I 6 cattivi motivi per non postare su LinkedIn

Published by Margot on

4 minutes
5/5 - (100 votes)

Ammettilo: hai visto persone su LinkedIn ottenere migliaia di visualizzazioni con… post di base. Forse conoscete qualcuno del tutto “normale” che ha postato su LinkedIn di recente. E sta avendo un grande successo.

Ma continuate a dirvi: “No, pubblicare su LinkedIn non fa per me”. E forse usi uno dei seguenti argomenti per convincerti a non pubblicare. Vi spiegheremo perché vi sbagliate (sì, è difficile da sentire).

Sindrome dell’impostore: non ho legittimità

La sindrome dell’impostore, conosciuta anche come self-doubt syndrome, induce una forma di dubbio malato in coloro che ne soffrono. Questi dubbi li portano a negare la proprietà di qualsiasi realizzazione, sia professionale che privata. Secondo questa teoria, le vittime tendono quindi a rifiutare sistematicamente il merito associato al loro lavoro e ad attribuire i loro successi ad elementi esterni come la fortuna, il duro lavoro, le loro relazioni, certe circostanze eccezionalmente favorevoli…”

In altre parole, stai pensando: cosa ho io che gli altri non hanno per parlare su LinkedIn?

Come sono legittimato a dare la mia opinione e a condividere contenuti.

Questa è una sindrome che molti imprenditori affrontano. Io stesso, all’età di 23 anni mentre scrivo questo, penso spesso “Come sono legittimato a dare la mia opinione su LinkedIn? Per condividere le cose?”.

Poi vedo tutte le persone che si impegnano sui miei contenuti. Quelli che mi aggiungono dopo aver visto i miei post per ringraziarmi e seguire altri miei contenuti.

LinkedIn è in gran parte utilizzato per parlare di se stessi. I contenuti di alto valore sono ancora abbastanza rari e gli utenti ne sono affezionati. Quindi c’è un’opportunità unica di pubblicare.

La legittimazione si ottiene attraverso l’esercizio stesso. Probabilmente avete delle conoscenze sul vostro argomento di competenza che sembrano “basilari”. Ma probabilmente in realtà, lei sa molto di più della maggior parte delle persone. Potete illuminarli. E vi ringrazieranno.

Cercate di trovare la fonte dei vostri contenuti. Assicurati di non dire sciocchezze. Da lì, niente vi rende meno legittimi di qualcun altro a pubblicare su LinkedIn.

Ma dipende da voi e dalla vostra ambizione, naturalmente. La scelta è vostra!

Pubblicare su LinkedIn richiede troppo tempo

Non hai letto il nostro articolo su “Come ottenere 75k visualizzazioni a settimana in 30 minuti al giorno“?!

Prima di tutto: non è necessario pubblicare su LinkedIn ogni giorno. Inizia con una volta alla settimana. La regolarità è un requisito fondamentale per una strategia LinkedIn di successo. È meglio postare poco frequentemente ma regolarmente che postare diverse volte di seguito e poi niente per lunghi periodi di tempo. Stabilisci un ritmo per te stesso.

Quindi, scrivere un contenuto sul tuo argomento di competenza, una notizia nel tuo settore, una piccola storia che ti è successa (e che porta valore al tuo pubblico), richiede circa 20 minuti a settimana. 20 minuti per migliaia di visualizzazioni potenziali. La domanda non dovrebbe nemmeno essere posta.

Non riuscirò mai a raggiungere

“Ok, sono legittimo. Ok la pubblicazione di contenuti non richiede molto tempo. Ma per quale portata? Ho già provato a pubblicare su LinkedIn. Non ho mai ottenuto più di qualche centinaio di visualizzazioni. La mia rete è probabilmente troppo piccola”

Primo: costruire un pubblico richiede un minimo di tempo e di post. Dovete “scaldare” l’algoritmo di LinkedIn.

Secondo: la costruzione di una strategia di contenuto efficace non si fa al volo. Deve essere preparato e costruito.

Terzo: la rete ha pochissimo impatto sulla tua portata editoriale. Ciò che conta davvero è il tasso di coinvolgimento. E poi nulla ti impedisce di impegnarti in una strategia di espansione della rete con strumenti di automazione per LinkedIn (e ottenere 400 nuove connessioni a settimana) Infine, se il tuo obiettivo è davvero quello di far fruttare il tuo tempo per ottenere decine di migliaia di visualizzazioni, l’uso dei pod è quasi essenziale.

LinkedIn è per il reclutamento

“Perché postare su LinkedIn quando è solo un mercato tra chi cerca lavoro e chi lo recluta?”

Se stai pensando questo, mi dispiace dire che hai perso un vagone del treno. L’80% dei lead B2B generati sui social network sono tramite LinkedIn. LinkedIn è la rete per trovare i tuoi clienti B2B! I tuoi potenziali clienti ti stanno probabilmente aspettando nel loro news feed. Non perdere questa opportunità!

Non so cosa dire

“Postare su LinkedIn richiede idee. Sapere cosa dire. Nessuno è interessato alla mia competenza, non so davvero di cosa parlare. “

Eppure c’è così tanto da dire. Tanti modi per implementare una strategia. Basta guardare gli esperti di LinkedIn come Ruben Taieb che postano ogni giorno. Alcuni dei contenuti ruotano intorno a domande sugli strumenti che usa il suo pubblico.

Cosa c’è di sbagliato in questo? È visibile, sta mettendo in mostra una competenza. Per non parlare di se stesso.

C’è così tanto di cui parlare:

  • Come hai superato un problema X
  • Qual è la tendenza del problema che il tuo servizio o prodotto risolve?
  • Quali sono le ultime notizie nel tuo settore (usando strumenti come Scoop-it per monitorare)
  • Racconta una storia ispiratrice, personale o da internet
  • Parla di un’abilità che ti interessa, di un contenuto recente che hai visto e che ti ha impressionato

Ciò che conta è adottare una buona strategia e preparare gli argomenti. Crea una nota, scrivi tutte le tue idee alla rinfusa. Chiedete alle persone intorno a voi o ai vostri colleghi di darvi delle idee. E quando li avete esauriti, perché non chiedere direttamente al vostro pubblico cosa vuole vedere?

Fare visualizzazioni è vano. Non porta affari

Vero e falso. Il business portato dalla tua strategia di contenuto

non è necessariamente direttamente proporzionale al numero di visualizzazioni che fai.

Ma non si può negare che le visualizzazioni che fai aumentano le possibilità di raggiungere potenziali prospettive e obiettivi.

Andando nella sezione “Post e attività” del vostro profilo LinkedIn, è possibile, cliccando sul numero di visualizzazioni, vedere qual è la tipologia del vostro pubblico. Un modo per sapere se si raggiungono le persone giuste. audience-linkedin

Pubblicare su LinkedIn non serve solo ad ottenere lead nella tua email. Si tratta anche di usare il “bias di familiarità”, che è che più sei esposto a qualcosa, più è probabile che ti piaccia.

Avete presente quella musica che all’inizio vi dava fastidio e che, dopo averla sentita alla radio, ora vi piace (anche se è difficile da ammettere)? Questo è il pregiudizio di familiarità.

Pubblicando regolarmente su LinkedIn,

vi state esponendo a tutto un pubblico che, il giorno in cui dovrà prendere una decisione d’acquisto, sarà più propenso a chiamare il vostro prodotto o servizio.

Allora, sei pronto? Non ci sono più scuse sbagliate per impegnarsi in una strategia di contenuti? O sei ancora convinto che l’editoria non fa per te?

Se è così, contattatemi su LinkedIn. Parliamone insieme!

Categories: Podawaa

Tweet
Share
Share