Account limitato su LinkedIn: Perché e soluzioni

linkedin account restricted
17 minutes

Il vostro account è limitato su LinkedIn? Siete nel posto giusto.

Se state cercando una soluzione, date un’occhiata al nostro strumento: Waalaxy, che non è interessato dalle restrizioni di LinkedIn. Altrimenti, in questo articolo spieghiamo tutte le diverse restrizioni di LinkedIn e i nostri consigli su come uscirne. 👊

Find out more 🔥

Qualsiasi rete sociale deve garantire che i suoi utenti non abusino dello strumento, spammando altri utenti, condividendo contenuti inappropriati o creando identità false

LinkedIn ovviamente non fa eccezione alla regola. Inoltre, hanno recentemente rafforzato le loro regole di utilizzo e di rilevamento di comportamenti inappropriati/indesiderati?

compte restreint par linkedin

Se siete arrivati qui, ci sono due opzioni:

  • Avete sperimentato qualsiasi tipo di restrizione dell’account da parte di LinkedIn.
  • Avete paura di una restrizione dell’account e volete essere in anticipo (questa è una buona idea).

In entrambi i casi, sei nel posto giusto!


Come e perché LinkedIn sceglie di limitare un account?


Lo scopo di un social network è quello di collegare le persone (esseri umani reali) intorno a un modello di scambio di informazioni o contenuti e secondo le regole e le modalità proprie della rete.

LinkedIn si posiziona come un social network professionale, principalmente B2B, il cui obiettivo è quello di collegare i professionisti (ah bene) attraverso argomenti comuni in modo da facilitare le collaborazioni e il reclutamento. Questi potrebbero essere argomenti di business o di settore.

Ma, come ogni piattaforma di questo tipo, deve garantire il rispetto di alcune regole etiche affinché i suoi membri non vengano insultati, spammati o vedano o condividano contenuti inappropriati.

E credetemi, questo non è un compito facile. Perché qualsiasi rete che raccoglie milioni di persone è un luogo ideale per promuovere un’ideologia, condividere contenuti o servizi abusivi o addirittura diffondere virus.

LinkedIn non fa eccezione. E quindi deve proteggersi da questo.

Come fa LinkedIn a limitare un account?

Come si può immaginare, monitorare milioni di profili, post e contenuti condivisi non è qualcosa che gli esseri umani possono fare (sarebbe troppo costoso).

Quindi si tratta di algoritmi (e più precisamente, di intelligenza artificiale) che monitorano la rete alla ricerca di abusi e violazioni dei termini e delle condizioni di servizio e di utilizzo della rete.

Questi algoritmi fanno la prima fase del lavoro. Poiché hanno la capacità di imparare, migliorano nel tempo e non si comportano esattamente allo stesso modo ogni volta.

Questo è un punto importante per il futuro. Infatti, molte persone non capiscono perché su due account che hanno fatto le stesse azioni e condiviso gli stessi contenuti, il primo può essere limitato e non il secondo.

Non ho intenzione di darvi una lezione di machine learning qui, non è questo il punto. Ma devo comunque spiegare le basi di un sistema di apprendimento tramite un algoritmo.

  1. L’algoritmo analizza i tuoi contenuti e le tue azioni e li confronta con gli account analizzati in precedenza. Se trova correlazioni o elementi simili con account bannati in modo permanente, può scegliere di limitare anche te. Può anche scegliere di lasciarti continuare e vedere quali sono i tuoi comportamenti in futuro per vedere se ti stai avvicinando a comportamenti anomali o meno.
  2. Se il tuo account viene limitato, ci sono due possibilità: era giustificato o non lo era. Se pensi che non lo fosse, probabilmente invierai una richiesta al supporto. Loro valuteranno manualmente il tuo account e determineranno se è stato effettivamente un errore o no.
  3. L’algoritmo riceve quindi due risultati tra cui scegliere: era un errore e l’account è stato ripristinato o non era un errore (il supporto ha vietato il tuo account o non hai richiesto il ripristino). Sulla base di questo risultato, impara. Ora sa che gli indicatori che ha valutato in te sono coerenti con un comportamento fraudolento o meno.

Ovviamente, sulla scala di un conto, questo non ha molto valore. Ma se si moltiplica questo apprendimento per milioni di tentativi, con successi e fallimenti, si ottiene una IA molto efficiente.


Quali sono i diversi tipi di restrizioni di LinkedIn?


Ci sono diversi tipi di restrizioni di account da parte di LinkedIn, a seconda delle violazioni delle loro regole, del tipo di account e di altri criteri che non sono sempre noti, dato che un’intelligenza artificiale prende la prima decisione.

Queste restrizioni sono più o meno gravi, più o meno lunghe, e possono arrivare fino a un ban permanente. Ma non preoccupatevi, è abbastanza raro. Vi spiegherò tutto questo qui.

Richiesta di email sull’invio di inviti

Questa è la restrizione più “basilare” diLinkedIn. LinkedIn si accorge che state inviando molti inviti, che probabilmente non sono richiesti. Quindi vi chiede di inserire l’indirizzo email della persona che state cercando di contattare per dimostrare che la conoscete bene

In questa situazione, ti consigliamo di smettere di inviare inviti su LinkedIn (sia manuale che automatico), per qualche giorno

Se dopo qualche giorno non sei ancora sbloccato, una soluzione è utilizzare uno strumento come Waalaxy che ti permette di inviare richieste di connessione automaticamente recuperando le email prima di inviare la richiesta, quindi non è più necessario avere l’indirizzo email della persona per inviare la richiesta di connessione, lo strumento gestisce questo da solo, non male vero?

Quanto tempo ci vuole per inserire un’email per connettersi con qualcuno?

Sfortunatamente, varia da account a account. Da quello che sappiamo oggi, può durare da pochi giorni a diversi mesi. Sappiamo anche di alcune persone che non si sono mai viste togliere questa restrizione…

Ma niente panico, come spiegato poco sopra, puoi usare soluzioni come Waalaxy che ti permettono di aggirare questa restrizione.

Vale la pena notare qui, però, che solo perché vi viene chiesto di inserire un’email una volta per entrare in contatto con una persona, non significa che vi verrà chiesto di farlo per tutti. Alcune persone su LinkedIn hanno attivato un’opzione che li obbliga a inserire il loro indirizzo e-mail, affinché qualcuno si metta in contatto con loro, in modo da non essere spammati. È piuttosto raro, ma può succedere.

Quindi controllate sempre un secondo profilo prima di gridare alla restrizione.

Quote di inviti settimanali raggiunte

È nuovo di zecca, è stato appena rilasciato, il nuovo modo per avere il vostro account limitato da LinkedIn: LinkedIn ha deciso di fissare dei limiti settimanali per l’invio di inviti.

Ora gli utenti sono limitati a circa 100 richieste di connessione a settimana, e nessuno sfugge alla regola, nemmeno gli utenti premium o Sales Navigator.

La soluzione? Utilizzare uno strumento di automazione come Waalaxy che raccoglie le email delle persone con cui si vuole entrare in contatto. La richiesta viene quindi fatta via email e non nel modo tradizionale, e permette quindi di non essere limitati dalla quota di 100 inviti settimanali.

La limitazione della quota settimanale è permanente?

La restrizione della quota settimanale è abbastanza recente, quindi c’è la possibilità che vada via nelle settimane e nei mesi a venire, ma per ora sembra essere definitiva.

L’unica soluzione a tua disposizione per inviare più di 100 richieste di connessione a settimana sarà quindi quella di utilizzare uno strumento come Waalaxy.

Arrivo nei messaggi SPAM

Più rara, questa restrizione è difficile da identificare. Di solito accade quando usi un strumento di automazione e contattate diverse centinaia di persone per messaggio privato su LinkedIn, con lo stesso messaggio.

L‘unico modo per capirlo è inviare il messaggio ad alcuni contatti che conoscete bene e controllare la loro messaggistica istantanea per lo SPAM.

Rilevare uno strumento di automazione

Se utilizzate un strumento di automazione come Dux-Soup o Linked Helper, LinkedIn potrebbe essere in grado di rilevarlo direttamente. In questo caso, vi dirà il nome dell’estensione che state usando e vi chiederà di smettere. Può anche rilevare un comportamento che sembra essere automatizzato, senza essere sicuro che stiate usando strumenti di automazione. Questo accade spesso quando si sfogliano centinaia di profili nelle ricerche in un breve periodo di tempo. Nel primo caso vi dirà quale strumento ha rilevato, mentre nel secondo caso, il messaggio di LinkedIn parlerà solo di “utilizzo di uno strumento automatizzato”. Riceverete un messaggio come questo:

Abbiamo notato un’attività insolita dal tuo account. Ciò include un numero insolitamente elevato di visualizzazioni del profilo e/o comportamenti di visualizzazione del profilo che indicano l’uso di uno strumento di automazione.
Per prevenire abusi e proteggere la privacy dei membri, non consentiamo l’uso di software che automatizzano l’attività su LinkedIn. Inoltre impediamo agli account di visualizzare un numero insolitamente elevato di profili dei membri.
Ti abbiamo già inviato un avvertimento. Abbiamo quindi limitato il tuo account fino al XXXX. Si prega di provare a riconnettersi dopo tale data. Nota che se continui questa attività, il tuo account potrebbe essere limitato in modo permanente.

Restrizione temporanea con richiesta di ID

Questa è una restrizione più seria delle precedenti. LinkedIn ritiene che abbiate violato i suoi Termini di servizio.

Questo può succedere:

  • Se avete continuato a utilizzare uno strumento di automazione vietato,
  • Se LinkedIn ritiene che il vostro account non sia un’identità reale,
  • Se avete condiviso contenuti che sono stati segnalati più volte,
  • Qualsiasi altra violazione sistematica dei loro TOS, o qualsiasi comportamento che sembra sospetto all’algoritmo di identificazione.

Bannato permanentemente da LinkedIn

Questo passo è il passo finale. Normalmente, avete passato il passo precedente, fornito l’identificazione e:

  • Il dipartimento di sicurezza di LinkedIn il dipartimento di sicurezza di LinkedIn ti ha esplicitamente detto via e-mail che il tuo account è stato bannato.
  • Non sei stato sbloccato diverse settimane dopo aver fornito il tuo ID.

Il ban finale è di solito giustificato e accade abbastanza raramente


Perché sono stato limitato da LinkedIn?


Come già detto, ci sono molte ragioni per cui potresti essere limitato da LinkedIn. Essi dipendono da:

  • Il tipo di restrizione (le ragioni per un limite di invito settimanale spesso non sono le stesse di un ban permanente).
  • La scelta dell’IA che ha portato alla prima restrizione.
  • Cattive pratiche o mancato rispetto dei loro TOS.

Ecco una lista non esaustiva che può portare ad una restrizione da parte di LinkedIn.

Avete inviato molte richieste di invito

Come abbiamo detto all’inizio, LinkedIn si occupa di connettere le persone per creare interazioni di qualità, incentrate su argomenti comuni.

Aggiungere 300 persone al giorno alla vostra rete non è ovviamente in linea con questo obiettivo.

Ecco perché uno dei principali fattori limitanti (soprattutto per la richiesta via email di entrare in contatto o le quote settimanali), è il volume di inviti giornalieri, settimanali o mensili inviati.

I tuoi tassi di accettazione e di risposta sono bassi

Invii molti inviti e messaggi. Ok, forse sei un influencer.

Ma se nessuno accetta le tue richieste o risponde ai tuoi messaggi, non è un buon segno. Assomiglia molto allo spam.

In questo scenario, LinkedIn può scegliere di limitare il vostro account con una delle restrizioni precedenti.

Troppe persone hanno segnalato di “non conoscervi”

Quando inviate una richiesta di invito, l’utente può accettarvi o rifiutarvi ma anche segnalare “non conosco questa persona”

Se troppi utenti vi segnalano in questo modo, LinkedIn considererà che state aggiungendo persone che non conoscete e questo non gli piace molto.

Purtroppo, non c’è modo di sapere esattamente quante persone vi hanno segnalato.

State usando un pericoloso strumento di automazione

LinkedIn non ama molto gli strumenti di automazione. Alcuni soddisfano le quote e le regole non dette di LinkedIn e sono tecnicamente non rilevabili.

Altri agiscono in modo robotico e LinkedIn può rilevarli . Spieghiamo di seguito come evitarli.

Condividete contenuti inappropriati, degradanti e insultanti

Se condividete contenuti inappropriati, pornografici, insultanti, che sia direttamente tramite un post su LinkedIn, un articolo, un commento, potreste finire nella prigione di LinkedIn.

È una regola di base su qualsiasi social network: siate cortesi, state attenti alle fake news, cercate di proteggere la vostra password per evitare di essere violati, non agitatevi troppo nei commenti.

Invii lo stesso messaggio o la stessa nota troppe volte

Sia che abusiate della funzione copia/incolla o che usiate uno strumento di automazione per i vostri messaggi: A LinkedIn non piace vedere lo stesso messaggio o la stessa nota inviati a molte persone. Questo non è un comportamento personalizzato che dimostra il desiderio di creare un network di qualità. Quindi LinkedIn potrebbe decidere di accusarvi di spammare le persone o di limitarvi.

Tutto questo in una volta sola

Come accennato, la restrizione dell’account è in gran parte gestita dall’intelligenza artificiale che studierà decine, se non centinaia di comportamenti per determinare se il vostro account merita una restrizione o meno.

Quindi ci può essere una combinazione di tutte queste ragioni, in misura maggiore o minore, che ti fa guadagnare una restrizione di account, permanente o temporanea.


Come evitare di essere bannati da LinkedIn


Rispettare i termini di utilizzo

Questo è tutto. È tutto quello che c’è da sapere, davvero.

Non è scienza missilistica. LinkedIn ha delle regole e il mancato rispetto di queste regole vi espone a una delle restrizioni menzionate.

Ok, ci vogliono circa 17 ore per leggerle. Quindi ho capito, non vuoi davvero tuffarti adesso.

Nessun problema, lo abbiamo riassunto per te (in realtà è più una lista di regole che hai infranto e che hanno portato alla tua restrizione):

  • Non usare bot (o bot che possono essere rilevati).
  • Non insultare, spammare, condividere contenuti pornografici, promuovere ideologie pericolose o socialmente non accettate (terroristiche o religiose per esempio), o/e impegnarsi in comportamenti inappropriati.
  • Non condividete qualsiasi altro materiale che LinkedIn possa ritenere inappropriato per la rete e/o che possa danneggiare la comunità.

Rispettare le buone pratiche

Al di là di queste regole piuttosto vaghe, ci sono buone pratiche da seguire per evitare di essere limitati da LinkedIn.

Mirate alle persone che contattate

Non lo diremo mai abbastanza. Se state facendo prospezione su LinkedIn, la base di una campagna di successo è il giusto targeting delle persone. Più la vostra lista di potenziali clienti corrisponde al vostro pubblico, maggiori saranno le vostre possibilità di trovare nuovi clienti.

Ma anche maggiori sono le vostre possibilità di non essere limitati da LinkedIn. Perché se il vostro messaggio è indirizzato al target giusto, non c’è motivo di essere segnalato come spam.

Personalizzate e variate i vostri messaggi

A nessuno piace ricevere messaggi robotici. Ad alcune persone non piace affatto e vi segnaleranno sistematicamente.

Quindi, come il targeting, la personalizzazione e il copywriting di qualità sono la base di un prospecting su LinkedIn di qualità e di un account sano.

Evitate un approccio di vendita diretta, testate diversi messaggi per vedere quali funzionano meglio, e informatevi sempre prima di inviare il vostro invito o messaggio:

“Se avessi ricevuto questo messaggio, l’avrei trovato interessante e avrei risposto?”.

Se la risposta è no, cancella e ricomincia da capo.

E non dimenticare di monitorare i tuoi tassi di conversione per assicurarti di essere sull’obiettivo.

Le soglie di allarme che mettono a rischio il tuo account sono le seguenti:

  • Tasso di accettazione inferiore al 20%.
  • Tasso di risposta inferiore al 30%.

Se sei sotto almeno uno di questi due limiti, attenzione: sei sulla strada sbagliata. Rielabora il tuo metodo di targeting e di approccio.

Prospect durante le ore normali

Inviarne 30 la domenica mattina alle 4 non è un comportamento normale. Abbiamo notato che gli account che inviano azioni di massa su LinkedIn in orari un po’ strani hanno più probabilità di essere bannati.

Quindi evitate di inviare inviti o messaggi (di massa):

  • Tra le 22 e le 6 del vostro fuso orario.
  • Nei fine settimana.

Condividete contenuti a valore aggiunto

È stato notato che gli account LinkedIn che pubblicano regolarmente hanno meno probabilità di essere limitati. Creare un pubblico di qualità e una relazione con la propria rete è una buona pratica che riduce le possibilità di essere limitati da LinkedIn, ma crea anche incredibili opportunità di business.

Si chiama “nurturing” e significa letteralmente nutrire i tuoi potenziali clienti con contenuti che possono interessarli. Fate attenzione a non parlare di voi stessi incessantemente, stiamo parlando di condividere articoli e post che rispondono a temi forti per il vostro target, senza cercare sempre di promuovere voi stessi.

Usa un account ben consolidato

Se il tuo account ha meno di 6 mesi e/o meno di 500 connessioni, la tua probabilità di essere limitato è decuplicata.

Per quanto riguarda l’algoritmo di LinkedIn, non avete ancora dato prova di voi stessi. Nulla indica che non vi state nascondendo dietro una falsa identità che vorrebbe usare la rete per scopi malintenzionati. Quindi, se possibile, aspettate di essere un account ben consolidato, con più di 500 connessioni e più di un anno di vita prima di iniziare un’intensa attività di prospezione su LinkedIn.

Al contrario, se il vostro account è più giovane, condividete contenuti e aggiungete persone che conoscete poco a poco, o persone che hanno un’alta probabilità di accettarvi per evitare un ban prematuro.

Usate i giusti strumenti di automazione

Quando vedi le ragioni principali per il ban degli account, capisci che spesso entra in gioco l’uso di strumenti di automazione, scrapping o bot.

A volte il loro uso è direttamente rilevabile, a volte hanno solo comportamenti automatizzati o a volte fanno emergere altri indicatori sospetti.

Per comprendere appieno i problemi e i rischi dell’automazione, è importante capire i diversi tipi di strumenti in circolazione.

La sfida degli strumenti di automazione su LinkedIn

Gli strumenti di automazione non sono nuovi. Sono robot, script informatici che automatizzano le azioni su una rete al posto di uno o più utenti per contattare altre persone, condividere contenuti o semplicemente estrarre dati.

Ma se questi strumenti esistono, c’è un motivo: offrono possibilità incredibili.

Mentre il prospecting via email richiede di avere una lista di email qualificate, il prospecting su LinkedIn richiede solo di fare qualche ricerca per trovare potenziali clienti.

Mentre la prospezione via email offre tassi di risposta alle email a freddo inferiori al 3% (o addirittura all’1%), con la prospezione su LinkedIn si ottengono tassi che vanno dal 30 al 60%!

Usare strumenti di automazione per contattare qualche decina di persone al giorno è ormai un luogo comune e molto prezioso per chi vuole trovare nuovi clienti.

Estensioni di Chrome VS strumenti “cloud

Ci sono due tipi principali di strumenti di prospezione automatica su LinkedIn, ognuno con implicazioni diverse.

Il primo e più comune sono le estensioni di Chrome. Si tratta di un plugin che si integra con il vostro browser ed eseguirà le azioni che gli avete chiesto di fare automaticamente per voi.

Il vantaggio delle estensioni Chrome è che agiscono dal tuo computer, come se stessi navigando su LinkedIn. Il tuo IP è lo stesso del solito, quindi niente di sospetto a prima vista.

Tuttavia:

  • Alcuni strumenti come Dux-Soup utilizzano “HTML injection”, che altera il codice sorgente di LinkedIn e li rende rilevabili da LinkedIn.
  • Una volta che il vostro computer è spento, le azioni su LinkedIn non vengono più eseguite (complicato quando volete gestire diversi account o mantenere il robot in funzione nel fine settimana).

Gli strumenti cloud, invece, girano direttamente su un server. Il vantaggio è che puoi gestire una flotta di account LinkedIn e svolgere il tuo lavoro di prospezione nei tuoi giorni liberi (facendoli lavorare solo un po’ di più di noi umani).

Questo può essere estremamente vantaggioso. Ma c’è un grosso problema: si trovano su server, spesso in un altro paese, su IP con un sacco di altri account LinkedIn che inviano tutti un sacco di azioni.

Quindi, per quanto riguarda LinkedIn, è improbabile che stiate inviando inviti e messaggi a grandi volumi, 24/7, dal Messico mentre vivete in Francia. Semplicemente non è un comportamento normale.

Quindi, con l’uso di questi strumenti Cloud, osserviamo tassi di restrizione più elevati e un sacco di Captcha che mirano a verificare che tu sia un umano.

Infine, ci sono strumenti di automazione che non spammano gli utenti e sono più o meno progettati per mantenere vivo il vostro account LinkedIn.

Tuttavia, Phantombuster per esempio non gestisce automaticamente i volumi giornalieri e i ritardi tra le vostre azioni. Quindi, un piccolo errore di configurazione e ti ritrovi con un account bannato…

ProspectIn + Cloud Francewaa, l’alternativa definitiva?

E se ti dicessi che esiste una soluzione ideale che combina i vantaggi dei due strumenti?

Sì, hai capito bene.

ProspectIn è uno strumento di automazione per LinkedIn in formato estensione Chrome, facile da usare e appositamente progettato per proteggere il tuo account: nessuna iniezione di HTML; i ritardi tra i tuoi messaggi sono gestiti automaticamente; quote giornaliere automatiche basate sulle regole implicite di LinkedIn in modo che il tuo account rimanga sotto il radar; una perfetta simulazione dei comportamenti umani (LinkedIn non può vedere la differenza); avvisi in caso di comportamenti considerati “a rischio ” che potrebbero danneggiare il tuo account.

Ma ProspectIn ha ancora un inconveniente: non può funzionare quando il tuo computer è spento. Ecco perché abbiamo creato Cloud Francewaa, che consente di eseguire ProspectIn nel cloud.

A differenza delle soluzioni concorrenti, ti offriamo un IP nel tuo paese, basato sul famoso provider VPN Nord VPN.

Quindi, per LinkedIn, stai semplicemente espandendo la tua rete e utilizzando una VPN per proteggere i tuoi dati. Tutto perfettamente normale!


Cosa succede se il mio account LinkedIn è limitato?


2 cose da non fare

  1. Panico

Le restrizioni su LinkedIn accadono ogni giorno. Non importa quale tipo di restrizione hai ricevuto, c’è una soluzione.

Nessuno vi farà causa perché il vostro account è stato limitato. Quindi, davvero, manteniamo la calma!

2. Crea un altro account (o almeno non subito)

Il riflesso in caso di restrizione, soprattutto per una restrizione completa permanente, sarebbe quello di creare subito un nuovo account.

LinkedIn non gradirà che lo facciate. Soprattutto se lo fate dallo stesso browser, perché memorizza informazioni nei vostri cookie che gli permettono di vedere che avete un primo account limitato.

Quindi aspettate di essere sicuri di essere definitivamente bannati per fare questo.

Cose da fare o come sbloccare il tuo account?

Il vostro account è stato limitato da LinkedIn? Ci sono diverse soluzioni per sbloccare un account LinkedIn.

Limiti di e-mail settimanali e richiesta di e-mail

Se LinkedIn richiede di inserire un’email ogni volta che si richiede una connessione, si consiglia di smettere di inviare richieste di invito per almeno 24 ore

Poi inviate manualmente un invito ogni giorno per vedere se il vostro account è stato sbloccato.

Se LinkedIn non vi sblocca, una soluzione per poter continuare a inviare richieste di connessione è quella di utilizzare uno strumento come Waalaxy che recupera automaticamente l’email prima di inviare la richiesta di connessione e quindi vi permette di non essere limitati.

I miei messaggi vengono classificati come spam

In questo caso ti consigliamo di:

  1. Aspettate qualche giorno prima di rimandare i vostri messaggi,
  2. Dimezzate il numero di azioni che inviate quando riprendete le vostre campagne,
  3. Usate diversi messaggi,
  4. Chiedete una risposta al vostro contatto, se possibile, per mostrare a LinkedIn che il vostro contenuto interessa il vostro contatto.

LinkedIn ha rilevato uno strumento di automazione

Se vi succede questo: se l’estensione è chiaramente identificata dal suo nome, vi invitiamo a smettere di usare questo strumento perché LinkedIn potrebbe rilevarlo di nuovo. Scegliete strumenti come ProspectIn, che non sono rilevabili da LinkedIn.

Se lo strumento non è chiaramente identificato dal suo nome, vi consigliamo di mettere in pausa le vostre campagne per qualche giorno e poi ridurre il volume dei profili su cui eseguite le azioni

Sbloccare un account limitato da LinkedIn

Nel caso in cui LinkedIn vi chieda un ID, c’è solo una cosa da fare: fornire il vero ID associato al profilo.

Se l’account è falso, non lo riavrete mai più. Se avete usato ProspectIn e state utilizzando l’offerta Enterprise potete ottenete i vostri lead ed esportateli in CSV e importarli in un altro account. Nel caso in cui LinkedIn non vi risponda dopo due settimane o vi dica che l’account è permanentemente bannato, purtroppo non c’è nulla che possiate fare riguardo a questo account. Se siete estremamente persistenti, potete provare a contattarli a questo indirizzo.


Il mio account è stato sbloccato: come evitare di essere nuovamente bannato?


Buone notizie. Sei stato limitato in qualche modo e il tuo account è stato sbloccato.

Ora devi stare molto più attento, perché sei nella lista nera. L’algoritmo ti osserverà più attentamente che mai e al minimo avvertimento ti bannerà di nuovo, e questa volta potrebbe essere permanente.

Abbassare i volumi

La prima cosa da fare se stavi prospettando è abbassare le tue quote. Lento e costante vince la gara.

Se possibile, inizia con 2-3 settimane senza alcuna attività. Suggeriamo poi di iniziare con 15-20 inviti al giorno per 1-2 settimane. Poi aumentare di altri 15-20 inviti giornalieri a settimana.

Rivedere i vostri approcci

Se il vostro account LinkedIn è stato limitato, forse la performance della vostra campagna era troppo bassa. Considerate di rielaborare i vostri approcci (non fa mai male) per avere un approccio meno commerciale, meno automatizzato e più umano. (Puoi leggere la nostra guida sulla prospezione efficace su LInkedIn nel 2021).

Scegli uno strumento automatico sicuro

Se il tuo account è stato limitato a causa dell’utilizzo di uno strumento di automazione, smetti di usarlo e passa invece a una soluzione più affidabile come Waalaxy o ProspectIn (con oltre 40.000 utenti oggi). La gestione del volume e la simulazione del comportamento umano mantengono il tuo account al sicuro.

Rispettare le buone pratiche

Fai sempre riferimento alle buone pratiche elencate sopra e fai un punto d’onore a non discostartene. Seguirle garantisce che il tuo account non venga bannato in modo permanente.


Il mio account è stato bannato in modo permanente, cosa devo fare?


Dopo aver contattato LinkedIn o inviato il vostro ID, LinkedIn vi ha detto che la restrizione dell’account è definitiva, spesso con la motivazione “Repeated violating their TOS”. Oppure non avete più notizie da loro dopo diverse settimane.

Sfortunatamente, non sarete in grado di riavere quell’account, e rimarrà nella “prigione di LinkedIn” per tutta la vita.

Ri creare un account LinkedIn

Il vostro primo account è bandito in modo permanente. Ma nulla vi impedisce di ricreare un nuovo account.

Non è bello per l’immagine ricominciare da zero, ma non avete davvero nessun’altra soluzione.

Prima cosa da fare: cancella i tuoi cookie e la tua cache per non lasciare traccia del vecchio account.

Naturalmente avrete bisogno di una nuova email (ma creare un account Gmail richiede pochi secondi) perché l’email del vecchio account è ancora associata.

Potete quindi creare un nuovo account LinkedIn!

Creare relazioni di qualità

LinkedIn non dà la stessa credibilità a tutti gli account LinkedIn. Un account con 10.000 connessioni, esistente da 5 anni e che pubblica ogni giorno ha meno probabilità di essere bannato di un account con 100 connessioni, pochi giorni di esistenza e nessuna attività.

Quindi evitate di fare prospezioni con il vostro nuovo account. Concentrati sulla costruzione di una rete di qualità di persone nel tuo settore, persone che ti conoscono.

Non aggiungere più di 10-15 persone al giorno per le prime settimane, fino a raggiungere almeno 300 contatti.

Completa il tuo profilo

Elementare mio caro Watson. Un profilo ben compilato ha due grandi vantaggi:

  • Mostrate a LinkedIn che siete una persona reale e apprezzate il fatto di fornire informazioni ai membri della rete su chi siete.
  • Siate più visibili nei risultati di ricerca.

Questo secondo punto è piuttosto importante: più appari nelle ricerche, più è probabile che tu venga contattato. Più sarete contattati, più LinkedIn considererà il vostro profilo interessante e reale, e meno probabilità avrà di rendervi sospetti.

Date quindi importanza al titolo, al riassunto e alla descrizione delle vostre attività precedenti.

Pubblicate contenuti

LinkedIn è un social network. È il mercato dei creatori di contenuti e degli utenti che li visualizzano.

Più contenuti di qualità ci sono, più LinkedIn ha valore. Quindi, se create contenuti, portate valore a LinkedIn. Se portate valore, è meno probabile che LinkedIn vi butti fuori.

Inoltre, i grandi contenuti attirano l’interesse, le richieste di invito e persino le opportunità di business.

Aspettate 3 mesi prima di usare uno strumento di automazione

Se siete stati banditi per aver utilizzato uno strumento di automazione, non saltate ancora nella tana del leone. LinkedIn presta molta attenzione al volume di nuove iscrizioni di account. Aspettate almeno 3 mesi e 500 relazioni prima di iniziare una strategia di prospezione automatica.

Una volta iniziata questa strategia, non dimenticate 3 principi importanti:

  • Qualità del targeting.
  • Pertinenza dei messaggi e degli approcci.
  • Graduale aumento dei volumi di invio.

Come gestisce Waalaxy le restrizioni attraverso LinkedIn?


Waalaxy è stato progettato per riprodurre perfettamente il comportamento umano. Abbiamo diversi meccanismi in atto per rimanere in osservabili.

D’altra parte, il recente aggiornamento di LinkedIn che aggiunge quote settimanali può apparire sia che tu stia usando Waalaxy, sia che tu stia inviando inviti manualmente.

Ora, Waalaxy integra un sistema che tiene conto di queste restrizioni. Il funzionamento è il seguente:

  1. Quando invii una richiesta di connessione, recuperiamo automaticamente l’indirizzo email della persona con cui vuoi connetterti e inviamo l’invito via email, risparmiando così la tua quota settimanale di invio.
  2. Se non siamo in grado di recuperare l’e-mail, inviamo l’invito direttamente tramite LinkedIn

Questo sistema ti permette di salvare le tue quote settimanali di invio di richieste di connessione e di recuperare una capacità di invio di richieste di connessione fino a 100 al giorno.


Conclusione: se il vostro account è limitato da LinkedIn


LinkedIn ha messo in atto una serie di misure di salvaguardia negli ultimi anni per prevenire gli abusi sulla rete. Le restrizioni sono per lo più temporanee. Possono essere evitate seguendo le buone pratiche e mantenendo un “uso normale” di LinkedIn. Nella maggior parte dei casi, se il vostro account è limitato da LinkedIn, potete uscirne seguendo i nostri consigli.


Per riassumere in 3 domande


Perché il mio account è stato limitato da LinkedIn?

Ci sono diverse ragioni possibili, ma sicuramente agli occhi dell’algoritmo hai abusato di LinkedIn. Per esempio, utilizzando un software di automazione, o hai inviato troppi inviti, o hai creato un falso account LinkedIn

È possibile sbloccare il mio account LinkedIn?

Sì, è possibile a seconda della restrizione. Passerete attraverso diverse fasi di verifica da parte di LinkedIn

Come posso evitare che il mio account venga limitato da LinkedIn?

Utilizzate uno strumento di automazione che metta la sicurezza del vostro account al primo posto come ProspectIn o Waalaxy. Non condividete contenuti inappropriati, non spammate gli utenti.

Ora sai tutto su un account limitato su LinkedIn! 🚀