodotto che si vende bene?
  • Posso creare facilmente una comunità intorno a questo mercato?
  • Qual è la concorrenza? Quali canali di social media utilizzano?
  • Qual è il prezzo del prodotto che sto vendendo? Più è economico, più devo vendere in blocco.
  • Con quale frequenza si può vendere questo prodotto/servizio?
  • Qual è il mercato? È una nicchia?
  • Mi piace il prodotto che sto vendendo? Più vi piace il marchio o le sue offerte, meglio vendete.

💡 Esempio: guadagnare il 50% di 100 dollari è meno vantaggioso del 25% di 1.000 dollari, ma vendere un prodotto a 100 dollari è spesso più facile di un prodotto a 1.000 dollari. Dovrete quindi soppesare i pro e i contro di ogni offerta.

Per aiutarvi, ecco una piccola tabella di confronto che potete compilare da soli, con i marchi che preferite:

Marchio Diversità del prodotto Facilità di vendita Costo di vendita* (in dollari) Prezzo del prodotto Percentuale di commissioni
Waalaxy
Altro
Altro
Altro

*Nel costo delle vendite, dovete introdurre i costi della vostra strategia sui social media. Se si utilizzano strumenti a pagamento per la prospezione, se si utilizzano strumenti di marketing digitale, Ads. Utilizzate quindi questo calcolo per vedere i vostri risultati lordi per vendita:

(Prezzo del prodotto x Percentuale di commissione) – Costo di vendita.

Per conoscere i vostri reali profitti, dovrete togliere l’IVA applicabile.

Quindi, più siete ambasciatori, più guadagnate 💰.

Anche se è più semplice creare uno status di Freelance in Francia, alla lunga il conto è salato (credetemi per esperienza 😂), se volete davvero lanciarvi, pensate a informarvi bene su entrambi gli status, per gli Stati Uniti, informatevi meglio 👉 (comparativa).

Influencer del Web Marketing

Volete sapere come fare il passo successivo? Ovvero, come fare influencer marketing come azienda?

Per questo, avete bisogno di:

  • Create il vostro marchio personale, o personal branding (ne parleremo poco più avanti). Ricordate che è soprattutto la vostra personalità a vendere, siete l’ambasciatore del vostro marchio prima ancora di essere uno degli altri. 😜
  • Trovate i marchi che volete promuovere.
  • Pubblicate sui social network, tutti senza eccezioni. (LinkedIn, Twitter, Instagram, Tik Tok…).

Una volta che avete il vostro messaggio, il vostro marchio e la vostra strategia di contenuti, potete postare regolarmente ed essere il più attivi possibile sulle reti per creare e far crescere una comunità. Ma quanto si guadagna quando si esercita un’influenza sui social network?

È Jonathan Chan (il super-ricco di cui abbiamo parlato sopra 👆 ) che condivide con noi le tariffe che vengono realizzate sul web. Tariffa media per un micro-influencer (da 10K a 100k).

💡 1€ = $1

  • Post su Instagram: 120-1,500 €.
  • Storie di Instagram: 60-1,000 €
  • Twitter: 50 €
  • Facebook: 100-1,000 €
  • Youtube: 75-300 €.

E altri dettagli sono qui. 👇 Image

Quanto tempo ci vuole per diventare brand ambassador ?

Anche in questo caso, dipende dal tipo di ambasciatore di cui si parla. 😋

opzione 1.

Se volete diventare affiliati di alcuni marchi, il tutto si svolge in pochi clic. Si scarica il contratto, si ottengono i link di affiliazione e si può iniziare direttamente dopo la firma. Con alcuni marchi c’è un piccolo corso di formazione da seguire, ma niente di molto lungo. Poi bisogna lavorare sullo sviluppo della consapevolezza del marchio per ottenere nuovi clienti attraverso il proprio link di tracciamento. 😜

opzione 2.

Se volete diventare un social media influencer, ci vorranno diversi mesi prima che riusciate a crearvi un nome e a sviluppare la vostra visibilità tanto da diventare un “nano influencer” sulle piattaforme dei social media. Naturalmente, tutto dipenderà dalla vostra regolarità, dalla qualità dei contenuti e delle interazioni e dalla vostra capacità di creare contatti duraturi. Non è quindi possibile indicare un tempo preciso, ma posso solo dirvi che ci vogliono almeno diversi mesi.

💡 Nulla vieta di iniziare come affiliato continuando a sviluppare la propria rete di ambasciatori, anzi è l’opzione più consigliata!

Ottenete i primi clienti questa settimana

Sfruttate la potenza di Waalaxy per generare lead ogni giorno. Iniziate a fare prospezione gratuitamente oggi stesso.

waalaxy dashboard

I 4 passi per diventare ambasciatore

Diventare ambasciatore di un marchio non è certo l’attività più difficile da avviare. Basta non sbagliare all’inizio, scegliere i marchi giusti e creare strategie di marketing efficaci, e poi tutto si risolve da solo. 🚗

Non aspettatevi di guadagnare senza fare nulla: dovrete continuare a costruire una comunità sui canali sociali per far crescere le vostre vendite. Ne vale la pena, perché diventerete il capo di voi stessi, creerete i vostri obiettivi e i vostri orari e lavorerete sotto le palme da cocco. 🥥

Allora, ci proviamo?

1. Identificare il mercato in cui si vuole entrare

Il primo passo è sapere cosa si vuole vendere e a chi si vuole vendere.

Come abbiamo detto in precedenza, vendere prodotti a 1.000 dollari può essere più difficile, ma più redditizio che vendere prodotti a 100 dollari. Per quanto riguarda il mercato, è un po’ la stessa cosa: ci sono mercati molto promettenti, altri meno.

Per semplicità, abbiamo diviso i mercati in due tipi distinti di pubblico: Btob e Btoc. 👇

Affiliato B2b

B2b significa Business to Business, ovvero vendere i prodotti/servizi di un’azienda a un’altra azienda.

ad esempio: vendete Hubspot CRM

ad altre aziende. Ottimo se avete capacità di vendita o vi piace vendere. Vantaggi B2b:

  • 🟢 Il social media marketing B2b è più facile. È un mercato meno competitivo rispetto al Btoc, soprattutto in termini di comunicazione sui social network, il vostro personal branding sarà più facile da lanciare all’inizio.
  • 🟢 Le aziende hanno un budget molto più elevato rispetto ai consumatori, quindi è più facile gonfiare i panieri e quindi le commissioni.
  • 🟢 L’automazione delle vendite nel B2b è molto più semplice e può essere molto economica. Il costo di vendita sarà relativamente più basso.
  • 🟢 Non è necessario creare un sito web per iniziare.

Svantaggi del B2b:

  • 🔴 A volte le commissioni non sono molto alte, informatevi bene sulle offerte.
  • 🔴 Spesso i contratti contengono clausole che vietano di vendere anche prodotti concorrenti, il che può essere complicato se si vogliono vendere più prodotti.
  • 🔴 Richiede una padronanza degli strumenti digitali, i clienti vi faranno domande sugli strumenti che vendete. È necessario che vi piaccia il mondo digitale.

L’affiliato B2c

Nel caso del B2C, si vende direttamente ai consumatori. Di solito tramite un sito web.

esempio: avete un sito web su cui promuovete i prodotti Amazon, il vostro link di affiliazione traccia gli acquirenti provenienti dal vostro sito, guadagnate una percentuale sulle vendite.

Vantaggi B2c:

  • 🟢 C’è una grande varietà di prodotti da vendere, quindi potete espandere il vostro portafoglio prodotti quasi all’infinito.
  • alcune offerte sono molto interessanti: È possibile specializzarsi in viaggi e accumulare diverse offerte da diverse aziende (Cheapflight, Booking), ma attenzione, la concorrenza è dura.
  • 🟢 Sebbene ciò avvenga raramente nel B2B, è possibile essere pagati in base al numero di visualizzazioni o di clic nel B2C, semplicemente per ottenere visibilità per un marchio o un prodotto.
  • 👉 Per saperne di più.

Gli svantaggi del B2c:

  • 🔴 Le tattiche di marketing sono più complesse. Come minimo, è necessario creare un sito web, di solito un e-commerce o un blog, e alimentarlo. Questo richiede più tempo e competenze tecniche rispetto al B2B.
  • i benefici non sono così immediati, ci vogliono diversi mesi e una strategia SEO prima che i vostri articoli appaiano nelle prime pagine di Google.
  • 🔴 Spesso i prodotti sono a buon mercato, quindi è necessario venderne grandi quantità per ottenere uno stipendio consistente.
  • 🔴 I budget di marketing sono solitamente più costosi in Btoc, perché è necessario creare un forte traffico sul sito web per vendere una buona quantità.

2. Analizzare le diverse offerte di affiliazione

Come abbiamo detto sopra, le offerte di affiliazione possono essere molto diverse a seconda delle aziende scelte. Non c’è bisogno di farsi prendere dal panico 🤪, basta fare un controllo:

  • Analizzate i contratti.
  • Controllate i tassi di commissione. (Non scendere sotto il 25%).
  • Calcolare i profitti delle vendite. (Con il calcolo che abbiamo visto sopra).
  • Selezionate le offerte migliori e verificate se è possibile sovrapporle.
  • Osservare la presenza sociale dei concorrenti.

3. Definire la strategia di comunicazione

Una volta individuate le aziende con cui si vuole andare, si passa alla fase successiva.

Non siate troppo avidi. Non prendetene troppe, da 1 a 3 è perfetto per iniziare. Altrimenti vi perderete.

Poi rispondete alle tre domande seguenti (se non sapete come rispondere alle domande, leggete la documentazione 🎁 ) :

Dovete assicurarvi che tutte e tre le risposte siano coerenti: Le personas e il tunnel di conversione siano allineati.

esempio: se vendete un software di prospezione, non andate a cercare i vostri clienti su Snapchat, ma su LinkedIn o attraverso una campagna di email marketing.

4. Diventare facilmente ambasciatori del marchio

Per entrare facilmente nel marketing di affiliazione, non c’è niente di meglio che trovare gli strumenti giusti per aiutarvi. 🔧🔨

Per automatizzare la prospezione B2b, l’unico strumento gratuito sul mercato è Waalaxy. Almeno è semplice. Non c’è bisogno di cercare molto lontano. Potete contattare fino a 100 potenziali clienti a settimana per 0 dollari.

Discover Waalaxy 🪐

Basta fare un piccolo benchmark degli strumenti più semplici ed economici, ecco i nostri esempi preferiti:

  • 😍Hootsuite per programmare i post.
  • 🗻 Canva o Figma per creare immagini.
  • 👽 Waalaxy e Podawaa per l’automazione, la pubblicazione su LinkedIn e le e-mail a freddo.
  • 💌 Sendinblue o Mailchimp per le newsletter.

Poi, naturalmente, dovrete analizzare l’influenza dei vostri post e verificare la crescita della vostra rete professionale.

Modello di contratto di ambasciatore di marca PDF

Alcuni di voi stanno cercando esempi di contratti standard per ambasciatori per sapere cosa sono. Sappiate già che non avete alcun obbligo di risultato ❌

Siete voi il capo, più vendete, più guadagnate, ma il fatto che non vendiate molto non significa che perderete il diritto di essere ambasciatori. D’altra parte, non si può danneggiare la reputazione del marchio.

In qualità di ambasciatore, avete l’obbligo di promuovere l’immagine del marchio.

ecco un esempio di contratto di brand ambassador da scaricare in formato PDF. Buona lettura. 🤓

Quali marchi cercano ambasciatori?

Come ho spiegato all’inizio di questo articolo, dovete vendere un prodotto che vi piace, in questo modo vi divertirete di più e venderete meglio. 🤑

Diventare ambasciatori non è così difficile.

Direi che l’80% dei marchi ha un programma di ambasciatori o di affiliazione, sia in Btob che in Btoc.

Basta fare una ricerca sul web del settore che vi piace per trovare le pagine e i termini di ambasciatore delle vostre aziende preferite. 😜

Ambasciatore nel Business to Business

Il Btob è un mondo che ti piace? Ami le vendite e preferisci i ritmi incalzanti? 🚀

  • Con Waalaxy, si guadagna il 50% di commissione vendendo lo strumento. 🔥
  • Chiunque può diventare ambasciatore.
  • Potete utilizzare l’offerta gratuita di Waalaxy per cercare e trovare automaticamente i vostri clienti su LinkedIn.
  • Ottenete supporto. Avete accesso all’assistenza clienti se avete bisogno di consigli o documentazione.

Cosa chiedere di più? 😜

Ambasciatore per un marchio sportivo

Siete appassionati di sport? Ci sono alcune offerte possibili. Attenzione, i marchi sportivi cercano spesso ambasciatori “rispettabili” o addirittura celebrità, non sempre prendono persone normali, come me e voi. 😂

È il caso di Nike, Addidas o Speedo, ad esempio. 🏃

Tra i marchi più famosi che potete andare a vedere sicuramente:

  • Decathlon.
  • G4 Dimension (abbigliamento da ciclismo).
  • Alltricks (ciclismo).
  • OCUN (arrampicata).
  • Le Yéti (arrampicata).
  • On running (corsa).
  • Run shirt (corsa).

Ambasciatore di un marchio di abbigliamento

Per i marchi di abbigliamento vale lo stesso discorso fatto per i marchi sportivi: più il marchio è conosciuto, più dovete essere conosciuti per aderire al programma di affiliazione e promuovere il marchio. Per iniziare, concentratevi su marchi di fascia media.

(🅰 Attenzione, se vendete prodotti di fascia bassa, avrete difficoltà a raggiungere marchi migliori in seguito).

  • Whiteandb.
  • Camaïeu.
  • Strappo francese.
  • Negozio di brokeraggio.

Potete scegliere di specializzarvi in abbigliamento etico, abbigliamento francese o moda femminile e diventare una fashion blogger, per esempio.

Ambasciatore per un marchio di lusso

Per candidarvi ai marchi di lusso, dovrete passare di nuovo al setaccio. 😂 Se volete diventare influencer per un marchio di lusso, dovrete essere almeno un macro-influencer. Ovvero, avere più di 100 mila follower per raggiungere marchi come Versace, Gucci, Louis Vuitton, Dior, ecc.

È quindi necessario essere generalmente conosciuti dai media, in questo caso parleremo invece della celebrità che si occupa di product placement.

bad girls club wedding GIF by WE tv

Conclusioni: Come diventare brand ambassador ?

Per concludere, ora sapete che esistono diversi tipi di affiliazione a seconda delle aziende a cui vi rivolgete. Sapete anche che non è necessario essere conosciuti per diventare ambasciatori, con alcune eccezioni.

All’inizio cercate di puntare su marchi semplici da vendere e costruite la vostra comunità.

Se iniziate con Btob, allora ecco come diventare community manager di LinkedIn, ecco un regalo. 🎁

Articolo FAQ – Brand ambassador

Si può essere ambasciatori del marchio come studenti?

Sì, assolutamente. È aperto a studenti e neolaureati. Almeno questo è il caso di Waalaxy. ✅

Basta avere dei social network e creare uno status di freelance ( cosa assolutamente possibile come studente). Si può essere uno studente di marketing e decidere di fare marketing di affiliazione per alcune offerte di strumenti digitali.

È anche un ottimo modo per incrementare il tuo curriculum e la tua rete di contatti. 👍

Quali sono le mansioni di un ambasciatore?

Per quanto riguarda le missioni degli ambasciatori, esse saranno quelle di promuovere il marchio e/o vendere prodotti:

  • Creare una strategia di comunicazione,
  • Costruire una comunità,
  • Contattare i potenziali clienti,
  • Finalizzare la vendita di beni o servizi.

Ecco, ora sapete come diventare brand ambassador di vostra scelta, non dovete far altro che iniziare a lavorare sui social media! 📱

Volete andare oltre?

Al giorno d’oggi, i giveaway su Facebook sono uno strumento di marketing essenziale, che consente alle aziende di interagire con

13/06/2024

Lead acquisition svolge un ruolo cruciale nella crescita e nella sostenibilità di un’azienda. Ma cosa significa veramente? 🧐 Questo termine

12/06/2024

Tecniche di vendita ? È come una cassetta degli attrezzi piena di strategie e metodi per convincere i clienti ad

10/06/2024

7 esempi di messaggi di prospecting di successo su LinkedIn

Newsletter

Masterclasses

Dans la piscine

Sucess story