Come usare i gruppi di impegno o i pod senza sembrare tali?

Published by Margot on

3 minutes

Se hai iniziato a postare su LinkedIn, probabilmente ne hai sentito parlare. I gruppi di impegno (o pod) permettono di ottenere commenti e like, aumentando così l’impegno sul post e quindi la portata delle pubblicazioni.

podawaa interface

Ci sono due tipi di cialde: quelle manuali e quelle automatiche.

I baccelli manuali richiedono molto tempo ma hanno un minimo di commenti di qualità, che non sono un problema.

I pod automatici, d’altra parte, tendono a “farsi vedere”, il che significa che una persona esperta può facilmente capire se state usando pod automatici. Non è il massimo per l’immagine, vero? Ecco alcuni consigli su come nascondere questo.

Unisciti ai pod nella tua lingua

Quando John Smith, CMO di una società americana commenta il tuo post in francese, è molto sospetto.

Scegli i pod nella tua lingua, per ottenere commenti da persone del tuo paese.

Questo ha due vantaggi:

  • Rendere i commenti in questione più credibili
  • Aumenta la tua portata nella lingua mirata (l’algoritmo tende a mostrare i contenuti alle reti di persone che si impegnano con i tuoi post)

Scrivere buone recensioni

E integrarli nel tuo processo di creazione di contenuti. Non utilizzare i commenti di piattaforme come Lempod o Alcapod. Tutti li riconoscono e non aggiungono valore al tuo contenuto.

Quindi prendetevi il tempo di scrivere i vostri commenti, come se foste un vero utente. Schieratevi a favore e contro di voi stessi per creare un dibattito nei commenti. Chiedete alle persone intorno a voi di scriverne qualcuna per voi se vi manca l’ispirazione. Per buon commento, intendo qualcosa di diverso da :

“Grande post”, “Grande contenuto”, “Sempre buon contenuto {{firstname}}” ecc…

Scrivi almeno 5-6 commenti di 2-3 righe. E usa la seguente tecnica.

Portare i commenti qualitativi

Quando un utente vede il tuo post, non gli vengono mostrati tutti i commenti. Solo i più popolari per default, che sono quelli che hanno ricevuto più commenti.

Per nascondere alcuni dei tuoi commenti discutibili, rispondi ai commenti qualitativi che hai scritto per farli apparire in anteprima. Lo stesso vale per i commenti reali lasciati dal tuo pubblico: rispondi prima a loro, perché è una cortesia e aiuta a impegnarsi con loro, ma anche per nascondere tutti i tuoi commenti falsi che seguono, dando l’impressione che tutti i commenti che ricevi sono anche reali.

Mantenere un rapporto commenti/likes credibile

Avete mai visto un post con 700 like e 2 commenti?

Intendo nella vita reale, dove il growth hacking non esiste? Se ne avete mai visto uno, non c’è dubbio: usava i baccelli, e un po’ troppo!

Perché si può essere tentati di usare i pod per dire “1 commento vale circa 10 like in termini di peso per l’algoritmo”. Non ho intenzione di scrivere commenti e moltiplicare i pod per aumentare il numero di like”

Non c’è niente che ti impedisca di farlo e sulla carta funziona. Ma ammettere che non è molto credibile nel mondo reale.

Osserviamo sui post organici, un rapporto di 1/3 a 1/20 di commenti/likes. Vi invito a puntare a 1/10, che è un rapporto efficace e credibile.

Rimanere su volumi credibili e costanti

Sei un famoso sconosciuto e da un giorno all’altro il tuo contenuto riceve 1.000 commenti? Mmmh… dubbioso.

Dal momento che hai bisogno di mantenere rapporti di like/commenti credibili, mantieni volumi credibili e coerenti. I baccelli sono strumenti, non un fine in sé. Dovrebbero aiutarti ad aumentare la tua portata, non diventare una macchina incontrollabile che lascia migliaia di commenti. Se il tuo contenuto non sta creando coinvolgimento organico in qualsiasi momento, mettilo in discussione prima di aumentare il volume dei tuoi pod.


Usati correttamente, i pod sono uno strumento potente, ma usateli con saggezza. Non sei obbligato a seguire i miei consigli per mantenere un minimo di credibilità, ma potresti soffrire ad un certo punto.

Categories: Podawaa

Tweet
Share
Share