Come funzionano le scadenze e le quote di ProspectIn?

Published by Margot on

3 minutes

A ProspectIn, abbiamo delle quote ma anche dei limiti di tempo tra le azioni. Questo è dovuto al limite imposto da LinkedIn. Abbiamo dettagliato tutto in questo articolo in modo che tu possa capire come funziona il nostro strumento ?

ProspectIn quote

Quando usi ProspectIn qualunque sia il tuo piano hai delle quote giornaliere. Sul piano gratuito, hai da 10 a 15 azioni per tipo di azione al giorno. Ma sugli altri piani, si dice che le quote sono “illimitate” entro il limite imposto da LinkedIn. Infatti, LinkedIn limita il numero di messaggi/inviti/visite/follow-up che puoi inviare al giorno, per evitare lo spamming. Abbiamo messo questo limite per proteggere e garantire la sicurezza del suo conto. Tu non vuoi vedere il tuo account limitato, e nemmeno noi. È qui che ci differenziamo da strumenti come Linked Helper.

Questo limite giornaliero è tra 80 e 100 azioni di login, visite e follow-up del profilo e tra 120 e 150 messaggi, in modo casuale, per simulare al meglio il comportamento umano.

Una volta raggiunte queste quote, le vostre azioni non saranno più inviate, fino a quando non riavrete le vostre quote, il giorno successivo. Quando riavrete le vostre quote, le vostre azioni ricominceranno da sole (sempre che abbiate una scheda LinkedIn aperta). Puoi trovare le tue quote nella tua coda:

quotas prospectin

Ritardi tra le azioni e la coda

Per simulare perfettamente il comportamento umano e non essere rilevabile da LinkedIn abbiamo impostato dei ritardi tra l’esecuzione delle diverse azioni. Questi ritardi variano a seconda del tipo di azione:

  • Visita: +/- 30 secondi
  • Follow-up: +/- 1 minuto
  • Richiesta di connessione: +/- 2 min 30
  • Messaggio: +/- 2 min 30

È possibile visualizzare i ritardi tra le azioni della coda. Nella tua coda, le azioni appaiono nell’ordine in cui saranno eseguite.

Le azioni del tuo scenario hanno la priorità nella tua coda, quindi queste azioni saranno eseguite prima delle altre. Per esempio, se avete attualmente delle azioni “connessione” (non-scenario) nella vostra coda, e lanciate uno scenario con una richiesta di connessione, le richieste di connessione relative al vostro scenario saranno inviate per prime.

Come funzionano i ritardi di scenario

Per capire come funzionano i ritardi di scenario , facciamo un esempio.Quando si lancia uno scenario classico “visita/collegamento/messaggio” con un ritardo di 1 giorno tra le azioni, uno script che viene eseguito due volte al giorno analizza quando è stata eseguita l’ultima azione per determinare se il potenziale cliente deve passare al passo successivo o no.

Se, al momento dello script, l’ultima azione è stata eseguita meno di 24 ore fa, allora il prospect non passa alla fase successiva. Così, se sono passate 23 ore da quando l’azione è stata eseguita al momento dello script, il prospect non passerà alla fase successiva 1 ora dopo che lo script è stato giocato, ma 13 ore dopo, quando il secondo script del giorno viene giocato.

La nostra operazione “first in first out”

A parte gli script, per le azioni classiche, abbiamo istituito un’operazione “first in first out” (primo arrivato, primo servito). Questo significa che la prima azione aggiunta = la prima azione eseguita. Le azioni saranno eseguite in ordine di aggiunta, se possibile. Per esempio, se si esaurisce la quota per un’azione di invito, allora sarà messa alla fine della coda, e sarà eseguita al più presto quando si recupera la quota.

E se hai ancora delle domande, non esitare a contattare Margot sulla chat, ti risponderà molto rapidamente !

Amandine Capo del marketing (positivo) @ ProspectIn ? LinkedIn

Tweet
Share
Share