La fine di Linked Helper?

Published by Margot on

4 minutes

Linked Helper è in disordine 😱. Durante il mese di agosto, l’estensione era addirittura fuori uso per due settimane. Il motivo? LinkedIn li sta cacciando! Spieghiamo tutto e soprattutto come trovare un’alternativa a questo strumento di prospezione B2B.

la fin de linked helper

Cos’è Linked Helper?

Linkedhelper è uno strumento di automazione su Linkedin che permette di programmare una serie di azioni per cercare nuovi clienti

Tra le altre cose, questo strumento permette di inviare richieste di connessione personalizzate, inviare messaggi, seguire i potenziali..

È uno dei primi strumenti che ha davvero attirato molte persone verso l’automazione di Linkedin.

Linked Helper è pericoloso?

Per la sua salute no, non credo. Per il tuo account Linkedin senza dubbio! E per il marketing digitale della tua azienda ancora di più!

Un numero considerevole di account è stato bannato negli ultimi mesi a causa dell’uso di Linked Helper. Una rapida ricerca porta a molti post in cui vengono dimostrati ipericoli di Linkedhelper.

linked helper is dangerous

Ma potete anche scoprire tutti i limiti di questo strumento in diversi articoli Linked Helper è innegabilmente un’estensione pericolosa per la vostra attività su LinkedIn.

Cosa rende pericoloso Linked Helper?

Prima di tutto, Linked Helper funziona manipolando il DOM, cioè il codice sorgente di LinkedIn. Questo comportamento lascia tracce evidenti che LinkedIn può rilevare molto facilmente

Anche se al momento della scrittura, questo problema è temporaneamente risolto ma LinkedIn continuerà a rilevare gli utenti Linked Helper. Questa è una guerra Linkedin vs Linked Helper che sarà inevitabilmente vinta dal primo: il primo social network BtoB contro una semplice estensione

La tecnologia stessa dell’iniezione HTML, su cui si basano molte estensioni come Linked Helper o Dux-Soup, è difettosa

In secondo luogo, questo strumento di prospezione digitale non ha garanzie! La scelta dei limiti di tempo e del numero di azioni giornaliere è lasciata all’utente. Una libertà che permette alla comunità dei Growth Hacker di testare i limiti, ma che mette permanentemente in pericolo il tuo account LinkedIn.

Nessun avviso viene fornito da Linked Helper per avvertirti di qualsiasi comportamento rischioso. È uno strumento fai da te, destinato a un pubblico informato.

Linkedhelper affrontare la democratizzazione degli strumenti di automazione?

Un tempo, automatizzare Linkedin era una “cosa da hacker”. Linked Helper è stato tra i primi a generalizzare questo metodo. Hanno beneficiato del “first mover advantage”

Ma l’automazione è diventata comune. I risultati del prospecting su Linkedin rispetto al “cold emailing” sono tali che un’azienda BtoB non può più permettersi di ignorare questo canale o di sfruttarlo manualmente

Tuttavia, l’utilizzo di questo strumento richiede un certo apprendimento e molto rigore per non mettere in pericolo il suo conto Linkedin Nel mondo SaaS, l’esperienza dell’utente deve venire prima di tutto. Linked Helper non può essere un’alternativa a lungo termine

Uno strumento adattato al “bulk” e non alla performance commerciale

Con la democratizzazione dell’automazione e LinkedIn come canale di acquisizione BtoB, è diventato necessario distinguersi. Un semplice approccio commerciale non è più sufficiente. Come è successo con il cold emailing, una volta efficace, e ora abusato, Linkedin presenta una vera sfida per differenziarsi

È quindi imperativo poter misurare le prestazioni! E soprattutto per indirizzare i tuoi clienti, ottimizzare i tuoi tunnel di conversione, le tue landing page e impostare facilmente dei test A/B

Lo strumento di automazione diventa allora un’estensione del CRM e non un cieco strumento di spamming. Linked Helper e la maggior parte degli strumenti non possono offrire questo valore aggiunto oggi

La mancanza di ergonomia di Linked Helper

Linked Helper è uno strumento molto non-ergonomico, questo è un eufemismo. Con il pretesto che gli obiettivi sono i growth haker e i growth marketer, l’interfaccia utente viene relegata in secondo piano

Con la moltiplicazione degli strumenti di marketing automation e delle opportunità di lead generation offerte da Linkedin, gli utenti tenderanno verso strumenti più ergonomici, con un onboarding molto più chiaro

Abbiamo cercato di usare noi stessi Linked Helper quando abbiamo iniziato. Ma non si possono nemmeno programmare azioni per una settimana intera! È un peccato che uno strumento di automazione debba tornare ogni giorno per impostare le sue azioni..

Di fronte all’obsolescenza dello strumento, abbiamo deciso di sviluppare una nostra soluzione.

Alternative più semplici

Oggi, ci sono strumenti migliori di Linked Helper. Più efficiente. Più ergonomico. Meno costoso. Senza rischi Per caso… ProspectIn. Uno strumento sicuro che cerca di dare accesso all’automazione e alla lead generation a tutti. Il vostro ritorno sull’investimento sarà molto più alto. Ma vi lasciamo scoprire da soli! Scopri il nostro studio ProspectIn vs LinkedHelper.

Perché ProspectIn è meglio di Linked Helper?

Prospectin utilizza una tecnologia completamente diversa, che non manipola il codice HTML di Linkedin e non lascia tracce a differenza di Linkedhelper. Uno strumento di marketing sicuro ed ergonomico accessibile a tutti.

prospectin est meilleur que link helper

Perché scegliere ProspectIn?

ProspectIn è uno strumento semplice e ordinato, che integra le stesse funzionalità di linkedhelper, con l’aspetto ergonomico e di sicurezza in più! Su ProspectIn puoi creare scenari linkedin, simili al sistema di email transazionali ma direttamente sul social network. È il software ideale per implementare una strategia di automazione del marketing.

Per esempio, puoi inviare inviti a un prospect, poi 1 giorno dopo l’accettazione, inviare un messaggio. Invia un promemoria preciso se la persona vede il messaggio o clicca sul link

Grazie alla dashboard puoi tracciare le performance delle tue campagne e dei tuoi messaggi e implementare facilmente dei test A/B per ottimizzare i tuoi risultati

Linked Helper ha aperto la strada all’automazione su LinkedIn. Ora che l’automazione è entrata nel dominio pubblico, è il momento di innovare e offrire alternative sicure e accessibili. Quale strumento usa?

Tweet
Share
Share